I consumi di vino totali e pro-capite nel 2017 – aggiornamento OIV

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

La conferenza stampa di aggiornamento di OIV ci consente di aggiornare i dati dei consumi di vino nel mondo al 2017. Secondo OIV il consumo cresce di circa 1 milione di ettolitri all’anno anche nel 2017, come era già successo nei 2-3 anni precedenti. Questo, unito al forte calo della produzione, visto a 250 milioni di ettolitri nel 2017, mette sotto pressione il settore: 243 milioni bevuti, 30 milioni circa utilizzati per la produzione di distillati del vino vanno messi contro 250 milioni di ettolitri prodotti, generando dunque un defici di circa 23 milioni di ettolitri, che vengono dopo un paio di anni di mercato in equilibrio. E’ questo contesto che spiega la tensione dei prezzi del vino all’origine, soprattutto nella parte a basso valore del mercato. I dati per mercato non destano particolari sorprese: il consumo è costantemente in crescita in USA e in Cina, stabile o giù di lì nei tre principali mercati europei, quindi Francia, Italia e Germania e calante in alcuni specifici mercati quali il Regno Unito, l’Argentina e la Russia. Come ben sapete se seguite il blog, questi sono dati prendere un po’ con le molle: anche in questo aggiornamento alcuni dati del passato sono stati modificati in modo anche significativo, e quindi anche questi dati sono destinati ad essere aggiornati. Nello specifico, comunque, i 28 mercati qui rappresentati sono passati da 217.9 a 219.4 milioni di ettolitri di consumo, nel contesto di un consumo mondiale visto a 243 milioni di ettolitri. All’interno del “campione”, i paesi europei passano da 126.5 a 126.9, +0.3%, mentre il “resto del mondo” cresce di 1.1 milioni di ettolitri a 92.5 milioni, quindi +1.2%. Passiamo a commentare qualche dato insieme.

  • Gli USA continuano a distanziare gli altri mercati. Nel 2017 secondo OIV sono stati consumati 32.6 milioni di ettolitri, +2.8% sul 2016, in linea con i ritmo del 2-3% visto costantemente negli ultimi anni.
  • La Francia è vista di nuovo in leggerissimo calo, -0.4% a 27 milioni di ettolitri e resta i secondo mercato a livello globale, seguito dall’Italia, dove OIV registra un ulteriore progresso del consumo, +0.2 milioni di ettolitri che ci riporta a quota 22.6 milioni di ettolitri, dove stavamo nel 2012, per intenderci. Lo stesso discorso vale per la Germania a 20.1 milioni di ettolitri.
  • Il calcolo cinese è fatto in modo induttivo, considerando produzione locale e import-export e vede il grande paese poco sotto 18 milioni di ettolitri, con una crescita del 3.5% nel 2017, in accelerazione rispetto a quanto calcolabile sui 5 anni, una crescita media soltanto dell’1%.
  • I mercati che sembrano aver cambiato direzione in positivo sono la Spagna, finalmente fuori dalla crisi che l’ha attanagliata negli ultimi anni, ma anche l’Australia e la Romania.
  • Dati piuttosto negativi emergono invece dalla Russia e dall’Argentina, che secondo OIV sono scese sotto i 9 milioni di ettolitri, rispettivamente -5% e -3% sul 2016, seguendo un trend negativo già visto negli anni precedenti.
  • Vi riporto anche i dati di consumo pro-capite che qui sono calcolati sul metodo della popolazione totale, mentre da questa presentazione OIV ha deciso di passare a dei dati sulla base della popolazione al di sopra dei 15 anni (in calcolo più corretto per capire l’entità del consumo, ma che si scontra con la modalità con cui sono state costruite storicamente le serie di dati.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>