Francia – produzione di vino 2015 e stima 2016

nessun commento
francia-2016-1

Abbiamo avuto un’idea della produzione di vino in Francia da OIV a fine ottobre: nel 2016 è destinata a subire un brusco calo, di particolare importanza perché colpisce due delle tre regioni chiave del settore transalpino, la Champagne e la Borgogna. Si parla di cali del 33% e del 20% circa, nell’ambito di una produzione di vino, che potete vedere in tabella, attesa scendere del 12% (per poco più di 42 milioni di ettolitri). Ma oggi l’attenzione è rivolta piuttosto alla produzione di vino 2015, della quale Agreste ha reso noto i dettagli. L’annata 2015 è stata molto positiva in Francia, con una produzione di 47.8 milioni di ettolitri, il 2% sopra il già buono 2014 e il 4% sopra la media degli ultimi 5 anni. Come vedremo nel resto del post e dai grafici, tale positivo andamento è da ricondurre all’ottima annata per i vini AOC destinati alla distillazione, che hanno poi determinato anche l’andamento positivo dei vini bianchi rispetto ai rossi. Ma andiamo a leggere qualche dettaglio.

francia-2016-25
  • La produzione di vino francese nel 2015 si è attestata a 47.8 milioni di ettolitri, +2.4% rispetto al 2014 e il 4% sopra la media degli ultimi 5 anni. Come si legge nel recente aggiornamento Agreste, nel 2016 si dovrebbe essere tornati a 42.2 milioni di ettolitri, circa il livello del 2012-2013, con un cattivo andamento della produzione soprattutto nel Nord Est del paese (Champagne e Borgogna), colpiti dal gelo a inizio primavera 2016.
  • La superficie vitata francese continua a calare gradatamente. Siamo nel 2015 a 779mila ettari vitati, -0.7% o 6000 ettari circa rispetto al 2014. La porzione di vigneto destinata a vini IGP e vini comuni è calata in modo marcato nel 2015, mentre è rimasta pressochè stabile quella per i vini AOC e invece è cresciuta molto marginalmente quella per i vini da distillazione.
  • Tornando ai dati produttivi, la produzione AOC è calata nel 2015 del 2% a 21.5 milioni di ettolitri (ma +2% rispetto alla media quinquennale) , con un andamento molto simile per vini bianchi e rossi. Invece cresce a un massimo storico la produzione di vini da distillare (cognac e armagnac), che tocca 9.4 milioni di ettolitri, in crescita del 10% rispetto al 2014 e di ben l’11% sopra la media storica. Guardando alla previsione 2016, questo andamento “fuori media” dovrebbe essere più che rientrato, essendo la produzione prevista di meno di 7.5 milioni di ettolitri, -20% sul 2015.
  • I vini IGP hanno avuto una produzione in crescita del 5% a 13.2 milioni di ettolitri, con una forte crescita del segmento dei vini bianchi, che toccano 3.6 milioni di ettolitri, il 10% sopra la media storica del comparto. Infine i vini comuni hanno avuto una produzione leggermente superiore al 2014 ma leggermente sotto la media 2011-2015.
  • Passando alle zone vinicole, il 2015 è stato un cattivo anno per la Champagne e la Borgogna, da un punto di vista di volumi, e purtroppo il 2016 sembra esserlo ancora di più. La Champagne passa da 2.9 a 2.5 milioni di ettolitri e se ne prevedono 1.7 milioni nel 2016. La Borgogna passa da 2.5 a 2.3 nel 2015 e se ne prevedono 1.8 nel 2016. Sembra invece andata meglio in Alsazia, stabile nel 2015 e in recupero nel 2016. La zona di Bordeaux ha invece avuto una vendemmia stabile nel 2015 a 5.6 milioni di ettolitri e secondo le stime Agreste dovrebbe essere cresciuta a 6 milioni di ettolitri nel 2016. Buone notizie per una delle regioni chiave dell’export francese di vino.
francia-2016-2francia-2016-7

francia-2016-5 francia-2016-4 francia-2016-3
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>