Champagne – dati di mercato ed esportazioni 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

Il mercato mondiale dello Champagne ha tenuto botta nel 2018, con un valore di 4.9 miliardi di euro di vendite, nonostante il calo del 2% delle bottiglie vendute a 302 milioni. Il tutto viene come negli anni scorsi da una riduzione del mercato francese, che ha perso ben 6 milioni di bottiglie nel 2018, compensato da un incremento nei paesi extraeuropei. Tale spostamento ha anche una implicazione strutturale: sono sempre più vincenti i grandi player (“maison” nelle tabelle), che hanno capacità distributive mondiali, a svantaggio dei piccoli produttori (“vigneron”), i quali sono gioco forza più legate al mercato domestico ed europeo. Nel giro di 10 anni le vendite fuori europa sono passate dal 17% al 26% del totale; nello stesso periodo la quota di mercato dei vigneron è scesa dal 24% al 18% del totale delle bottiglie a vantaggio delle maison che sono passate dal 66% al 72%. Per quanto riguarda i mercati, al citato calo del mercato francese (2% a valore) va sottolineata la ben conosciuta debolezza in quello inglese (-2% a valore e -4% a volume). I mercati che sostengono lo Champagne sono gli USA (stabili a valore per via della svalutazione del cambio), il Giappone e, naturalmente la Cina. Passiamo a una breve disanima dei dati.

 

  • Delle 302 milioni di bottiglie spedite (-2%), 219 milioni sono delle “maison” e calano dell’1%, 55 milioni sono dei “vigneron”, giù del 4% e poco meno di 28 milioni sono realizzati dalle cooperative, +1%. Il valore è invece stabile a 4.9 miliardi di euro, di cui circa 2-2.05 realizzato in Francia e 2.9 miliardi all’estero.
  • La Francia continua nel percorso calante, -4% a 147 milioni di bottiglie (-2% a valore).
  • I mercati europei sono in calo dell’1% nel loro insieme a 76 milioni di bottiglie, mentre fuori ormai si spediscono 79 milioni di bottiglie di Champagne, +2% sul 2017.
  • Tra i mercati europei spicca il nuovo calo del Regno Unito, -3% a 26.8 milioni di bottiglie e -2% a 406 milioni di euro, mentre è praticamente stabile la Germania (quarto mercato estero per importanza) a 12 milioni di bottiglie e 203 milioni di euro (+3%). Stabile il Belgio e l’Italia (ma con un miglioramento in valore del 2% e 4% rispettivamente), male la Svezia e bene l’Olanda.
  • Fuori dall’Europa il mercato di riferimento sono gli USA, che sono dietro il Regno Unito per volume a 23.7 milioni di euro (+3%) ma sono di gran lunga il più importante a valore con 577 milioni di euro, in calo dell’1.5% nel 2018 a causa dei cambi. Molto bene anche Giappone (+5% volumi e terzo mercato estero, +4% a valore) e la “Greater China”, quindi con HK e Macao, che raggiunge 4.7 milioni di bottiglie (+9%) e 100 milioni di euro (+10%). Dopo anni di crescita si stabilizza invece il mercato australiano a 8.4 milioni di bottiglie, ma cala il valore a causa della svalutazione del cambio.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>