Danimarca – importazioni di vino – aggiornamento 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

I primi dati che fluiscono da UN Comtrade non sono per niente belli. Oggi parliamo di Danimarca, un mercato dove a partire dalla grande crisi del 2009 l’Italia aveva guadagnato la leadership ai danni della Francia e che dopo un 2017 stabile ha ripreso a crescere lo scorso anno, con un incremento del 9% a valore (628 milioni) e del 5% a volume (1.84 milioni di ettolitri). Nel 2018 la Danimarca è invece stato uno dei mercati deboli per il nostro vino mentre viceversa è stato per la Francia. Insomma, una combinazione forse sfortunata ma la Francia ha esportato il 10% in più e l’Italia il 6% in meno. Le posizioni si sono così invertite, la Francia ha riguadagnato quota 150 milioni di euro che non vedeva dal 2008, mentre l’Italia scende a 141 milioni di euro. Per l’Italia la Danimarca è un mercato duro perché in ritardo sul segmento degli spumanti (che comunque cresce più dei vini fermi), che rappresentano soltanto il 11 dei 141 milioni di export. Passiamo ai dettagli.

  • Con il +9% del 2017 il mercato danese del vino si riporta su una crescita del 3% nell’arco degli ultimi 5 anni. I dati sono equivalenti se presi in valuta locale, dato che la corona è sempre stata molto stabile rispetto all’euro.
  • La tendenza calante resta invece evidente nei volumi, anche se nel 2018 i dati sono in crescita del 5%. Nonostante il rimbalzo gli 1.84 milioni di ettolitri sono 200mila ettolitri sotto il picco toccato nel 2013. Il risultato è un costante incremento del prezzo medio di importazione, che nel giro di 5 anni è passato da 2.7 a 3.4 euro al litro.
  • Le posizioni di leadership si sono invertite nei valori, con la Francia in crescita del 10% a 150 milioni di euro e l’Italia a -6% e 141 milioni. Dietro di noi c’è comunque un buco fino ai 55 milioni della Spagna (+7%) e i 42 milioni della Germania (+16%). L’unico paese in calo oltre all’Italia è il Cile che continua su un trend negativo già visto nel 2017 e chiude a 40 milioni e -9% nel 2018.
  • L’Italia mantiene invece la leadership nel mercato nei volumi, che sono calati soltanto dell’1% a 397mila ettolitri. La Spagna resta il secondo esportatore per volume a 256mila ettolitri, stabile, mentre la Francia cresce del 9% a 232mila ettolitri. Molto significativo il calo del Cile, che perde il 15% e altri 30mila ettolitri di export, probabilmente rimpiazzato dal vino sudafricano, +10% a 214mila ettolitri nel 2018.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>