Mondodelvino – risultati 2020

nessun commento

Per Mondodelvino il 2020 è stato un anno di “riordino” e di preparazione per quella che poi è stata l’operazione del 2021 (Aprile), cioè la cessione della maggioranza del capitale al fondo di private equity Clessidra, che nel frattempo aveva comperato Botter e che come si legge dai recenti articoli di giornale mira a mettere le due aziende insieme. Mi fa sorridere il fatto che all’atto dell’annuncio si parlava della creazione del primo player italiano privato del settore (ovviamente parliamo di vendite!) e che dopo qualche mese la combinazione Botter-Mondodelvino sia stata “superata” da IWB-Enoitalia. Ad ogni modo, nel 2020 i dati di Mondodelvino sono molto buoni e il 2021 promette bene, con una attesa di crescita delle vendite del 7-10%. Nel resto del post approfondiamo l’analisi dei risultati e “calcoliamo” anche qualche numero del nuovo gruppo “Botter-Mondodelvino”. Buona lettura.


[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

  • Come dicevamo il fatturato 2020 è stato in crescita moderata, frutto dell’esposizione e dell’andamento positivo in Scandinavia e Russia, che ha più compensato i cali dei mercati più esposti alla pandemia (Cina) o alla ristorazione (Francia, USA e Giappone). Le vendite sono cresciute del 6%, il gross margin è stato stabile intorno al 31% e con un buon risparmio sui costi operativi (servizi soprattutto), i circa 2 milioni di euro in più a livello “industriale” sono diventati quasi 4 a livello di utile operativo, che passa da 4 a 7.6 milioni di euro.
  • A livello di utile netto tale beneficio si annulla quasi completamente per via degli oneri finanziari dove si contabilizzano i costi di emissione di un bond (1 milione) e rilevanti perdite su cambi (Rublo, alcune di queste non realizzate), che dall’altra parte hanno presumibilmente sospinto l’utile operativo.
  • Il debito scende da 69 a 66 milioni, anche grazie al taglio degli investimenti (da 10 a 6 milioni, con un dimezzamento degli investimenti in immobilizzazioni materiali), mentre nessun dividendo è stato pagato.
  • Se le attese del management sono confermate, le vendite 2021 dovrebbero attestarsi a 125-130 milioni di euro. Nel 2020 Botter ha realizzato 230 milioni di fatturato e un utile operativo straordinariamente elevato di 34 milioni di euro. Combinando le due aziende su base pro-forma 2020, uscirebbe un gruppo da 345-350 milioni di fatturato e un utile operativo di 42 milioni di euro, mentre se entrambe le aziende crescessero in linea con le indicazioni di Mondodelvino nel 2021 potrebbero arrivare a 370-380m milioni di fatturato.

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>