Nuova Zelanda – esportazioni di vino 2019

nessun commento
[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

 

Dopo una battuta d’arresto nel 2018, le esportazioni di vino della Nuova Zelanda tornano a correre nel 2019, segnando un incremento di ben il 13% in euro e dell’8% in valuta locale. Non abbiamo ancora i dati completi a disposizione ma potrebbe anche insidiare la sesta posizione come paese esportatore nel mondo che attualmente è occupata dagli Stati Uniti. Ovviamente per la Nuova Zelanda le esportazioni sono “la ragione” della produzione di vino, mentre per gli USA sono un elemento residuale. Il fatto è che il Sauvignon Blanc neozelandese sta facendo breccia proprio negli altri paesi anglosassoni. Come vedrete nel post Stati Uniti, Regno Unito, Australia e Canada sono i quattro mercati di riferimento. Pur con una percentuale del 23% di esportazioni in vino sfuso, dobbiamo notare la qualità media molto elevata del prodotto, che esporta a 400 euro per ettolitro, contro i nostri 300 euro, e ormai seconda soltanto a quella delle esportazioni francesi (quasi 700 euro). Passiamo a una breve analisi dei dati.

 

  • Le esportazioni neozelandesi crescono dell’8% a 1.87 miliardi di dollari locali, mantenendo quindi il ritmo di crescita del 7-8% degli ultimi anni, temporaneamente rallentato nel 2018. Il dato tradotto in euro è pari a 1.15 miliardi, dunque un valore che va messo in prospettiva con i nostri 6.4 miliardi e con gli oltre 9 miliardi dei francesi, ma che comunque è vicinissimo al dato dello scorso anno degli Stati Uniti.
  • I dati di UN Comtrade non sono completi per quanto riguarda i volumi ma con qualche artificio siamo riusciti a stimare un volume in export di 2.8 milioni di ettolitri, +9% sul 2018 che invece era stato stabile. Ne consegue un mix di prezzo dell’export di 400 euro circa, di cui abbiamo parlato sopra.
  • In termini di valore, le esportazioni 2019 sono cresciute del 7% per i vini in bottiglia a 1.43 milioni di dollari NZ, mentre i vini sfusi sono a +14% per circa 420 milioni e dunque rappresentano il 23% del totale esportato.
  • Gli Stati Uniti sono il principale motore di crescita delle esportazioni, con un +15% a 600 milioni di dollari e 0.8 milioni di ettolitri di esportazioni. Il secondo mercatosi conferma il Regno Unito, +8% a 444 milioni, con volumi molto simili a quelli americani. Sempre anglosassone è il terzo mercato, la vicina Australia, con 361 milioni di dollari di export ma un andamento molto meno positivo dei primi due mercati, +1%. Di nuovo anglosassone, ma molto distante in termini di valore il quarto mercato, il Canada, con 130 milioni di dollari e un andamento 2019 decisamente sottotono rispetto al forte progresso degli ultimi anni.
  • Chiudiamo il post segnalandovi il dato impressionante realizzato sul mercato tedesco (da quasi niente a 56 milioni nel giro di tre anni), ma anche su quello francese. Sono invece deludenti e poco rilevanti (rispetto alla vicinanza geografica) i dati di export sul mercato cinese.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>