Spagna – esportazioni di vino – aggiornamento primo semestre 2017

nessun commento

[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

 

La Spagna riprende a crescere nell’export nei primi 6 mesi del 2017 (+6% a 1335 milioni di euro), dopo un anno sottotono. Lo fa interamente con il miglioramento del mix, dato che i volumi sono rimasti stabili a 11.6 milioni di ettolitri. A differenza di quanto si potrebbe immaginare a prima vista il mix migliore non implica un calo delle esportazioni di vino sfuso, anzi: a trainare le esportazioni sono proprio i vini sfusi, insieme a un rinnovato vigore dei vini spumanti. Dal punto di vista dei paesi, Cina, Francia, USA e Canada sono i mercati che stanno sostenendo le esportazioni spagnole nel segmento dei vini fermi imbottigliati, mentre nel segmento degli spumanti è il mercato tedesco a sostenere i vini spagnoli, altrimenti colpiti, come già nel 2016, dal calo del mercato inglese. Passiamo ai dati di dettaglio.

  • Le esportazioni spagnole di vino crescono del 6% nel primo semestre a 1.33 miliardi di euro, il massimo storico. I volumi sono invece stabili a 11.6 milioni di ettolitri, il che implica un prezzo medio di export di 1.16 euro al litro, +5.9%.
  • Dopo qualche anno di stasi, gli spumanti spagnoli hanno ripreso a crescere, +10% nel semestre a 194 milioni di euro. L’andamento della categoria è fortemente influenzato dai buoni dati provenienti dalla Germania, dove le esportazioni sono balzate da 21 a 30 milioni di euro, praticamente lo stesso livello dell’altro mercato chiave, gli USA, in cui invece si registra un calo del 3%. Il “malato” è il mercato inglese, che cala per il sesto anno di seguito, -6% a 17 milioni di euro.
  • Nel segmento dei vini fermi imbottigliato l’andamento è meno positivo, +3.7% a 849 milioni di euro. Come per gli spumanti, le esportazioni calano nel Regno Unito del 5% a 111 milioni. Per la prima volta gli USA sono il primo mercato per questo comparto, in leggera crescita a 114 milioni. Sono positivi i dati della Cina, +9% a 68 milioni, soprattutto considerando la base di partenza sfidante. Negativi anche i dati provenienti dalla Germania, -2%, Svizzera -1% e Olanda, -8%.
  • Passando al quadro di insieme, la Germania si riconferma primo mercato, in leggera crescita grazie agli spumanti, mentre la Francia continua a crescere di peso con un valore esportato di 149 milioni, di cui i due terzi quasi sono concentrati nel segmento dei vini sfusi. In altre parole la Francia è circa un terzo delle esportazioni spagnole di quello che non è vino in bottiglia, fermo o spumante! Stiamo parlando, tutto dentro di quasi 3 milioni di ettolitri di vino.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>