Brasile – importazioni di vino 2014

nessun commento
brasile 2014 0000

 

Il mondiale 2014 in Brasile lo avrà vinto la Germania. Però per festeggiare non mi sembra abbiano bevuto ne’ Champagne, ne’ il loro spumante ma bensì vino cileno. Il Cile che già era il leader delle importazioni di vino in Brasile (che vi ricordo nel segmento dei vini fermi fanno circa l’80% del consumo locale, contro il 20% circa del consumo di spumanti). Il 2014 è andato bene, in crescita del 12%  a circa 325 milioni di dollari. Il mercato brasiliano resta molto legato ai paesi limitrofi, quindi Argentina dopo al Cile, e ai legami coloniali, quindi con il Portogallo a rappresentare la prima forza europea, perlomeno nel vino fermo. L’Italia è relegata a un ruolo secondario, numero 4 nei vini fermi e non è riuscita come in altri mercati a raggiungere buoni volumi di export degli spumanti, che per il Brasile restano un prodotto molto locale e, nel segmento delle importazioni, dominato dallo Champagne. Andiamo a vedere qualche numero insieme.

Continua a leggere »

Il valore dei vigneti in Italia e nel mondo – aggiornamento 2013

nessun commento
valorevigneti 2014 2

 

Lo studio annuale di Knight Frank sui valori per ettaro delle tenute vinicole purtroppo non aggiunge molto a quello che abbiamo pubblicato lo scorso anno. Invece di parlare di Knight Frank (che ha vissuto di rendita!) discutiamo oggi di un altro contributo, quello di INEA, che analizza ogni anno i valori fondiari dei vigneti italiani, definendo un valore minimo e medio delle transazioni. Pur avendo provato a tracciare delle tendenze annue, vi anticipo immediatamente che parlare di cali o di incrementi è molto difficile perché i dati sono spesso riportati uguali a se stessi da un anno all’altro e sono quindi frutto di pure stime. Ci servono però come punto di riferimento per dare un’idea a chi legge di dove sono i vigneti più preziosi  e dove lo sono di meno. Questo è anche un punto di riferimento importante per giustificare il prezzo delle uve che crescono in quei vigneti: a un valore maggiore corrisponde un “rendimento richiesto” superiore e dunque il costo implicito di detenere il vigneto si dovrebbe (dico così perché in qualche caso potrebbe non farlo) trasferire dentro il prezzo delle uve e dei vini.

Sono 5 le zone che si differenziano dal resto d’Italia per il valore dei vigneti: le Langhe sopra a tutti, poi il Lago di Caldaro, Valdobbiadene, Montalcino e la zona di Trento. Tutti intorno o sopra 400mila euro per ettaro in media con la punta di 600mila (media del pollo tra 200mila e 1milione) per la zona delle Langhe.

Come vi dicevo, invece Knight Frank ha riportato soltanto le variazioni percentuali dell’incremento, +4.5% per il valore delle tenute a giugno 2014, contro +6.3% nel 2013. Secondo lo studio sono in ripresa i valori delle tenute toscane (+12% nel Chianti e +4% a Montalcino) mentre sono scese dell’8% quelle piemontesi.

Qualche dettagli in più nel prosieguo del post.

Continua a leggere »

Esportazioni di vino italiano – aggiornamento novembre 2014

nessun commento
export nov 2014 1

 

Novembre non è stato un buon mese per le esportazioni italiane, anche se nei post precedenti avevamo messo in luce come il fine anno era particolarmente difficile per l’Asti, data la sua esposizione al mercato russo. I dati sono leggermente negativi per le esportazioni nel complesso, per la terza volta in 11 mesi, lasciando il saldo annuale a circa +1%. Dicembre sarà una base di confronto piuttosto difficile (+4% lo scorso anno). Possiamo dunque ipotizzare che i dati annuali preliminari sulle esportazioni saranno improntati alla stabilità dei valori poco sopra 5 miliardi di euro, e del volume intorno a 20 milioni di ettolitri. La pressione sui volumi sarà poi destinata a proseguire nel 2015 data la vendemmia scarsa del 2014, anche se ciò potrebbe essere compensato dall’euro debole. Ma andiamo a leggere insieme i numeri a fine novembre 2014.

Continua a leggere »

LVMH divisione vino – risultati 2014

nessun commento
lvmh full 2014 2

 

I margini di LVMH nel settore vino e spirits hanno subito un’ulteriore limata nel secondo semestre dell’anno, principalmente a causa del forte deterioramento del prezzo-mix del Cognac nel mercato asiatico. Il management continua a parlare di “destocking” (cioè di minori vendite ai distributori cui non corrisponde un calo delle vendite al dettaglio). In realtà la verità del secondo semestre è nei numeri: i volumi sono accelerati a +3% contro un +1.5% nel primo semestre, mentre la crescita organica che era -1% nei primi 6 mesi è terminata a -3%, implicando dunque un netto peggioramento della componente prezzo-mix. Giusto per intenderci, le vendite sono scese del 5% nel 2014, l’utile operativo della divisione del 16%, principalmente a causa del Cognac e degli spirits (-25%).

Per sua fortuna, il colosso francese (giusto per darvi un’idea genera circa 5.7 miliardi di euro di profitti prima delle imposte e degli interessi, una cifra quasi difficile da pensare…) non viene “influenzato” dalle tendenze di breve termine. La strategia di “creazione di valore” continua, e si vede dalla crescita dei prodotti in fase di invecchiamento (4 miliardi di euro, quindi di nuovo al 100% delle vendite annuali dopo essere crollati all’84% nel 2011), dagli investimenti che continuano a eccedere il consumo di capitale. Il 2015 dovrebbe essere un anno di ripresa a leggere lo statement del management, dato che si menziona “la ripresa del Cognac in Cina e il focus sull’innovazione nel segmento vino e Champagne.

Analizziamo i dati insieme.

Continua a leggere »

Sud Africa – produzione di vino e superfici vitate, aggiornamento 2013

nessun commento
sud africa 2013 0

Aggiorniamo oggi le statistiche sul settore vinicolo in Sud Africa, che gode di ottima salute grazie alla combinazione di ottime annate in termini quantitativi prodotti (grazie a un forte aumento della resa), di un mercato locale in progresso costante e soprattutto di esportazioni in forte crescita (sopratttutto nel segmento dei vini bianchi) anche grazie alla svalutazione del cambio. Le entrate delle cantine sono in forte crescita, secondo il rapporto pubblicato da Sawis. Analizziamo i dati insieme.

Continua a leggere »