Sud Africa


Le esportazioni di vino nel mondo – aggiornamento 2014

nessun commento
export mondo 2014 0

 

Anche se il passo è stato meno sostenuto che nel 2013, anche nel 2014 l’Italia è riuscita a compiere un leggero progresso nel suo posizionamento nel commercio mondiale di vino. Date le evidenti problematiche di far crescere i volumi, come ben sapete la partita si gioca sulla qualità dei prodotti e sulle quote di mercato rispetto agli altri paesi. Da questo punto di vista il vino italiano, pur partendo da una posizione che non rispecchiava le nostre ambizioni, si è ripreso. Nel 2014, il prezzo medio di export è di circa 2.5 euro al litro ed è quello cresciuto di più negli ultimi anni. La Francia è ancora molto lontana (5.4 euro), ma abbiamo “allontanato” paesi come il Cile, l’Australia o il Sud Africa che qualche anno fa avevano prezzi di export molto simili e, come commentavamo, potevano beneficiare di costi locali ben più bassi dei nostri. Quindi, la lettura dei dati è positiva. Con 5.1 miliardi di export siamo gli unici in crescita rispetto allo scorso anno insieme al fenomeno Nuova Zelanda e al Sud Africa. In un arco di medio termine (5 anni) il nostro tasso di crescita (8%) è superiore sia a quello francese (7%) che a quello spagnolo (6%).

Cosa succederà nel 2015? Le premesse sembrano positive. I mercati emergenti hanno ancora problemi, e questo sembra essere più una questione francese che italiana. L’euro si è indebolito e questo favorisce l’export italiano in USA, ma dobbiamo stare attenti che lo stesso vale per gli altri. Infatti, ai più attenti non è sfuggito che le esportazioni francesi hanno dato segni di risveglio nell’ultimo trimestre del 2014. Vedremo, per ora concentriamoci sui dati.

Continua a leggere »

Sud Africa – produzione di vino e superfici vitate, aggiornamento 2013

nessun commento
sud africa 2013 0

Aggiorniamo oggi le statistiche sul settore vinicolo in Sud Africa, che gode di ottima salute grazie alla combinazione di ottime annate in termini quantitativi prodotti (grazie a un forte aumento della resa), di un mercato locale in progresso costante e soprattutto di esportazioni in forte crescita (sopratttutto nel segmento dei vini bianchi) anche grazie alla svalutazione del cambio. Le entrate delle cantine sono in forte crescita, secondo il rapporto pubblicato da Sawis. Analizziamo i dati insieme.

Continua a leggere »

Le esportazioni di vino nel mondo – aggiornamento primo semestre 2014

nessun commento
export mondo 2014 h1 0

 

E’ decisamente ora di fare il punto della situazione sulle esportazioni, che per il primo semestre 2014 sono leggermente scese (-3%) quando guardiamo i dati dei 7 principali paesi esportatori che abbiamo raccolto e tradotto in Euro. Il numero preciso è 9.1 miliardi di euro contro 9.3, per Francia, Italia, Spagna, Cile, Australia, USA e Argentina. Il campione, giusto per essere preciso con i lettori del blog, è leggermente più ristretto di quello dei dati annuali, quando invece aggiungiamo anche Nuova Zelanda, Sud Africa e talvolta la Germania. Quali sono le novità che trovate in questo post? Due, e un po’ le sapevamo: primo, che l’Italia fa meglio del resto dei paesi. La quota di mercato su questo campione di 7 è salita al 26%, credo il massimo storico. Ovviamente l’obiettivo è raggiunto “resistendo” (+1%) piuttosto che crescendo, ma questo è. L’Italia è un paese che esporta in mercati tradizionali, non “nuovi”, forse ad eccezione della Russia. E proprio questi “nuovi” mercati stanno dando dei grattacapi ai nostri cugini francesi, tra politiche “anti corruzione” e rapporti di cambio impazziti. Secondo, che per la prima volta nella storia (credo) l’Italia esporta più valore che volume, cioè la sua quota parte di valore è superiore a quella del volume. Un misero 0.1% ma di nuovo, è una svolta epocale, che sta gradualmente riportando il nostro paese dove deve e dove può stare: tra quelli che esportano vino di qualità. Andiamo a vedere insieme i dati.
Continua a leggere »

Le bilance commerciali del vino – aggiornamento 2013

nessun commento
bilcom 2013 0

 

Oggi sfrutto i dati del GTA Atlas che ha pubblicato ISMEA recentemente per fare il punto sulla bilancia commerciale del mondo del vino. Come voi sapete, il commercio internazionale di vino e’ un mercato gigantesco, pari a circa 100 milioni di ettolitri e 25 miliardi di euro. Sappiamo tutti chi sono i grandi esportatori (Francia, Italia, Spagna in primis, poi Cile e Australia), sappiamo anche chi sono i grandi importatori, cioe’ i grandi paesi anglosassoni come USA e Regno Unito, ma non parliamo mai della “bilancia commerciale”, cioe’ di come si muovono i saldi netti di import-export per paese. Ebbene, con questi dati pur leggermente incompleti perche’ le esportazioni e le importazioni di qualche paese con volumi marginali non sono listati (lo trovate in carattere italico nella tabella), possiamo farci una idea decente. E il risultato ci vede saldamente primi come volumi (17.6 milioni di ettolitri contro i 16 della Spagna) e secondi come valore (4.7 miliardi di euro nel 2013 dopo la Francia a 7.1 miliardi). Ma soprattutto ci vede primi come trend tra i grandi esportatori, avendo realizzato una crescita anche nel 2013 quando gli altri paesi hanno visto la bilancia commerciale stabilizzarsi. Solo frutto del nostro export? Non proprio, l’economia interna debole ha aiutato a mantenere sotto controllo le importazioni. E dall’altra parte chi c’e’? Il Regno Unito che di vino non ne produce e ne riesporta ben poco. Andiamo ai numeri.

Continua a leggere »

Esportazioni di vino del Sud Africa – aggiornamento 2013

2 commenti
S AFRICA EXPORT 2013 0

Grazie ai dati pubblicati dal Corriere Vinicolo di recente sulle esportazioni di vino (e nonostante i dati siano “buttati lì” senza alcuna rielaborazione), sono riuscito a ricostruire un dato che è sempre mancato nel blog, cioè l’export di vino del Sud Africa, compreso il dato sul valore, sempre difficile da cogliere. Nel 2013 questa analisi assume una valenza ancora superiore perchè il Sud Africa ha esportato molto più vino, forte di una svalutazione del cambio portentosa, nell’ordine del 20% in media nel 2013 contro il 2012. Che cosa hanno fatto? Hanno semplicemente continuato a vendere il vino allo stesso prezzo in valuta locale, “regalando” in questo modo la svalutazione del cambio ai paesi destinatari. Ne risulta un quadro dove, i volumi di esportazione sono cresciuti a un livello record di 6 milioni di ettolitri (esclusi i vini spumanti, comunque irrilevanti) per un valore di 8 miliardi di Rand, che in Euro si legge (15 Rand = 1 Euro attualmente) circa 540 milioni di euro. Il prezzo medio di meno di 1 euro al litro (e di meno di 2 euro per i vini imbottigliati) vi fa subito rendere idea di quale tipo di prodotto viene esportato. Infine, come vedremo, la geografia dell’export sudafricano è piuttosto simile alla nostra, con un paio di eccezioni: la forza in UK e in Olanda. Andiamo a commentare i dati insieme.
Continua a leggere »