l consumo di vino in Italia – dati 2018 per regione e classi di età

1 commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Eccoci alla seconda serie di dati sul consumo di vino in Italia, dove analizziamo le tendenze di consumo per età e per regione. Diciamo subito che i segnali positivi di cui parlavamo nel primo articolo si ritrovano anche qui, naturalmente declinati dentro l’assunto generale che si beve meno spesso di una volta. E i dati da ormai qualche anno ci dicono che sta aumentando la penetrazione del consumo di vino nei giovani, che è la cosa più importante. Consultando la tabella troverete che il 29% dei 18enni di 10 anni fa beveva vino, mentre i 18enni di oggi sono il 35%. Quei 18enni di 10 anni fa ricadono oggi nella categoria “25-34 anni” del 2018 e si osserva una penetrazione del 56%. Se quei 6 punti di vantaggio si mantengono nei prossimi anni, potremmo trovarci nel giro di 10 anni in un mercato italiano stabilizzato anche in valore e non soltanto in volume. Ad ogni modo, è interessante notare come per praticamente tutte le fasce di età il la penetrazione di consumo sale. Dal punto di vista regionale come sappiamo i dati sono più volatili. Nella rilevazione 2018 soltanto il Trentino Alto Adige, l’Umbria e le Marche hanno dati negativi, mentre l’Emilia Romagna diventa secondo ISTAT la regione con la più alta penetrazione di consumo (62% contro il 54% nazionale), mentre al lato opposto della classifica resta la Sicilia (43%). Va infine notato come i centri delle città metropolitane e in genere le città con più di 50mila abitanti siano i luoghi che da sempre mostrano la penetrazione più alta, segno che il consumo di vino è legato sempre di più al livello del reddito pro-capite. Passiamo ai dati.


 

 

  • Tra le fasce di età la penetrazione di consumo maggiore si rileva tra i 55 e i 64 anni, con livelli intorno al 62%. Nel 2018 sono i 60-64 anni a segnare il 63%, in forte crescita dal 60% degli anni scorsi e in recupero sui livelli del passato. Come dicevamo sembrano incoraggianti i dati dei giovani: il 19% nella fascia 16-17 anni consuma vino (forse questo non proprio un dato da leggere in positivo), i 18-19enni sono al 35% quasi come lo scorso anno, e ben di più del passato.
  • Il consumo sporadico ha una curva diversa, dato che il picco si registra nei giovani, tra 25 e 34 anni, che sono al 41% nel 2018 dal 38% dell’anno scorso (parzialmente compensato dal minor consumo abituale). La categoria dei forti bevitori è ormai scomparsa: la massima penetrazione nelle fasce di età più avanzate (3.6% 65-74 anni).
  • I dati regionali come dicevamo vedono tutte le regioni neutre o leggermente positive, con alcune regioni dove l’indagine ha mostrato forti progressi (da verificare quanto siano influenzati dalla formazione del campione), come Lazio (+6 punti percentuali) o Basilicata (+8 punti percentuali). Le regioni “negative” sono come dicevamo in Trentino Alto Adige, Umbria e in misura minore le Marche.
  • Vi lascio alle numerose tabelle!
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

1 Commento su “l consumo di vino in Italia – dati 2018 per regione e classi di età”

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>