Produzione vino in Italia nel 2010 – fonte: ISTAT

2 commenti
Print Friendly, PDF & Email


ISTAT ha finalmente pubblicato i dati 2010 sulla produzione di vino in Italia. Pur trattandosi di stime almeno per una parte della produzione, come abbiamo gia’ detto piu’ volte, questa e’ l’unica fonte univoca e “definitiva” che abbiamo scelto per rispondere alla domanda: quanto vino si produce in Italia? Bene, nel 2010 se ne e’ prodotto per 46.7 milioni di ettolitri, il 3% in piu’ del 2009 e esattamente in linea con la media degli ultimi 5 anni. In verita’ si tratta di 44.7m/hl di vino e 2m/hl di mosto (proveniente principalmente da Sicilia, Puglia ed Emilia Romagna). Le tendenze degli anni scorsi si confermano, sia guardando le produzioni che le superfici vitate: il settore sembra godere di buona salute al Nord, e’ in deciso declino nel Centro Italia (nonostante le superfici vitate non stiano calando come in altre zone) e, a dispetto di un deciso calo delle superfici, nel Meridione si registra una “buona annata” dal punto di vista delle quantita’. La produzione di 46.7m/hl con 64.3m/t di uva raccolta indica una resa per ettaro di 98q/ha, un livello piuttosto elevato, anche se parzialmente attribuibile al graduale e crescente peso del Nord Italia, dove le rese per ettaro si mantengono sopra i 120 quintali, e la perdita di peso del centro Italia, dove si registrano da qualche anno rese inferiori a 80 quintali.



Andiamo con ordine geografico. Al Nord si sono prodotti 21.9m/hl di vino, il 2% in piu’ del 2009 e il 7% in piu’ della media storica. Cio’ avviene nonostante un calo del 3% delle superfici vitate, che sono oggi mediamente il 2% in meno della superficie quinquennale. La miglior vendemmia nel 2010 e’ indubbiamente quella del Friuli Venezia Giuglia, che dichiara 1.3m/hl, il 77% in piu’ dello scorso anno e il 34% in piu’ della media storica di circa 1m/hl. I due grandi serbatoi, Veneto ed Emilia Romagna sono stati rispettivamente in crescita del 2% e in calo del 5% ma entrambi fanno segnare un dato o in linea o migliore della media storica. In Piemonte la vendemmia e’ tornata a superare i 3m/hl, livello che mancava dal 2006 a questa parte: siamo del 5% sopra il 2009 e sopra la media storica. Il commento e’ il medesimo dello scorso anno: bassa volatilita’ della produzione nelle regioni chiave, ottimo presupposto per lo sviluppo “industriale” del settore.

Nel Meridione si sono prodotti 18.9m/hl di vino, il 5% in piu’ del 2009 nonostante si siano dichiarate il 7% delle superfici in meno. Il trend regionale e’ in calo e punta decisamente sotto il 20 m/hl per i prossimi anni. La vendemmia 2010 e’ andata molto bene in Puglia, tornata sopra 7m/hl, il 21% in piu’ del 2010 e il 5% in piu’ della media storica, mentre in Sicilia la produzione e’ calata dell’8% a 5.7m/hl, il 9% in meno della media storica. In Campania produzione in leggero calo. Piu’ interessante, nel meridione si sono persi 24mila ettari in produzione nel 2010, -7%, perdita completamente localizzata in Sicilia (-14%) e Sardegna (-11%).



In Centro la tendenza al calo e’ invece ininterrotta da diversi anni, ed e’ continuata nel 2010, con un calo della produzione del 3% a 5.9m/hl, nonostante un calo soltanto dell’1% delle superfici vitate. Un’annata cattiva in Umbria (-11% a 0.9m/hl) e soprattutto nel Lazio dove si sono prodotti 1.3m/hl, -18%. La produzione dal 2005 al 2010 si e’ quasi dimezzata. A questo proposito il contributo di Stefano Castriota e Marco Delmastro mi sembra piu’ che centrato per discutere dell’argomento. La Toscana continua a marciare con produzioni molto stabili (+3% a 2.9m/hl).


Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

2 Commenti su “Produzione vino in Italia nel 2010 – fonte: ISTAT”

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>