La produzione di vino in Italia nel 2017 – dati finali ISTAT

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

ISTAT ha pubblicato i dati finali relativi alla produzione italiana di vino 2017. Sono numeri piuttosto diversi dalla previsione che avevo messo in linea a settembre 2017, che stimava una produzione mosti inclusi di 40 milioni di ettolitri. [nota del 26/05/2018: sebbene questi siano i dati ufficiali e definitivi, è opinione diffusa negli operatori del settore che la produzione 2017 sia stata inferiore, con particolare riferimenti ad alcune regioni quali la Puglia]


Il dato ufficiale di ISTAT dice 46.1, quindi il 15% circa in più. Secondo ISTAT è stata dunque una vendemmia in calo significativo rispetto al 2016 (-15%) ma non disallineata dalle evidenze storiche. Bene i vini bianchi (-12% ma sopra media del 9%), male i vini rossi (-18% e 8% sotto media), bene i vini DOC e i vini comuni (in calo a doppia cifra ma comunque del 7% sopra la media decennale) a discapito dei vini IGT (-23% e 14% sotto la media). Infine, da un punto di vista geografico, il calo produttivo ha interessato soprattutto il Nord e il Centro (il 7% e il 24% sotto la media decennale), mentre la produzione al sud è calata molto meno di quanto stimato e si è addirittura posizionata sopra i nostri dati 2007-2016 medi del 17%.

Molto male Piemonte, Toscana, Lazio e Trentino Alto Adige, benissimo invece i dati della Puglia, in un contesto di fortissima volatilità della produzione 2017 rispetto alle medie storiche. Passiamo a un commento più specifico e soprattutto a un set completo di tabelle.

Passiamo a un commento più specifico e soprattutto a un set completo di tabelle.


  • La produzione 2017 in Italia ha raggiunto quota 46.1 milioni di ettolitri includendo vini e mosti, in calo del 15% sul 2016. Nello specifico, si sono prodotti 43.8 milioni di hl di vino, -15% e 2.3 milioni di mosti, -10%. Visti così i dati sono dunque perfettamente allineati medie storiche del decennio 2007-2016.
  • I vini bianchi sono ovviamente in crescita sull’onda degli spumanti. La produzione 2017 scende del 12% a 24.1 milioni di hl, ma è il 9% sopra la media, mentre per i vini rossi si scende sotto quota 20 milioni, l’8% sotto la media e il 18% sotto il 2016. In particolare i vini bianchi DOC sono calati soltanto del 5% sul 2016, mentre sono gli IGT bianchi a influenzare il dato totale, -24%. Lo stesso non si può dire per i vini rossi, che sono in discesa del 18% per i DOC, del 23% per gli IGT e del 16% per i vini comuni.
  • La produzione di vini DOC di 17.4 milioni di hl (10.3 bianchi e 7.1 rossi) scende dell’11% ma è comunque sopra la media. Gli IGT invece passano da 15.3 a 11.8 milioni di hl, con un andamento coerente tra bianchi e rossi (6.2 e 5.5 milioni di hl).
  • Andando nel dettaglio regionale, avendo già dato un’idea delle macroaree, i dati sono pessimi in Piemonte (2 milioni di hl, 22% sotto la media storica) e Toscana (1.9 milioni, il 30% sotto la media storica), oltre al Trentino Alto Adige (1m/hl, 15% sotto) e al Lazio (1.1 m/hl, -24%).
  • Sono invece apparentemente positivi i dati di alcune regioni del sud. La Puglia con 9.9 milioni di hl è del 51% sopra la media decennale, ma anche l’Abruzzo, con 3.1 milioni di ettolitri è il 15% sopra, anche se cala del 20% rispetto all’anno precedente.
  • Vi lascio alle numerose tabelle e grafici che seguono!
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>