Santa Margherita – risultati e dati di bilancio 2022

nessun commento

Santa Margherita chiude il 2022 con risultati solidi: le vendite sono cresciute del 18% (17% escludendo l’apporto dell’acquisizione in Oregon) a 260 milioni e seppur i margini percentuali si sono leggermente ridotti, la base di confronto del 2021 era particolarmente difficile. L’EBITDA è cresciuto del 14% (13% a parità di perimetro) e l’utile netto del 12% a 47 milioni dopo aver spesato 5 milioni di oneri non ricorrenti derivanti dalla svalutazione dei di alcuni marchi del Gruppo (8 milioni). Da segnalare che l’azienda ha anche chiuso un accordo con le autorità fiscali per la definizione del prezzo di trasferimento dei prodotti in USA (si chiama B.A.P.A., Bilateral Advance Price Agreement) nell’ambito del quale sono state anche ridefinite le risultanze degli scorsi anni (2016-2020) con un aggravio fiscale per la parte italiana e un credito di imposta per quella americana (a significare che i prezzi di trasferimento degli scorsi anni sono stati rivisti al rialzo, implicando più utili alla capogruppo in Italia e meno per l’importatore americano). La solidità di questo bilancio si vede anche dall’ulteriore miglioramento dei parametri finanziari. Dopo aver pagato dividendi di circa 25 milioni, il debito scende comunque di 8 milioni a 118, per un rapporto sull’EBITDA di 1.3 volte da 1.6 dello scorso anno. Poco si dice del 2023, salvo che l’anno è partito con un calo delle vendite, che però ricorre in un periodo poco significativo dell’esercizio. Passiamo a un breve commento dei dati.

  • Le vendite sono cresciute del 18% a 261 milioni, con un incremento del fatturato italiano del 7% e di quello estero del 23%, supportato anche dal consolidamento di Roco Winery, la quale ha registrato 2.6 milioni di fatturato, 0.8 milioni di EBITDA e 0.5 milioni di utile operativo e utile netto. Per entità legale, le vendite salgono del 27% per Santa Margherita (capogruppo) e del 6% per Ca del Bosco, del 35% per Tenimenti Pile e Lamole, del 7% per Ca Maiol e del 13% per Cantine Mesa. Le vendite del marchio Santa Margherita nello specifico crescono del 21.1%.
  • I margini subiscono una leggera erosione presumibilmente per via delle pressioni inflazionistiche e dell’incremento dei costi energetici in particolare, partendo da un livello molto elevato nel 2021 del 35%, in prospettiva storica. L’impatto è particolarmente visibile su Ca del Bosco (dal 39% al 37%), che ha avuto un EBITDA stabile intorno a 18 milioni di euro, mentre per Santa Margherita capogruppo l’EBITDA sale a 43 milioni da 33 dello scorso anno.
  • Sotto l’EBITDA crescono del 10% gli ammortamenti, anche per via della nuova azienda consolidata per arrivare a un utile operativo di 68 milioni, +14% e pari al 26% del fatturato. Gli oneri “aticipi”, incluse le perdite su cambi sono parti a circa 6 milioni, parzialmente compensati da un calo dell’aliquota fiscale dal 22% al 16%, per arrivare al +12% dell’utile netto di 47 milioni.
  • Il bilancio si espande, con un capitale investito che sale da circa 400 a 420 milioni di euro (di cui 118 milioni sono debito, contro 126 del 2021), in coerenza con lo sviluppo dell’attività, lasciando il ritorno sul capitale nell’intorno del 16%.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>