Esportazioni di vino Italia – aggiornamento luglio 2022

nessun commento

 

 

Fonte: www.coeweb.istat.it

I dati dell’export di vino entrano nel periodo estivo e con il mese di luglio “chiudono” la stagione. Come abbiamo già detto nei commenti recenti, l’inflazione sta abbastanza pesantemente inficiando il significato di questi numeri. Parliamo di +13% sui sette mesi, +11% per il mese di luglio ma cominciamo a confrontarci con volumi stabili (sette mesi) o addirittura in calo del 6% come a luglio. Un “gap” tra valori e volumi di 16-17 punti percentuali come in luglio o 14 punti come nei primi 7 mesi dell’anno è anomalo. Per dirvi, come vedete nel grafico, la media storica è tra il 3.5% e il 4%, probabilmente fatto del 2% di inflazione e del 2% di miglioramento “vero” e lo stesso grafico vi dice che sugli ultimi 12 mesi stiamo viaggiando nell’ordine del 9%.

Passando all’andamento per mercato, trovate tutte le tabelle allegate con il confronto sia rispetto all’anno scorso che rispetto ai 7 mesi del 2019 fatto come dicono gli inglesi “stack” ovvero cumulato. Facendo un breve escursus dei mercati che rallentano o che accelerano si nota che la base di confronto resta determinante. Gli USA stanno rallentando ma crescono comunque di oltre il 10% sugli ultimi 12 mesi, la Germania rallenta più dolcemente e resta sul ritmo di +5% ma con volumi ormai prossimi a calare in entrambi i mercati. Accelerano soltanto i mercati dove le cose l’anno scorso non sono andate bene, come il Giappone per esempio.

La Russia resta un osservato speciale: in termini di volumi dallo scoppio della guerra siamo passati da 285mila a 200mila ettolitri, ma il problema è che essendo un mercato di spumanti il bello deve ancora venire, perchè nella seconda metà dell’anno scorso i volumi erano stati 300mila ettolitri e il prezzo-mix degli spumanti essendo più elevato di quello del vino fermo potrebbe essere bloccato dalle sanzioni. Nel segmento degli spumanti la perdita non è comunque stata così forte come nel dato totale, essendo passato da 98mila ettolitri a 79mila ettolitri.

Tornando ai valori nel segmento degli spumanti si nota un forte calo del mercato svedese, unico tra le nostre principali destinazioni. Nel vino in bottiglia invece non ci sono mercati particolarmente critici in questo momento, salvo ovviamente la volatilità che ci può essere in un singolo mese, oltretutto estivo.

Vi lascio alle tabelle e ai grafici.


[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>