Baron de Ley – risultati 2015

nessun commento
barondeley2015 1

Meno utili ma più generazione di cassa. Questo può essere un riassunto efficace dell’annata 2015 di Baron de Ley, che ha visto il fatturato riprendere vigore e superare i 90 milioni di euro (non lo faceva dal 2007) ma un calo dei margini che il management ha associato al rincaro dei costi delle materie prime e alla svalutazione del valore del vino in magazzion. Tutto ciò non ha però intaccato la generazione di cassa, che in una annata senza riacquisto di azioni e pagamento di dividendi, ha toccato quota 30 milioni di euro, non male per un’azienda che ha un valore di borsa inferiore a 500 milioni di euro. Infatti, nell’ultimo anno, le azioni sono cresciute del 19%, meglio di tutte le altre piccole aziende europee del segmento vino quotate (Advini +8%, Masi 0%, Italian Wine Brands -7%). Con 140 milioni di euro di cassa netta Baron de Ley potrebbe comperarsi il 30% del capitale (come peraltro ha fatto per diversi anni). Chissà che cosa succederà nel 2016… per ora andiamo ad analizzare i dati.

Continua a leggere »

Santa Margherita – risultati 2015

1 commento
santamargherita2015 0

Il 2015 di Santa Margherita è un anno di transizione, in cui è stata fatta l’importante scelta strategica di distribuire direttamente in USA  e il cui costo di avviamento ha fortemente influenzato i margini aziendali. E’ anche un anno strano: il primo dalla crisi del 2009 in cui le vendite estere crescono meno di quelle italiane. Intendiamoci: sono le vendite italiane che sono andate molto bene.

Il bilancio che ne risulta ha un un profilo di crescita delle vendite coerente con gli anni passati (+7%, il salto sarà nel 2016, incamerando fatturato e margine americano), mentre utili e margini sono stati come dicevamo influenzati dall’operazione in USA. In particolare, la distribuzione è stata avviata nel 2015 soltanto per i brand secondari, mentre le vendite di Santa Margherita sono iniziate solo nel 2016, ma non i costi della struttura a questo scopo dedicata. Detto questo, nel 2015 i margini di profitto e il ritorno sul capitale si sono attestati su un livello leggermente inferiore agli anni precedenti ancorchè soddisfacente (e giudicato in modo positivo dall’azienda), anche provvedendo ai necessari aggiustamenti. Passiamo a discutere qualche numero insieme.

Continua a leggere »

Esportazioni di spumante Italia – aggiornamento primo trimestre 2016

nessun commento

expspum q116 1

 

Come dicevamo qualche giorno fa, i dati del primo trimestre sono molto particolari, considerando un giorno un più (29 Febbraio) ma anche, nel caso degli spumanti, la stagionalità della Pasqua, caduta più dentro il primo che non al secondo trimestre. Detto questo, gli spumanti restano l’unico fattore di crescita delle esportazioni in questo primo trimestre, con un incremento del 21% a 230 milioni di euro. Anche nella categoria si idenfica una forte divaricazione tra gli spumanti DOP, che volano a +34%, e le altre cagorie, stabili o calanti. Ma anche tra le geografie, con Regno Unito e USA che sostengono le vendite. A tale proposito, l’andamento del referendum di questo mercoledi (23 giugno) sarà particolarmente importante per definire l’andamento dei prossimi mesi. Entriamo quindi nei dati di dettaglio.

Continua a leggere »

Piemonte – produzione e valore vini DOC 2014

nessun commento
PIEMONTE FEDERDOC 2014 2

Cominciamo anche quest’anno a guardare alla produzione DOC dei principali poli vinicoli italiani. Come abbiamo visto nel post generale, la produzione 2014 è stata colpita dalle cattive condizioni climatiche, che nel caso del Piemonte hanno comportato secondo i dati Federdoc una riduzione piuttosto limitata della produzione, -3% a 2.1 milioni di ettolitri. Come sempre confrontiamo il dato con ISTAT, che dice un numero molto simile 2.15 milioni di ettolitri ma parla di un calo più marcato, -10%. In tutti i casi, non un buon anno, anche se la propensione verso i vini di qualità cresce, con un incremento dell’1% della superficie denunciata, 28700 ettari nel caso del Piemonte. Come sempre, calcoliamo anche il valore ai prezzi all’origine delle denominazioni principali. Cresce a 130 milioni il valore della DOC Asti, per la combinazione di produzione in crescita e prezzi in calo, mentre cala la produzione di Barolo, a 72 milioni di euro, principalmente a causa della cattiva annata in termini quantitativi. Andiamo dunque a leggere i dati più importanti.

Continua a leggere »

Esportazioni di vino italiano – aggiornamento primo trimestre 2016

nessun commento
export q116 1

I dati sulle esportazioni di questi primi mesi del 2016 sono molto volatili, anche a causa delle differenze di calendario (anno bisestile, Pasqua leggermente anticipata). Ciò non aiuta a leggere le tendenze sottostanti, che vanno meglio identificate su periodi più lunghi. Detto questo, il primo trimestre chiude con un leggero incremento dell’export, circa +3%, essenzialmente legato alla crescita degli spumanti, che potrebbe essere stata leggermente aiutata dalla Pasqua. Intendiamoci, i dati non sono negativi: le esportazioni globali italiane sono rimaste stabili a 99 milliardi di euro nel trimestre e la categoria dove sta il vino (con alimentari e tabacco) è cresciuta da 6.9 miliardi a 7.1 miliardi (+1.8%). Certamente avendo il cavallo degli spumanti che sta correndo, forse i dati non sono così positivi come si poteva sperare. I vini fermi imbottigliati non crescono più a quanto è dato di vedere, così come sembra essersi esaurito il calo dei vini sfusi. Ne parleremo più diffusamente nei prossimi giorni con l’analisi dei vini spumanti, ma il loro incremento è sempre più legato al Regno Unito, che in questi giorni è al centro dell’attenzione per questo referendum sull’uscita dall’Unione Europea. Se vincesse il “sì” (“usciamo”) la sterlina perderebbe immediatamente valore, rendendo più costosi i nostri prodotti. Certamente un problemino da tenere in considerazione. Per ora, soffermiamoci sui dati trimestrali.

Continua a leggere »