Emilia Romagna – principali vitigni – aggiornamento ISTAT 2010

nessun commento
emiliaromagna cens 2010  1

 

 

Il viaggio nei vitigni italiani continua con il focus sull’Emilia Romagna, che ha 55mila ettari piantati secondo ISTAT, con una leggera prevalenza delle superfici DOC, 30mila, rispetto a quelle non DOC, circa 25mila. Le caratteristiche peculiari della regione è che la viticoltura è diffusa in tutte le provincie, salvo Parma e Ferrara e che ci sono due tiplogie di province: quelle focalizzate sui lambruschi, quelle sull’accoppiata sangiovese/trebbiano. Accanto a queste ci sono poi Piacenza, diversa da tutte le altre e Bologna, dove la base ampelografica è particolarmente variegata. La superficie vitata è fortemente orientata alle varietà autoctone.

emiliaromagna cens 2010  2

 

 

 

  • In termini di superficie totale, quindi incluse DOC e non DOC, il trebbiano bianco “romagnolo” è il principale vitigno con 15mila ettari vitati, a rappresentare il 28% del totale. Segue il Sangiovese che rappresenta circa il 15% della superficie totale.
  • Per quanto riguarda i Lambruschi, troviamo 5 qualità recensite con oltre 500 ettari vitati, per un totale di 9900 ettari. Il Lambrusco Salamino, con 4635 ettari vitati principalmente DOC (78%), il Lambrusco Grasparossa, 2200 ettari anche in questo caso quasi tutti DOC (86%), il Lambrusco di Sorbara, 1400 ettari quasi tutti DOC sono i  tre principali. Ci sono poi il Lambrusco Marani e il Lambrusco Maestri con 950 e 650 ettari circa, entrambi concentrati a Reggio Emilia e entrambi poco più di metà rappresentati dalla categoria DOC.
  • Pochi vitigni internazionali. Non abbiamo citato tra gli importanti vitigni autoctoni la ancellotta che copre bene 4000 ettari, l’accoppiata Barbera e Croatina con 2200 e 1500 ettari principalmente a Piacenza, il Pignoletto e l’Albana con oltre 1400 ettari. Il primo vitigno internazionale è il Merlot con 1000 ettari soltanto, seguito a poca distanza dal Cabernet Sauvignon.
  • Passando alle province, come anticipavo sopra ci sono le province del Lambrusco, Reggio Emilia e Modena. A Modena 5400 ettari dei 5900 ettari totali DOC sono Lambrusco, principalmente Salamino e Grasparossa. A Reggio Emilia il Lambrusco è circa la metà dei 4800 ettari DOC, dato che il vitigno principale è l’Ancellotta, praticamente coltivato soltanto in questa provincia (sempre parlando di DOC). A Piacenza la situazione è completamente diversa da tutte le altre province, con una base ampelografica discretamente diversificata ma comunque concentrata sui vini rossi e sull’accoppiata Croatina e Barbera, seguite da Malvasia e Ortrugo. Vengono poi le provincie della Romagna, Forli, Cesena, Ravenna e Rimini dove il Sangiovese e il Trebbiano sono le nettamente predominanti, con un po’ di Albana. Infine Bologna, dove invece si mischiano Sangiovese  e Trebbiano con il locale Pignoletto ma anche con un peso piuttosto rilevante delle varietà internazionali, sicuramente non presenti nelle altre province.
emiliaromagna cens 2010 t1
emiliaromagna cens 2010 t2
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>