Il bilancio 2006 di CAVIT – strategie e prospettive

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Prima di passare alle prospettive, e’ pero’ bene guardare un po’ i numeri di CAVIT in ottica quinquennale. Cavit ha continuato a crescere in modo significativo in volumi (a un tasso dell’11% annuo!), ma dal 2004 in avanti pare aver cominciato a sacrificare il mix dei prodotti (sottolineo che si tratta di una nostra sima: siamo costretti a presumere che i volumi di vino acquistati, che conosciamo, siano uguali a quelli venduti, che non conosciamo…). Il prezzo medio e’ intorno a 2.5 euro al litro, superiore a 2.1 misurato nel 2001, ma con un andamento a "gobba"…

Before talking about future plans, it is worth to give a look to CAVIT performance over the last 5 years. Cavit grew significantly in terms of volumes (+11% yearly for the 5 years!), but starting from 2004 it seems that the mix was deteriorating (be careful: this is our estimate, based on the assumption that wine purchased, which we know, is equal to wine sold, which we do not know). The average price is about 2.5 euro per liter, still above the 2.1 of 2001, but with a clear change of direction in 2004…

cavit06-3-1.bmp

Allora, si parlava di prospettive e strategie sui mercati. Cosa dice Cavit::

  • USA. Molto bene, con fatturato +9%. Boom del Pinot Noir CAVIT che fattura in USA 10 milioni (mi sembra uno sproposito, pero’ scrivono cosi’…);
  • Europa e resto del mondo. +4.5% fatturato, +8% volumi. Germania male +1%, UK meglio +6%.
  • Italia. Negativo Horeca, retrocesso ai livelli del 2000. Crescita nella distribuzione moderna.
  • Prospettive prossimo esercizio: mercato in miglioramento.
  • Nuovi investimenti: piano triennale di 23 milioni, di cui 20 milioni dedicati al polo logistico.  

So, what are the plans of CAVIT and the performance in the main areas?

  • USA: very good performance with 9% increase in sales. They declare revenues of Pinot Noir CAVIT of 10 million in US, which to me is a disproportionate figure…
  • Europe and rest of the world: +4.5% sales, +8% volumes. Germany bad +1%, UK better +6%.
  • Italy: negative HORECA segment (hotels, restaurants, catering), which is back to the volumes of 2000. Growth in the large stores
  • New investments: three-years plan of 23 million, of which 20 million devoted to a new automated warehouse.

 Dal punto di vista regolamentare le puntializzazioni di Cavit sono le seguenti:

  • il mercato italiano ha eccedenze annue ricorrenti nell’ordine di 15 milioni di ettolitri;
  • la politica dell’UE e’ contraddittoria, dato che da un lato prevede di risolvere l’eccedenza estirpando i vigneti, dall’altro prevede di liberalizzare gli impianti dal 2010 e di autorizzare l’importazione di mosti da vinificare;
  • al contempo, non si fa abbastanza per promuovere il vino europeo;
  • Le richieste italiane sono: (1) estirpazioni calibrate di impianti meno atti a produrre; (2) riduzione solo graduale della distillazione e introduzione graduale delle nuove norme; (3) no vinificazione di mosti importati; (4) ulteriore differenziazione tra DOC-DOCG e il resto dei vini consentendo a questi ultimi un ampliamento delle pratiche enologiche atti a renderli concorrenziali.

Regulation:

  • the italian market has an excess of production of 15 million hl on a yearly basis:
  • the EU strategy is ambiguous, since it tries to solve the overproduction problem by pruning vineyards, while on the other hand it plans a liberalisation of new vineyards from 2010 and to allow must imports;
  • at the same time, there is a lack of initiatives to support european wine
  • the requests of Italians should be: (1) gradual pruning of vineyards with a focus on less interesting areas; (2) gradual reduction of crisis distillation and gradual introduction of new rules; (3) to forbid the import and vinification of foreign musts; (4) further differentiation of VQPRD category, allowing deregulation of enologic practices for other wines, to be more competitive with similar foreign products.

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>