Il mercato cinese del vino – dati 2005 e previsioni 2010

4 commenti

Fonte: Vinexpo
[English inside]
Vinexpo ha condotto una indagine particolareggiata del mercato del vino cinese, che riprendiamo nelle maggiori conclusioni. Il mercato del vino cinese nel 2005 e’ stato di 4.2m/hl (+5% annuo dal 2001 in cui era a 3.5m/hl) e USD1.1bn di valore (+7.4% annuo rispetto agli USD0.8bn del 2001. Di qui al 2010, secondo Vinexpo il mercato e’ destinato a crescere ulteriormente: ci si aspetta un +8% annuo a valore (USD1.7mld) e del 6.4% annuo a volume (5.8m/hl). Arrivando alle principali conclusioni del post possiamo dire che: (1) il mercato e’ destinato a crescere prevalentemente a volumi, piu’ di quanto non abbia fatto sino ad oggi; (2) come vedremo, resta un mercato essenzialmente di vini fermi e non spumanti; (3) la grande opportunita’ di qui al 2010 sembra il rilancio dei vini bianchi; (4) rispetto al resto del mercato mondiale, il mercato del vino cinese resta caratterizzato da un mix piu’ povero con il 93% dei vini venduti a meno di USD5 contro il 77% del resto del mondo, e da una quasi completa predilezione per i rossi (87% del mercato nel 2005 contro il 50% del resto del mondo).

chi1.jpg

Vinexpo published a good review of the Chinese wine market. In 2005 in China 4.2m/hl of wine were sold (+5% on a yearly basis vs. 3.5m/hl in 2001), for a market value of USD1.1bn (+7.4% on a yearly basis since 2001). The forecast for 2010 is to grow by 8% on a yearly basis in value and by 6.4% in volume, to reach a level of USD1.7bn and 5.8m/hl respectively. Let’s draw some conclusion from what I will show you in the rest of the post: (1) the market is to grow essentially by volumes and not by mix over 2005-2010, more than what has been up to now; (2) the Chinese market remains basically a still wines market; (3) the big opportunity from now to 2010 seems to be in white wines; (4) compared to the world wine market, the Chinese wine market has (and will continue to show) a poor mix with 93% of wines sold below USD5 vs. 77% of the rest of the world. Secondly, it is basically a market for red wines (87% vs. 50% for the world market).

chi2.jpg

Passiamo velocemente in rassegna i principali tagli della crescita. Qui vedete i volumi totali, cresciuti del 5.2% annuo dal 2001 al 2005 da 3.5 a 4.2m/hl, e destinati a raggiungere 5.8m/hl nel 2010. Di questi solo 0.2m/hl sono attesi essere vini spumanti. We now look at the key categories to assess what growth is expected. Total volumes grew by 5.2% p.a. from 2001 to 2005, moving from 3.5 to 4.2m/hl. According to the survey, they should grow a bit faster going forward, to reach 5.8m/hl in 2010. Of these, only 0.2m/hl are estimated to be sparkling wines.

chi3.jpg

Dal punto di vista del colore, i vini rossi sono la stragrande maggioranza nel 2005 (87%) e sono cresciuti del 5% annuo dal 2001 al 2005. I vini bianchi hanno invece subito un calo da 0.6m a 0.4m/hl. A guardare questi numeri, oltre alla quasi completa mancanza dei vini rosati, si nota che il segment in crescita significativa e’ atteso essere quello dei bianchi, che dovrebbe balzare a 1.3m/hl nel 2010, con una crescita annua superiore al 20%. By color. Red wines are the key category (87% in 2005) and grew by 5% up to 2005. White wines were declining from 0.6 to 0.4m/hl. Looking at this numbers you can note: (1) the total absence or nearly so of rose’ wines; (2) the expectation for 2005-2010 is for a heavy rebound of white wines, seen at 1.3m/hl in 2010, which means 26% annual growth in the period.

chi4.jpg

Infine, il mix. Un po’ sorprendentemente, 3.8m/hl dei 4.2m di cui si compone il mercato sono venduti a meno di USD5. Di qui al 2010, le attese di crescita non sono nella fascia dei grandi vini, ma bensi in quella mezzana (5-10$), dove si dovrebbe passare da 0.2m/hl a 0.6m/hl. Finally, the mix. It is quite surprising to me that 3.8m/hl out of the 4.2m/hl of the market are sold below USD5. In 2010, the growth is expected in the mid-price segment (USD5-10) where volumes should move from 0.2 to 0.6m/hl.

chi5.jpg

Eccoci a due confronti del mercato cinese con quello mondiale, di cui rappresenta circa il 2% (2.5% nel 2010). Qualche considerazione: i vini venduti in Cina sono quasi completamente rossi, mentre nel mondo questa categoria rappresenta circa la meta’ del mercato. Inoltre i vini rosati, che sono il 9% del mercato mondiale con attese di crescita a venire qui non esistono. Infine, i vini bianchi che sono considerati la “Cenerentola” dei prossimi 5 anni, qui sembrano essere il segmento dove investire. Dal punto di vista del mix, il mercato resta piu’ “povero” che nel resto del mondo: siamo a circa 2.4$ al litro contro i 4.3$ del resto del mondo. nel 2010 la differenza restera’: 2.6$ contro 4.5$: in altre parole solo il 7% dei vini venduti nel 2005 era sopra i 5$ contro il 23% del mercato mondiale e nel 2010 saranno il 15% contro il 26%.

chi6.jpg

To finish, we compare the Chinese market to the world market (of which China is 2% and will be 2.5% in 2010). (1) the wines sold in China are almost completely red wines, while in the global market they represent 50%. (2) Rose’ wines, which represents 9% of the world market are here not represented. (3) finally, white wines which are not set to grow at global level in 2005-2010, are expected to be the key growth segment in China. (4) looking at the mix, the market remains less appealing that the global one: in 2005 mix was USD2.4 per liter vs. USD4.3 for the world market. In 2010, the gap is to remain: 2.6USD vs. 4.5USD. Only 7% of the wines sold in 2005 in China were priced above USD5 vs. 23% of the world market. In 2010 these percentages could be 15% and 26%.

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

4 Commenti su “Il mercato cinese del vino – dati 2005 e previsioni 2010”

  • aldo

    Ciao, provo a buttare giù un paio di ragionamenti, basati sulla mia esperienza personale, lavorativa e famigliare sulla Cina.
    i Cinesi bevono vini Rossi, perchè i vini locali sono prevalentemente rossi, su uve francesi, in particolar modo Cabernet.
    I vini bianchi li supporta solo Campari, attraverso la Winery locale Cathay.
    Il prezzo del vino è molto alto per il cinese medio, 5$/€ corrsipondono a circa 55rmb, questo è il costo del vino locale, in italia verrebe venduto intorno ad 1€, e visto che un impiegato ne quadagna tra i 200€ ed i 500€ il vino anche quello cinese è ancora un lusso, da permettersi una volta ogni tanto.
    quelli stranieri costano al supermarket non meno di 10€. per fare un esempio santa cristina cosa 140 rmb.
    Una ottima spinta ai consumi del vino verrà dal aumento nei prossimi anni dei salari.

  • Francesco

    Sono interessato al mercato cinese. Produco vini bianchi autoctoni di pregiata qualità. Gradirei avere un contatto. Grazie!

  • bacca

    Purtroppo io non sono la persona indicata per questo scopo, caro Francesco. Credo sia il caso di rivolgersi a una struttura che organizza delle promozioni come ICE (istituto per il commercio estero) o Vinitaly, oppure la sua camera di commercio…

    Cordiali Saluti

    Marco Baccaglio

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>