Esportazioni di vino italiano – aggiornamento luglio 2013

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email
export luglio 2013 0

Luglio e’ tipicamente il mese prima delle vacanze. E luglio per il vino italiano e’ stato un buon mese, non c’e’ dubbio. Le esportazioni sono “ripartite” con un +10% che ha ancora piu’ valore ove si consideri che “monta” su un incremento a doppia cifra del luglio dello scorso anno. In questa tornata, pero’, oltre a focalizzarmi sui numeri nel seguito del post, volevo aggiornare su come stanno andando le esportazioni di vino contro le esportazioni totali. Con due grafici: (1) il primo vi dice la quota di mercato dell’export di vino, sugli ultimi 12 mesi, rispetto all’export di beni di consumo italiani. Si tratta di una percentuale che cresce quasi costantemente nel corso degli ultimi due anni. Il numero assoluto e’ il 4.1%. Cioe’ 4.88 miliardi di euro su un export di beni di consumo negli ultimi 12 mesi di 119 miliardi di euro; (2) il secondo grafico (aprire il post…) vi mostra invece la variazione mensile dell’export di vino contro quella dell’export totale italiano. La differenza sono circa 6 punti percentuali di crescita in piu’ per il vino rispetto al resto dell’export. Cosa concludere? Siamo di fronte a una categoria vincente, il vino, che sta in una categoria di eccellenza dell’Italia, che sono i beni di consumo. Passiamo a una breve rivista dei numeri di luglio.


 

export luglio 2013 1

 

  • Le esportazioni di luglio sono cresciute come dicevamo del 10% a 472 milioni di euro, a fronte di un calo del 5% dei volumi produttivi a 1.8 milioni di ettolitri.
  • Dall’inizio dell’anno, quindi 7 mesi, la variazione percentuale dell’export e’ del 9% a 2.8 miliardi di euro, a fronte di un calo del volume del 3% a 11.6 milioni di ettolitri.
  • I dati di luglio sono un po’ diversi dal solito, dato che il vino sfuso ha avuto una battuta d’arresto (+4% rispetto al ritmo recente del +18/20%), mentre il vino imbottigliato sembra riprendere vigore con un +9% rispetto ai mesi recenti nell’intorno del 5%. Dove le cose continuano ad andare per il verso giusto senza soluzione di continuita’ sono gli spumanti, +18% anche in luglio.
  • Andamento per nazione. Gli USA si confermano il principale mercato per il vino italiano, con un totale in ragione d’anno di 1054 milioni di euro e tre milioni di ettolitri. Negli ultimi mesi la crescita si e’ costantemente mantenuta intorno all’8-9% per il valore e 1-2% per il volume.
  • La Germania per la prima volta sfonda la barriera del miliardo di euro esportato, ed e’ in una chiara fase di riaccelerazione. Siamo a una velocita’ di crociera del +7% circa, con un calo dei volumi ancora intorno all’8% ma che si sta stabilizzando (6 milioni di ettolitri), e un miglioramento quindi del prezzo mix del 15% circa.
  • Il Regno Unito e’ il terzo mercato con 570 milioni di euro in ragione d’anno e anche in questo caso una fase di decisa accelerazione: siamo attualmente intorno al +9% nonostante un calo del 13% circa dei volumi esportati.
  • Il quarto mercato, la Svizzera, invece e’ in fase di decelerazione, pur crescendo sull’anno del 9% circa. Il totale esportato in Svizzera e’ oggi di 311 milioni di euro, per un volume leggermente sotto i 700mila ettolitri.

 

 

 

 

 

export luglio 2013 2
export luglio 2013 4
export luglio 2013 3
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>