Mercati e consumo


L'effetto "Sideways" sulle vendite di Pinot Nero e Merlot – studio USA 2008

3 commenti

Fonte: American Association of Wine economists
Ebbene si, l’hanno fatto. Gli americani si sono messi al lavoro su circa 84,000 acquisti di bottiglie di vino da 750cl tra il 1999 e il 2008 per capire l’impatto del film Sideways (ricordate? Viva il Pinot Nero, abbasso il Merlot) sui volumi, sui prezzi e in generale sulla propensione all’acquisto di vino in USA. La riga del confine e’ l’inizio del 2005, quando Sideways e’ approdato nelle sale americane. Lo studio originale e’ redatto da Steven Cuellar e Dan Karnowsky ed e’ disponibile sul sito di AAWE. Vista la chiarezza dei grafici, vi propongo quelli originali, da cui si coglie benissimo quello che sembra essere capitato. E dunque? Tre conclusioni: (1) il film sembra aver avuto un leggero impatto negativo sulle vendite di Merlot; (2) il film ha avuto un impatto visibile sulle vendite di Pinot Nero, superiore a quello negativo sul Merlot; (3) l’impatto sui prezzi e’ simile a quello sui volumi, considerato che i prezzi del Merlot erano gia’ calanti; (4) l’impatto negativo sul Merlot si e’ verificato solo nelle fasce basse di prezzo, mentre quello sul Pinot Noir e’ visibile in tutte le fasce, con un picco nella fascia del mercato. Ma sara’ stato il film a spingere il Pinot Nero o la febbre da Pinot Nero a partorire il film?


sideways-1.jpg
Continua a leggere »

Gli indicatori di prezzo e costo della produzione di vino in Italia – aggiornamento giugno 2008

2 commenti

Fonte: ISMEA
Da un paio di trimestri ISMEA ha cominciato a pubblicare un documento piuttosto complete sulla congiuntura nel mondo del vino. In quel documento oltre a venir riassunti i principali dati del mondo agricolo, viene anche analizzato l’andamento dei costi e dei margini della filiera del vino in Italia. Ed e’ proprio di questo argomento di cui discutiamo oggi. Non con dei dati assoluti, ma con degli indicatori “indice” dove tutte le misure sono state parametrate al 2000, con un valore 100. Se dunque leggete 120, non significa nulla in se, ma significa rispetto al 100 del 2000 e al 110 del trimestre precedente, ad esempio. Partiamo con la conclusione, al solito: i margini della filiera del vino in Italia sono scesi in modo significativo nel corso del 2007 e hanno toccato un livello di minimo nel primo trimestre 2008. Come mai? A leggere questi numeri la causa e’ la totale mancanza di “pricing power”, cioe’ l’impossibilita’ di far passare sul mercato aumenti dei prezzi per recuperare il forte incremento del costo delle materie prime. Recupero nel secondo trimestre? Ma certo, il prezzo delle uve ha cominciato a calare. Ecco allora il primo grafico: il margine delle aziende vinicole che era migliorato del 40% dal 2000 al 2006, e’ ricrollato al livello del 2000 nel giro di 12 mesi.


ismea-indicatori-1.jpg
Continua a leggere »

Il mercato del vino in Canada – aggiornamento marzo 2007

nessun commento

Fonte: Stats Canada
Il mercato del vino in Canada resta uno dei piu’ interessanti del mondo per una serie di ragioni. Come vediamo oggi con i dati complete delle vendite a marzo 2007, e’ un mercato dove (1) esiste un forte sviluppo della produzione locale, che gradualmente guadagna terreno; (2) il prodotto vino continua nel suo complesso a essere la bevanda alcolica che si comporta meglio; (3) la qualita’ del prodotto consumato resta su standard sconosciuti a quasi tutto il resto del mondo (9EUR al litro per il vino locale, 15EUR per quello importato). Pero’… esiste un pero’. Nel 2007, il mercato del vino ha fatto +9.6% a 5bn di dollari canadesi, con un +24% dei prodotti locali e soltanto un +4% dei prodotti importati, che hanno sofferto di un blocco sostanziale dei volumi. In questo senso, il mercato e’ diventato piu’ difficile per i nostri produttori, pur restando uno dei piu’ interessanti.


canada-mkt-vino-2007-1.jpg
Continua a leggere »

Gli acquisti di vino in Italia – dati ISMEA-Nielsen primo semestre 2008

6 commenti

Fonte: ISMEA-Nielsen
Torniamo a parlare degli acquisti di vino in Italia per commentare cio’ che ISMEA ha pubblicato circa il primo semestre 2008. Una doverosa premessa: il livello di informazioni fornito e’ calato in modo drammatico. ISMEA non pubblica piu’ i dati puntuali sugli acquisti ma soltanto le variazioni percentuali rispetto all’anno precedente. Non siamo quindi nelle condizioni di fare alcuna elaborazione di questi numeri, salvo estrarre la variazione di prezzo mix rispetto ai volumi. Non funziona nemmeno cercare di continuare la serie trimestrale del passato, in quanto i numeri non quadrano. Dopo la premessa, passiamo alla conclusione: gli acquisti di vino in Italia vanno meno peggio di quello che si possa pensare (+1.8% nel semestre), anche se la categoria che sembra andare meglio, soprattutto nel secondo trimestre, e’ quella dei vini da tavola: come dire, sui vini di qualita’ niente di nuovo, attenzione perche’ i nuovi acquisti sembrano concentrarsi sui vini meno cari. Segno del momento infelice dell’economia? Potrebbe essere…


mercato-vino-italia-h1-08.jpg
Continua a leggere »

Germania – mercato e consumi di vino – aggiornamento 2006

nessun commento

Aggiorniamo oggi i dati relativamente al mercato tedesco del vino al 2006 che abbiamo pubblicato a gennaio scorso relativamente al 2005. , sempre utilizzando i dati dell’istituto tedesco del vino. Il mercato resta molto interessante: come vedremo, i consumi pro-capite sono costanti in un contesto di mercato di contrazione dei consumi. La tendenza al calo in termini di valore del prodotto vino e’ confermata anche nel 2006, ma il vino si comporta meglio della birra, per esempio. Unica nota forse meno positiva per il nostro vino (che peraltro sembra anche sempre piu’ relegato nella categoria dei vini a basso prezzo) e’ che sembra esserci una leggera tendenza positiva per i vini locali, con un consumo di vini importati ormai stabile da diverso tempo.


germ06-1.jpg
Continua a leggere »