Mezzacorona – risultati e bilancio 2022/23

nessun commento

Con la mente fresca dei dati di Nosio guardiamo oggi ai risultati a luglio 2023 della capogruppo Mezzacorona. I dati della grande cooperativa sono migliori di quelli della controllata commerciale, con un incremento delle vendite leggermente più marcato (+2% a 217 milioni di euro) ma soprattutto degli indicatori relativi alla remunerazione dei soci migliori: nell’esercizio i conferimenti sono cresciuti del 3.5% a 69 milioni di euro. Anche la struttura finanziaria è in miglioramento con un calo dell’indebitamento finanziario netto da 102 a 98 milioni di euro. Non si dice molto dell’evoluzione prevedibile della gestione, salvo segnalare la riduzione dei quantitativi di uva, vino e anche di frutta a causa della minore vendemmia del 2023. Vi segnalo invece l’interessante rapporto di sostenibilità presente sul sito aziendale che mostra alcuni grandi numeri di Mezzacorona: 1457 soci produttori, 487 dipendenti, 2409 ettari di vigneto in Trentino Alto Adige e 624 in Sicilia, 503 ettari di meleti, oltre 50 milioni di bottiglie di vino vendute ogni anno. E nell’ambito della sostenibilità, il 50% dell’energia consumata viene da energia rinnovabile e autoproduzione e consumo del 6% del fabbisogno energetico. Passiamo a un breve commento dei risultati.

  • Le vendite di 217 milioni sono cresciute del 2% grazie all’incremento ottenuto in Italia, +4.4% a 96 milioni, mentre sia le vendite EU (30 milioni), che quelle extra EU (92 milioni) sono state sostanzialmente stabili rispetto al 2022.
  • Da un punto di vista di prodotti, le vendite di vino sono cresciute dell’1.7% a 201 milioni mentre le vendite di altri prodotti (principalmente mele) sono a 16 milioni, +7%.
  • Come sapete i dati finanziario sotto le vendite sono poco significativi per una cooperativa. Ad ogni modo, i costi del personale sono cresciuti del 3%, il che è un buon dato visto l’andamento dell’inflazione, ammortamenti stabili, oneri finanziari leggermente cresciuti come le tasse. Si chiude con il classico pareggio di bilancio.
  • Più importanti le somme girate ai soci, che ammontano a 69 milioni, +3.5%, di cui 37 relative alle uve conferite (+6%), 25 relative a vino (-5%) e 7 milioni di altri prodotti (+25%).
  • Dal punto di vista finanziario il consolidato della cooperativa vede un debito di 98 milioni, calato di 4 dall’esercizio scorso, con una generazione di cassa dalla gestione invariata a 16 milioni, un capitale circolante che ha assorbito circa 2.5 milioni di euro, investimenti leggermente inferiori al 2022 (4.5 milioni contro circa 5 milioni) e una uscita per pagamento di dividendi di circa 1.3 milioni di euro.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>