Russia – importazioni di vino 2018

nessun commento
Print Friendly, PDF & Email

 

La Russia è uno di quei mercati che deve essere visto da due lati: da chi importa e da chi esporta. I dati che commentiamo oggi mostrano un livello di importazioni di vino stabile rispetto al 2017, ma in realtà non è così: la svalutazione del rublo è stata del 12% e tale è la crescita della spesa dei russi in vino straniero. E sebbene noi rileviamo un “buco” tra il 2015 e il 2016 che è praticamente stato colmato negli ultimi due anni, per i russi non è così: nella loro valuta non c’è stato un singolo anno in cui hanno speso di meno dell’anno precedente. Quindi la crescita degli acquisti di vino italiano da parte dei russi non è in realtà del 2% nel 2018 e stabile sugli ultimi 5 anni: andrebbe letta come un +14% nel 2018 e un +18% annuo addirittura dal 2013 a questa parte. Per fortuna (nostra e dei russi) il rapporto di cambio sembra essersi stabilizzato nel corso del 2019, e quindi il prossimo anno potremo vedere dati più omogenei. Detto questo, l’Italia ha mantenuto la sua posizione di leadership incontrastata, con una quota a valore che sfiora il 30% (20% dei volumi, dove gli spagnoli sono leggermente avanti) in un mercato da 900 milioni di euro e 4.1 milioni di ettolitri di importazioni di vino, con un andamento migliore dei diretti concorrenti francesi e spagnoli. Un mercato che, come vedrete dai grafici, nel 2018 è stato supportato dalla crescita degli spumanti. Passiamo ai dati.


  • Le importazioni di vino in Russia sono state stabili in euro a 890 milioni di euro, mentre crescono in valuta locale del 12.5% a 66 miliardi di rubli. Lo stesso balzo tra euro e valuta locale si rintraccia nei dati di medio termine: nel 2013 le esportazioni in euro erano 924 milioni, quindi più elevate di oggi, ma i russi spendevano 29 miliardi di rubli per comperare quel vino. Dunque, mercato di nuovo stagnante sui 5 anni in euro, ma più che raddoppiato in rubli, il che significa +17% annuo.
  • L’andamento dei volumi è invece altalenante. Lo scorso anno i russi avevano importato 4.4 milioni di ettolitri, quest’anno 4 come era stato nel 2016. Diciamo che i livelli di 5 e più milioni di ettolitri di qualche anno fa sembrano essere dietro le spalle. A volume la Spagna è davanti all’Italia, ma ha perso ben il 27% del volume nel 2018, che l’ha portata con 860mila ettolitri non distante dagli 811mila dell’Italia.
  • In valore (parliamo in euro anche se la “tara” da aggiungere in rubli è del 12%!) l’Italia è avanti a tutti con 262 milioni di euro, +2%. Con questo passettino in avanti siamo tornati al livello del 2013. Il merito è degli spumanti che passano da 85 a 97 milioni di euro, +14%, a compensare il calo dei vini fermi.
  • Per la Francia il discorso è simile: gli spumanti passano da 43 a 51 milioni di euro, +17%, mentre le esportazioni totali sono praticamente ferme intorno a 160 milioni di euro.
  • Il terzo importatore in Russia è la Spagna a 131 milioni, ma il forte calo dei volumi ha determinato una caduta del 9%. In questo caso gli spumanti pur crescendo da 9 a 12 milioni sono troppo poco rilevanti per compensare.
  • Sotto i principali tre mercati i dati sono molto volatili è poco rilevanti.
  • Invece vale la pena dare un occhio ai numeri sugli spumanti, vero motore di crescita del mercato russo, +17% nel 2018.
Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

 

 

 

 

Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>