Tannico – risultati 2022

nessun commento

Guardiamo oggi per la prima volta i “nuovi” conti di Tannico con l’inclusione di Ventealaproprietè.com per tutti i 12 mesi del 2022. Ho volutamente evitato di inserire il bilancio consolidato 2021, tenendo quindi quello di Tannico senza la francese per mostrare le variazioni derivanti dall’inclusione della nuova azienda. Fatta questa premessa possiamo dire che per il secondo anno consecutivo Tannico ha avuto un’evoluzione negativa delle vendite organiche, scese da 33.5 a 31.7 milioni, -5%. Ovviamente, se mettiamo insieme anche la francese arriviamo a un fatturato totale di circa 70 milioni (non sappiamo quanto fatturava Ventealapropriete nel totale 2021 per fare un confronto). Non si tratta però di un andamento anomalo, o perlomeno abbiamo recentemente commentato i dati di Callmewine che anch’essa ha subito un calo del 5% nell’anno. L’azienda nel suo insieme ha bruciato 6.4 milioni di euro di cassa e mostra un debito di 1 milione a fine anno, con gli azionisti che hanno contribuito con 3 milioni circa. Ricordiamo che sebbene questi dati siano consolidati con Ventealaproprietè al 100%, la quota di possesso è del 69% e che il 31% sarà probabimente acquisito nel 2024 con un prezzo stimato allo stato attuale di 22 milioni di euro. Ciò richiederà un ulteriore contributo degli azinionisti (LVMH 51%, Campari 49%). Passiamo a un breve commento dei dati, anche focalizzandoci sul “prima” e “dopo” acquisizione.

  • Delle vendite abbiamo detto e segnaliamo che purtroppo non c’è alcuna indicazione del fatturato per area geografica, dunque non riusciamo a continuare la serie geografica ma solo quella per entità legale.
  • La struttura dei conti non cambia di molto tra il prima (solo Tannico) e il dopo (Tannico+Ventealapropriete): il margine sulle vendite sale leggermente dal 29% al 31%, le perdite rimangono piuttosto copiose, intorno al 10% del fatturato a livello operativo (9% volendo tralasciare le componenti straordinarie) contro il 14% del 2021 ma peggio del -8% del 2019.
  • I numeri parlano quindi di quasi 70 milioni di fatturato consolidato, 32 di Tannico e 37 dell’azienda francese, 22 milioni di margine lordo dopo gli acquisti di merci, di un EBITDA negativo per 2 milioni e di un utile operativo in perdita per 7 “tutto compreso” e 6 se togliamo i componenti non ricorrenti.
  • A livello finanziario la nuova struttura ha un magazzino molto più importante che si finanzia attraverso i debiti verso fornitori. In totale, nel 2022 la situazione finanziaria è passata da una cassa di circa 2 milioni a livello consolidato (nella tabella leggete 3 perché si trattava della capogruppo Tannico soltanto) a un debito di 1 milione, dopo contributi degli azionisti di 3.3 milioni, che implica quindi un “cash burn di circa 6.4 milioni di euro.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>