Esportazioni di vino italiano – aggiornamento primo semestre 2018

1 commento
Print Friendly, PDF & Email

Con un +3% in giugno, interamente guidato dai vini spumanti, l’export di vino italiano nel primo semestre chiude a +4.1%, 2.9 miliardi di euro. È un buon risultato, considerando la forte debolezza dei volumi, scesi del 10% a 9.5 milioni di ettolitri, che però ha colpito quasi unicamente la categoria dei vini sfusi. Non necessariamente però ci sono buoni segnali per i prossimi mesi. La crescita si sta gradualmente indebolendo in molti dei principali mercati: gli USA che erano cresciuti del 4% nel 2017 sono a +3%, anche a fronte di un forte indebolimento della valuta, il Regno Unito che era cresciuto del 6% è calato del 2%, il Canada è passato da +9% a stabile. Alcuni segnali più positivi invece vengono dall’Europa continentale: la Svizzera è in crescita a doppia cifra, la Germania ha messo a segno un buon +3.5% e mercati come Francia e Svezia stanno crescendo verso l’obiettivo dei 200 milioni di esportazione. Tra le note meno positive va menzionata la Cina, che nel semestre è cresciuta di un magro 3% e che resta largamente fuori dalla top 10 del vino italiano: ci sono motivi di preoccupazione per la domanda di prodotti stranieri nelle ultime settimane a causa delle crescenti tensioni doganali e questo non ci mette certamente in una buona posizione per i prossimi mesi. Ci concentriamo in questo post sui dati totali, mentre giovedì sera sarà in pubblicazione la sezione sugli spumanti. Per ora buona lettura.

  • La crescita delle esportazioni del 4% (2924 milioni) è stata supportata dal balzo del 14% dei vini spumanti, che a 651 milioni rappresentano il 22% del totale, nel periodo meno rilevante dell’anno (quasi il 24% se ragioniamo sugli ultimi 12 mesi). I vini in bottiglia hanno chiuso a +1% per 2032 milioni, mentre i vini sfusi sono cresciuti del 4%.
  • I vini dei dati fermi sono comunque buoni, se consideriamo che i volumi sono scesi del 3.4% nei vini imbottigliati a 5.7 milioni di ettolitri e addirittura del 31% a 2.1 milioni di ettolitri. Solo gli spumanti mantengono un trend positivo anche nei volumi, +5% a 1.7 milioni di ettolitri.
  • Abbiamo già dato qualche dato sui numeri per mercato. Come vedete dalla tabella sono 3-4 tra i grandi mercati quelli che spingono: Svizzera, Francia e Svezia, tra +12% e +15%, e i Paesi Bassi, +8%. Cinque sono in difficoltà: Regno Unito a -2%, causa i vini fermi, Canada, Giappone e Danimarca tra -1% e +1%. USA e Germania, come abbiamo visto +3/3.5% entrambi. Il dato tedesco appare particolarmente incoraggiante visto il calo dei volumi dell’8% (5.2 milioni di ettolitri).
  • Ci concentreremo sui vini spumanti in un altro post, ma vale la pena di notare il forte rimbalzo del Regno Unito in Giugno, che consente di chiudere il semestre in positivo (+4%) nel paese. Tra alti e bassi, quasi tutti i mercati crescono di oltre il 10% nel semestre (anche la Cina, che però è una briciola, con soltanto 12 milioni di euro di export spumanti nel semestre), fatta eccezione per il Canada.

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

1 Commento su “Esportazioni di vino italiano – aggiornamento primo semestre 2018”

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>