Hong Kong – importazioni di vino – aggiornamento 2020

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

Fonte: UN Comtrade

Tra le rivolte sui diritti umani e il COVID si può proprio dire che Hong Kong non è più quel conglomerato di ricchezza e dinamismo economico che avevamo conosciuto. Come nel 2019, anche nel 2020 i dati sono particolarmente negativi. Le importazioni di vino sono calate del 15% a 849 milioni di euro (sempre un numero molto rilevante, comunque), con una tenuta della Francia e parzialmente dell’Italia e una vera e propria debacle per le importazioni dal Regno Unito e dagli USA. Ovviamente stiamo parlando di un mercato molto particolare, che importa vino a un prezzo medio di 25 euro al litro, visto che a fronte di questi 850 milioni di euro i volumi sono soltanto 347 mila ettolitri. Come vedrete dai numeri all’interno del post, in questo contesto negativo la sorpresa è la resilienza delle importazioni di vini spumanti (non i nostri per l’amor di dio) che invece crescono del 14% e si portano su un livello mai toccato prima, in seguito a uno strano “trade” da Singapore. Passiamo a commentare qualche numero insieme, non prima di ricordarvi che tutti i numeri dettagliati e copia-incollabili sono a vostra disposizione nella sezione delle importazioni estere di Solonumeri (link).



 

  • Le importazioni di vino di Hong Kong calano del 15% a 849 milioni di euro dopo il crollo già registrato nel 2019 (-30%). Siamo ormai ben sotto i tempi d’oro in cui la ex colonia inglese aveva raggiunto 1.4 miliardi di euro di importazioni.
  • In realtà una lettura dei dati ripulita dai numeri di quei paesi mittenti “strani” come Regno Unito, Singapore, Cina e Olanda restituisce un quadro un po’ meno negativo, con un calo del 13% nel 2020 e soltanto del 3% nel 2019, il che ci dice che una parte rilevante (i tre quarti almeno) degli oltre 400 milioni di euro di minore export è derivante da scambi commerciali da altri paesi non produttori.
  • Ad ogni modo, la Francia migliora ulteriormente la sua quota di mercato apparente al 47% del totale, mentre l’Italia rimane un fornitore marginale per quanto riguarda le esportazioni dirette, con meno del 3% del totale: 22 milioni di euro nel 2020 contro i 400 milioni della Francia. In mezzo ci sono non soltanto il Regno Unito e Singapore, ma anche paesi che normalmente dovrebbero starci ben dietro, come USA e Australia, che pur in calo hanno segnato 70-75 milioni di euro, oltre tre volte l’Italia.
  • Una annotazione finale sugli spumanti che invece come trovate dalla tabella crescono del 14% grazie al rimbalzo delle esportazioni di Singapore. In questo segmento l’Italia risultat stabile con soltanto 2.2 milioni di euro di spedizioni.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>