Frescobaldi – bilancio 2006, seconda puntata

nessun commento

Passiamo all’analisi del capitale investito e del debito di Frescobaldi. Beh, l’evento chiave e’ stato la vendita di parte di alcune tenute a terzi, pur mantenendone il controllo. Questo ha determinato una serie di impatti che brevemente sono stati: (1) il calo del debito a livelli accettabili; (2) un mancato miglioramento del ritorno per gli azionisti pur in presenza di un migliore ritorno sul capitale.
In this second post on Frescobaldi financial performance for 2006, we highlight the impact of the disposal of minorities of some subsidiaries, which had a massively positive impact on debt ratios, but which also implied a stabilisation of the return on equity, which was less favoured by lower financial leverage.

fresc2-1.jpg

Dicevamo che la vendita di quote di minoranza ha consentito una riduzione del debito da EUR91m a EUR59m, con un corrispondente miglioramento del rapporto tra debito e margine operativo lordo da un “preoccupante” 6.8x a un piu’ accettabile 3x (particolarmente considerando la rilevanza degli attivi della societa’).
Debt moved from EUR91m to EUR59m, corresponding to an improvement of the debt/EBITDA ratio from 6.8x to 3x, which is now more than acceptable considering the high quality of company assets.

fresc2-2.jpg

In verita’ come vedete dal grafico, il capitale investito non e’ cresciuto, restando nell’intorno di EUR140m. Il capitale circolante e’ pero’ aumentato, a fronte di un leggero peggioramento dei giorni di incasso da fornitori (117 giorni da 107) e di un aumento del magazzino, che ora copre circa il 41% del fatturato rispetto al 39% dell’anno scorso. Come dicevamo per le societa’ che producono Champagne, questo andamento non e’ necessariamente negativo: se Frescobaldi decidesse di riposizionare la sua produzione a un livello piu’ alto con vini da invecchiamento questo indicatore sarebbe destinato a crescere: e, come dicono le maison della Champagne, il magazzino si rivaluta e quindi non e’ cosi’ male…
As you can see from the first graph, the capital employed did not grow in 2006 (EUR140m). However, working capital increased on the back of a slight increase of receivable days (117 from 107) and of higher inventories, moving from 39% to 41% of sales. As we were saying for companies producing Champagne, sometimes an increasing level of (right) inventories is good, because you own an asset which is increasing in value and providing visibility to the company outlook. Similarly, if this inventories increase for Frescobaldi is tied to the higher portion of high quality wines, that would be good…

fresc2-3.jpg

In termini di ritorno sul capitale investito, Frescobaldi sta chiaramente migliorando la sua performance. Siamo passati da ritorni inferiori al 6% (e dunque non proprio soddisfacenti) a un livello che sfiora il 9%. Quello che vedete nella linea rossa e’ invece il ritorno per l’azionista (dopo le tasse), che migliora, ma non in proporzione al resto, in quanto la societa’ ha ridotto il suo indebitamento e quindi “la leva finanziaria” ha agito in modo meno significativo (considerate che il ritorno per l’azionista prima delle tasse e’ nell’ordine del 12%).
In terms of return on capital invested, Frescobaldi is improving its performance, moving from less than 6% to nearly 9%. The red line is instead the post-tax return on equity, which was nearly stable in 2006, since the company was not benefing from the very high leverage of 2005. However, the pre-tax return on capital is in the region of good 12%.

fresc2-4.jpg

Infine, facciamo un confronto sui capitali investiti e sui ritorni di Frescobaldi contro il campione Mediobanca e contro Antinori. Vi mostro il ritorno sul capitale e il ritorno pretasse per l’azionista. Il commento lo potete fare anche voi: Frescobaldi appare in forte recupero, e se dal punto di vista del ritorno sul capitale la societa’ ha quasi raggiunto Antinori, dal punto di vista del ritorno sull’azionista i due gruppi sono sempre stati molto vicini. Cio’ che differenzia le due societa’ sono le modalita’ di crescita: Frescobaldi ha fatto crescere molto il suo capitale investito nel 2005 attraverso acquisizioni, mentre Antinori ha lavorato principalmente con degli investimenti diretti, che hanno portato, ugualmente, a un forte incremento del capitale investito. Entrambe le societa’, quando comparate al campione Mediobanca, mostrano di essere tra le piu’ profittevoli e prospere realta’ del mondo del vino in Italia.

fresc2-5.jpg

Finally, we compared Frescobaldi and Antinori in the return on capital (too easy against Mediobanca). I show you two graphs of the return on capital and on the return (pre-tax) for the shareholders. The comment is quite easy: Frescobaldi is recovering quickly and has nearly reached Antinori on the return on capital, while shareholders return has always been quite similar. Both companies then experienced a significant increase of their capital employed: Frescobaldi thanks to the acquisition of 2005, Antinori thanks to the capex of 2005 and 2006. Both companies, when compared to Mediobanca returns are clearly showing a very strong performance.

Frescobaldi xls

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>