Spumanti


Esportazioni italiane di spumante – aggiornamento dicembre 2011

nessun commento

Oggi ci focalizziamo sull’export di spumanti 2011, con la usuale suddivisione tra Asti, altri spumanti DOP e tutto il resto. Le conclusioni non sono dissimili da quelle fatte per i vini fermi: l’anno è stato eccellente ma si è concluso con un pò di rallentamento, soprattutto per l’Asti. Tale rallentamento va anche considerato guardando a quanto era successo lo scorso anno, quando il mese di dicembre ebbe un eccezionale +36%, contornato da un +17% di novembre e un +8% di gennaio, unio mese di crescita a singola cifra in mezzo a tanti mesi eccellenti. Analizzando i dati è piuttosto evidente che il mercato russo è diventato ormai l’unico vero driver di crescita del prodotto, quando invece per il resto degli spumanti DOP il mercato anglosassone (quindi USA e Regno Unito) continua a riservare delle buone sorprese. Ma passiamo ai numeri, che ci dicono quanto segue: 548 milioni di export, +23.3%, con un prezzo medio di 2.48 euro al litro, in crescita del 3.3%, essenzialmente grazie alla più rapida crescita degli spumanti DOP (ex Asti) e del recupero di prezzo dell’Asti.

Continua a leggere »

Sektkellerei Schloss Wachenheim AG – risultati 2010-11

nessun commento

Avevo promesso di tenervi informato su Sektkellerei Schloss Wachenheim (SSW) ed eccoci qui. L’azienda di spumantistica tedesca (quotata in borsa, vale 62 milioni di euro in capitalizzazione) ha fatto buoni progressi sulla strada della ristrutturazione: a fronte di vendite in crescita del 5% nell’anno fiscale 2010-11, l’utile operativo e’ cresciuto del 17% e l’utile netto e’ aumentato del 50%, consentendo un ritorno al dividendo. E tale miglioramento e’ proseguito anche nel primo semestre dell’anno fiscale 2011-12.

Continua a leggere »

Champagne – dati di mercato ed esportazioni 2011

4 commenti

Fonte: CIVC

Il Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne (CIVC) ha appena pubblicato i dati di vendita di Champagne 2011. Il mercato dello Champagne e’ cresciuto del 7% a valore a 4.4 miliardi di euro (unico dato a valore rilasciato), con una crescita delle spedizioni dell’1% circa, frenata dal calo dei due principali mercati, la Francia e l’Inghilterra.

Continua a leggere »