dati ISTAT


Esportazioni di spumante italiano – aggiornamento primo trimestre 2014

nessun commento
expspum q114 1

 

Alla tipica stagionalità del consumo di spumanti, nel primo trimestre 2014 si aggiunge anche la questione Pasqua che (speriamo) abbia avuto un ruolo nella partenza falsa della categoria “Asti” degli spumanti italiani. Infatti, se le esportazioni di spumante del trimestre crescono del 18%, ciò è tutto legato agli altri spumanti DOC, in salita del 35%, a compensare un calo dell’6% delle esportazioni di Asti. L’analisi dell’andamento dell’Asti DOC ci dice però che c’è di più della Pasqua a spiegare il calo dell’Asti: il mercato russo sta indietreggiando di nuovo dopo il recupero prodigioso del 2013. Nel complesso, i numeri sembrano dirci che una volta esaurita la spinta prodigiosa del mercato inglese sarà difficile proseguire la crescita, data la progressiva decelerazione nel mercato americano… andiamo a commentare qualche numero insieme.

Continua a leggere »

Il consumo di bevande alcoliche in Italia – aggiornamento ISTAT 2013

nessun commento
consumo alcolici 2013 0

 

In corrispondenza del Vinitaly, ISTAT ha rilasciato i dati relativi al consumo di alcolici. La pubblicazione, originariamente focalizzata a fotografare i comportamenti devianti dell’eccesso di consumo di alcolici si è con gli anni arricchita di nuove sfaccettature e oggi offre un vasto database di dati sul consumo di vino in Italia per sesso, fascia di età, livello di istruzione e zona di residenza. Oggi presentiamo i dati generali, per dedicarci più in là nell’anno a dare un’occhiata ai numeri particolari. La situazione del 2013 differisce da quella degli altri anni per un semplice aspetto: il consumo di bevande alcoliche è sceso per tutte le categorie, in termini di penetrazione sulla popolazione, a differenza del passato in cui scendeva il consumo di vino e si manteneva o incrementava quello di birra e di altre bevande alcoliche. Alcune tendenze sono rimaste, come quella che vede gradualmente sparire i forti bevitori e quelli “abituali” a favore di quelli sporadici, altre sembrano emergere, quali un forte calo del consumo di vino nelle regioni del Nord Ovest, che non corrisponde a quello che si può osservare nelle altre macroregioni. Andiamo insieme a commentare i dati, che come sempre raccolgono una serie finalmente sufficientemente lunga di dati, dal 2007 a questa parte.

Continua a leggere »

Molise – produzione vino – dati Federdoc 2011 e ISTAT 2012

1 commento
molise ISTAT 2012 2

 

La produzione di vino in Molise è cresciuta del 25% nel 2012 a circa 319mila ettolitri. Tale incremento si confronta con un calo della produzione italiana del 4% (secondo le ultime stime di ISTAT) e un incremento dell’1% per la produzione nel Sud Italia. E’ dunque una piccola regione che è andata meglio del resto d’Italia ma che viene da alcuni anni molto negativi. Andiamo a leggere i dati in dettaglio, con l’avvertenza che i dati ISTAT sono particolarmente dubbi per il modo in cui si susseguono negli anni…

Continua a leggere »

Basilicata – produzione vino – dati Federdoc 2011 e ISTAT 2012

nessun commento
basilicata istat 2011 0

 

Purtroppo spesso capita che la review delle produzioni vinicole regionali lasci indietro alcune regioni più piccole. Questo weekend mi propongo di coprire il buco con un trittico Basilicata-Molise-Valle d’Aosta che copra il buco. Sono post molto leggeri in quanto a commento ma tanto dettagliati quanto tutti gli altri per quanto riguarda la parte numerica e tabellare.

Partiamo giust’appunto dalla Basilicata, che nel 2012 secondo ISTAT ha beneficiato di un forte incremento della produzione, +70% a 189mila ettolitri, sostanzialmente focalizzato nel segmento dei vini rossi (preponderante) e visibili in tutte le categorie produttive. Andiamo ai dettagli.

Continua a leggere »

Liguria – produzione vino – dati Federdoc 2011 e ISTAT 2012

nessun commento
liguria 2012 1

 

Siamo in fase di completamento della carrellata della produzione di vino nelle varie regioni per il 2012. Oggi analizziamo brevemente la Liguria, che secondo ISTAT ha prodotto nel 2012 46mila ettolitri di vino. Il grafico dice già molto del commento che si può fare: mai così bassa. Quello che sembra essere rincuorante è però quello che sta dietro questo numero e cioè, (1) una sempre maggiore focalizzazione sui vini di qualità, (2) la crescente specializzazione della produzione di vini bianchi, dove la regione ha alcune interessanti denominazioni. I dati Federdoc, relativi invece al 2011, mostrano che le due principali DOC, Riviera Ligure di Ponente e Colli di Luni sono un buona salute. Vediamo i dati.

Continua a leggere »