Lanson BCC – risultati primo semestre 2019

nessun commento
[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

 

I dati del primo semestre 2019 di Lanson sono particolarmente negativi, con le vendite calate del 10% e gli utili azzerati, anzi sotto zero, nell’ambito di un semestre negativo per il segmento dello Champagne in generale. Secondo CIVC, le spedizioni sono calate del 3%, dopo il -1% del primo semestre 2018, con un calo del mercato francese del 6% (per il 45% del volume totale) non compensato dal +4% del resto dell’Unione Europea (25% del volume). I paesi terzi sono in calo del 4% (29% del totale). Nel caso di Lanson questi andamenti sono ancora più estremi, con la Francia in calo del 15% dopo un primo semestre 2018 che fu molto buono, una ripresa importante in Europa e le solite difficoltà del gruppo a generare una massa critica nei mercati extraeuropei. Anno su anno, i dati finanziari sono invece miglior, capitalizzando sull’andamento molto favorevole del secondo semestre 2018. L’aumento del debito che trovate in tabella è meno dell’aumento del valore del magazzino, nonostante ci sia stata un’acquisizione di 8 milioni di euro nel corso proprio del secondo semestre. Passiamo ai dati.

 

  • Le vendite calano del 10% a 80 milioni di euro, dopo una leggera ripresa messa a segno nello stesso periodo del 2018, che aveva temporaneamente fermato il trend di calo strutturale. In Francia le vendite toccano il minimo storico per l’azienda a 44 milioni, -15%, mentre si riprendono nel resto dell’Europa, +23% a 29 milioni di euro. Poco resta fuori, con 3 milioni di fatturato ciascuno in America e Asia, entrambi in vistoso calo rispetto allo scorso anno.
  • I margini subiscono l’impatto dell’applicazione scellerata di IFRS16, che “aiuta” l’EBITDA per 0.6 milioni di euro. Anche con dentro quello però i numeri sono in calo, da 5.7 a 4 milioni. A livello di EBIT i dati sono più comparabili e vedono l’azienda arrivare al pareggio, rispetto a 2 milioni di utile operativo dello scorso anno. Nonostante i pochi oneri finanziari, l’utile netto finisce sotto zero, -1.2 milioni di euro.
  • La struttura finanziaria è molto indebitata ma come dicevamo non preoccupante. Il debito sale di 25 milioni anno-su-anno a 547 milioni, mentre il magazzino che come sapete è molto rilevante per le aziende della Champagne, cresce di 29 milioni di euro a 538 milioni di euro, quindi con un miglioramento della “copertura” di 4 milioni. Nel corso degli ultimi 12 mesi, oltre ai 3.5 milioni di dividendi, Lanson ha acquistato per 8 milioni di euro il 50% di LA CROIX D’ARDILLERES, attiva nella gestione di vigneti, che non viene consolidata.
  • Poco viene detto, come al solito, sull’evoluzione del business, salvo che il quarto e ultimo trimestre è molto critico, dato che rappresenta da solo il 50% dell’attività di tutto l’anno.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>