Cava – produzione e vendite, aggiornamento 2018

nessun commento
[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

 

Parliamo oggi dei numeri del Cava, il più famoso spumante spagnolo, che poggia su una struttura produttiva di 6647 produttori e 37924 ettari iscritti alla denominazione, leggermente superiore a quella dello Champagne (34300 ma con 1600 vignerons) per un valore economico della produzione di circa 1.1 miliardi di euro (contro i 4.9 miliardi sviluppati dallo Champagne). Secondo il rapporto del consorzio locale, nel 2018 il valore delle spedizioni è rimasto stabile, mentre sono calati i volumi di circa 8 milioni di bottiglie, da 252 a 244 milioni, essenzialmente a causa della riduzione del mercato domestico, che sembra imputabile più a un fenomeno di “destocking” (cioè di riduzione di scorte di prodotto nella distribuzione). Fatto sta che il mercato spagnolo ha assorbito meno di 80 milioni di bottiglie, mai così poche da quando guardiamo a questa classifica, non compensato dal timido incremento delle esportazioni (+2%). Di questi 244 milioni di bottiglie circa 20 sono di vino rosato e va notato che non stanno crescendo nel tempo. Invece sono 10 i milioni di bottiglie “bio” (o come le chiamano loro “ecologico”), in rapida crescita dai 4 milioni del 2016 e dai 6 milioni del 2017. Anche per il Cava si prospetta dunque uno scenario di crescita di “mix” più che di volume, come per lo Champagne, il che lascia spazio per ulteriori prese di quota di mercato del prodotto italiano, che resta comunque ancora molto focalizzato sul mercato domestico. Passiamo ai dati.

 

  • Le consegne di Cava nel 2018 calano del 3.2% a 245.5 milioni di bottiglie. Di queste, 213 milioni sono di Cava Traditional, -3%, 26.7 milioni di Cava Riserva (-7%) e 4.7 milioni di Gran Riserva (+18%). Inoltre, il 4% circa delle vendite sono di Cava Ecologico (1% due anni fa) e circa 20 milioni (stabili nel tempo) sono di rosato, l’8% circa del totale.
  • La Spagna è in calo del 12% a 79.4 milioni di bottiglie, mentre in Europa le vendite crescono del 2% a 115 milioni di bottiglie nei paesi extra europei il Cava fa +1% a 50 milioni di bottiglie. Il calo del mercato spagnolo sembra però essere disallineato dalle vendite, che secondo il consorzio sono stabili (e in crescita del 3% a valore).
  • All’estero il Cava ha quindi avuto un ulteriore leggero incremento di volume che lo portato a 165 milioni di bottiglie, +2%. I principali mercati restano la Germania, 32 milioni di bottiglie e +2% e il Belgio (28m e -3%), mentre gli USA (21.7m e +3%) superano per importanza il Regno Unito, in calo per il terzo anno consecutivo, a 22 milioni di bottiglie (-6% nell’anno e anche in media negli ultimi 5 anni).
  • A supportare il Cava sono alcuni mercati minori, come la Svezia, +24% a 5 milioni di bottiglie, e l’Olanda anch’essa a 5 milioni di bottiglie, +16%, entrambi i mercati con una progressione molto importante nel corso degli ultimi anni. Vi lascio ai grafici per gli ulteriori dettagli.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>