dati ISTAT


Molise – produzione vino ISTAT 2013 e dati vini DOC Federdoc 2012

nessun commento
molise 2013 1

 

Man mano che compilavo le tabelle mi sono persuaso che questo, più che essere un bel post sulla produzione vinicola del Molise, è un “tentativo di post”. Se guardate i numeri ISTAT sono molto incompleti, chiaramente stimati (anche in modo abbastanza brutale). Ho dovuto escludere la produzione provinciale perchè i numeri sono stati invertiti tra Campobasso e Isernia, talchè la prima non produce quasi nulla (al contrario degli anni scorsi) e viceversa. Infine, inutile dire che la produzione stimata da ISTAT per i vini DOC, quasi 200mila ettolitri, non è in alcun modo confrontabile con i dati Federdoc (22mila ettolitri nel 2012). Anche se il post non ha valore, il mio tempo (dedicato a farlo) lo è. Quindi ho deciso di pubblicarlo. Il commento che segue è chiaramente limitato.

Continua a leggere »

Basilicata – produzione vino ISTAT 2013

nessun commento
basilicata 2013 1

 

Continuiamo il viaggio nelle regioni italiane con i dati sulla produzione di vino in Basilicata. Purtroppo non sono riuscito a combinare i dati sulle produzioni DOC di Federdoc perchè sono mancanti per il 2012. La produzione di vino in regione è stata secondo ISTAT di 178mila ettolitri, di cui 112mila in provincia di Potenza e 66mila in quella di Matera.

I dati mostrano un calo rispetto al 2012 del 6%, quando però si registrò un balzo molto importante. Vista in prospettiva storica, la la produzione è del 14% circa superiore alla media del quinquennio precedente, decisamente meglio della media nazionale.

La produzione in crescita più evidente è quella di vini rossi, che con 142mila ettolitri rappresenta l’80% della produzione totale. Purtroppo non sono rintracciabili significative tendenze dato che i dati sono uniformati per vini bianchi, rossi, DOC, IGT e  da tavola alla variazione del 6%.

Buon Ferragosto a tutti!

Continua a leggere »

Campania – produzione di vino e superfici vitate – aggiornamento 2013

nessun commento
campania 2013 0

 

Proseguiamo con la Campania il “giro” delle regioni italiane sulla produzione di vino 2013. Nell’ambito di una annata di forte recupero dei volumi produttivi, la Campania non ha avuto un andamento così positivo. La produzione di vino è cresciuta, ma solo del 7%, contro una media nazionale del 18%. Anche allargando l’orizzonte agli ultimi 5 anni, la produzione 2013 appare leggermente inferiore, quando invece per il dato nazionale siamo largamente sopra media. La Campania resta una regione in ritardo rispetto all’introduzione delle DOC ma anche delle IGT: tale caratteristica risulta ancora più evidente nelle annate “ricche” come il 2013: ben il 72% della produzione è stato di vini comuni. Andiamo a vedere i dati in dettaglio.

Continua a leggere »

Toscana – produzione di vino – aggiornamento 2013

nessun commento
toscana 2013 0

 

Inauguriamo con la Toscana il “giro” delle regioni italiane sulla produzione di vino 2013. Spero non siano molti di voi rimasti a casa a leggere questi numeri perchè i dati di ISTAT per la regione di quest’anno fanno veramente pietà. Purtroppo abbiamo un solo numero, due milioni seicento cinquanta sette mila ettolitri (2657mila), che rappresenta la produzione 2013 della regione. Tutto il resto ossia bianchi, rossi, verdi (ops), DOC, IGT, vini comuni, ma lo sapete che è cresciuto tutto esattamente del 26.7%, tanto quanto la produzione regionale? Ci consoliamo focalizzandoci sulla produzione per provincia, che invece sembra in effetti costruita con un po’ più di coscienza… e guardando questi dati la vendemmia più ricca della regione è certamente quella di Siena. Leggiamo insieme qualche numero.

Continua a leggere »

Esportazioni di spumante italiano – aggiornamento primo trimestre 2014

nessun commento
expspum q114 1

 

Alla tipica stagionalità del consumo di spumanti, nel primo trimestre 2014 si aggiunge anche la questione Pasqua che (speriamo) abbia avuto un ruolo nella partenza falsa della categoria “Asti” degli spumanti italiani. Infatti, se le esportazioni di spumante del trimestre crescono del 18%, ciò è tutto legato agli altri spumanti DOC, in salita del 35%, a compensare un calo dell’6% delle esportazioni di Asti. L’analisi dell’andamento dell’Asti DOC ci dice però che c’è di più della Pasqua a spiegare il calo dell’Asti: il mercato russo sta indietreggiando di nuovo dopo il recupero prodigioso del 2013. Nel complesso, i numeri sembrano dirci che una volta esaurita la spinta prodigiosa del mercato inglese sarà difficile proseguire la crescita, data la progressiva decelerazione nel mercato americano… andiamo a commentare qualche numero insieme.

Continua a leggere »