Spagna – esportazioni di vino, aggiornamento 2022

nessun commento

La Spagna non tiene il passo di Italia e Francia nel 2022 e si ferma a un timido +3% nelle esportazioni di vino, superando per la prima volta nella storia la soglia dei 3 miliardi di euro. Il “problema” spagnolo era la base di confronto: nel 2021 il paese aveva esportato 24 milioni di ettolitri di vino, un quantitativo quasi record. La “normalizzazione” del 2022 a 21.5 milioni di ettolitri è costata un handicap del 10% sui dati, che in effetti si confrontano con +10/12% per Francia e Italia. Dal punto di vista dei mercati, l’andamento molto negativo nel Regno Unito, primo mercato nel 2021 per il prodotto spagnolo e calato del 15% è stato la chiave per spiegare la cattiva performance. Balza all’occhio anche il crollo nel mercato cinese, che per qualche anno come vedete dal grafico animato qui sopra era diventato uno dei più importanti. Infine, non è una sorpresa che i vini spumanti (+6%) vadano un po’ meglio dei vini fermi… passiamo a un commento più approfondito nel resto del post.

  • Le esportazioni di vino spagnolo nel mondo crescono del 2.6% a 3.02 miliardi di euro. Di questi, 1.87 miliardi sono vini fermi in bottiglia, stabili sul 2021, 647 milioni sono fatti da vini sfusi (dove la Spagna primeggia nel mondo), +6% mentre 501 milioni sono di vini spumanti, anch’essi in crescita del 6% circa.
  • I volumi esportati calano del 10% a 21.5 milioni di ettolitri e fa abbastanza specie guardare il dato italiano, passato tra il 2020 e il 2021 da 1.3 a 2.4 milioni di ettolitri e tornato nel 2022 a 1.4 milioni di ettolitri. Al di là di questo “aneddoto” forse il dato più preoccupante è il calo strutturale delle esportazioni nel mercato francese quasi costantemente in discesa da diversi anni.
  • Tornando ai dati più importanti in valore, il mercato americano diventa la principale destinazione del vino spagnolo con 344 milioni di euro, +7% sul 2021 e +3% medio sui 5 anni, superando il Regno Unito che scende del 15% a 297 milioni di euro. Terzo mercato è la Francia con 261 milioni di euro di importazioni dalla Spagna e un incremento del 15% sul 2021 (che era andato oggettivamente male). Da notare i dati fortemente negativi in Cina ma… fortemente positive in Messico
  • Nel segmento specifico degli spumanti, sono i mercati secondari a spingere le esportazioni visto che Stati Uniti e Belgio sono stati praticamente stabili nel 2022 rispettivamente a 79 e 59 milioni di euro. In Germania invece il prodotto spagnolo cresce del 7%, in Svezia del 21% e addirittura raddoppia in Messico.
  • Vi lascio alle tabelle e ai grafici.

 

[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>