Francia – evoluzione dei vitigni 1979/2004

nessun commento

Fonte: Vinifhlor (link a lato)

Passiamo in rassegna l’evoluzione del vitigno francese, che mi pare piuttosto interessante. Dunque, in Francia c’erano 882mila ettari vitati nel 2004, contro 1 milione nel 1979. Il calo in 25 anni e’ stato nell’ordine del 12% e si e’ concentrato sui vitigni bianchi, che sono passati da 311mila ettaria 255mila (-18%), mentre i vitigni rossi hanno subito un calo uguale in termini assoluti (60mila ettari a 627000), ma molto meno significativo in percentuale (-9%).
In France, vineyards moved from 1m hectares in 1979 to 882k in 2004. The reduction was 12% and was concentrated on white grapes, which moved from 311k to 255k (-18%), while the decline of red grapes was similar in absolute terms (-60k hectares to 627000), but much less evident in relative terms.

hafr1.jpg

Ora andiamo a vedere quello che succede all’interno delle categorie. Let’s give a look to the key trends within each category:

    dal punto di vista della predominanza nel 2004, il taglio bordolese arriva al 28% con una predominanza di Merlot (18%) sul Cabernet Sauvignon (10%), mentre risultano a me piuttosto sorprendenti le percentuali di Grenache e Carignan, che pero’ diventano piu’ comprensibili ricordando come la Languedoc sia il vero grande vitigno francese. In 2004 the key grapes is Merlot (18%) which is now much more widespread than its cousin Cabernet Sauvignon (10%). I am a bit surprisde by the weight of Grenache and Carignan, for which we should consider the significant weight of the Languedoc in the French vineyards.

    Chi manca? Sicuramente il Pinot Nero, che in classifica sta affogato tra gli “altri” al 4.4% del totale. What is missing? I would say Pinot Noir, which is relegated among the others with 4.4% of the total vineyard.

hafr2.jpg

Muovendoci invece sulle variazioni nei 25 anni vanno invece fatte le seguenti considerazioni:
As far as the key trends over the last 25 years, it is worth saying the following:

    il vero grande vincitore e’ proprio il Merlot, che ha guadagnato 77mila ettari, passando dal 6% al 18% del vitigno totale, con una superficie che e’ triplicata da 38mila a 115mila ettari. The winner is obviously Merlot, which gained 77k hectar, moving from 6% to 18% of total vineyards, with an average area trebling frmo 38k to 115k hectares.

    il vero perdente e’ il Carignan, che e’ passato da 207mila a 74mila ettari, cioe’ ha perso circa i due terzi della superficie del 1979. The loser is Carignan, moving from 204k hectares to 74k, losing roughly two thirds of the total area since 1979,

    in termini relativi il Syrah e’ piu’ che quintuplicato passando da 12mila a 68mila ettari. In relative terms, the most significant jump is made by Syrah, which moved from 12k to 68k hectares.

    Il Pinot Nero va bene, sale da 17mila a 28mila ettari, pero’ a non si vede quella grande esplosione che si era notata nel nuovo mondo del vino (USA, Australia e Nuova Zelanda dicendo). Pinot Noir performed well, growing from 17k to 27k hectares, but its devlopment is far less exciting than what we have seen in other wine regions.

hafr3.jpg

Passiamo ora ai vitigni bianchi, dove la base del Cognac resta il vitigno piu’ coltivato e dove, lo Chardonnay al 16% delle superfici a bacca bianca risulta un po’ pochina rispetto a quello che mi sarei aspettato. Stesso discorso vale per i 23mila ettari di Sauvignon. Among white grapes, the base wine for Cognac (Ugni) is still the largest with 33% of the total vineyard, followed by Chardonnay with 16%. I would have expected more. Same feeling about the 23k ha of Sauvignon blanc.

hafr4.jpg

Le variazioni nei 25 anni invece rendono molto piu’ ragione delle sensazioni del mercato, con lo Chardonnay e il Sauvignon che prendono piede pesantemente: il primo passa da 13mila a 42mila ettari, il secondo da 7mila a 27mila. In calo molto pesante lo Ugni blanc (base del Cognac) a -34% e il Semillon (che sta dentro i Bordeaux bianchi) che sta a -45%. The key trends over the 25 years are much more in line with our feelings: a big jump by Chardonnay and Sauvignon, which a respectively moving from 13k to 42k ha and from 7k to 27k. Ugni blanc is heavily declining at 34% in the 25 years, but is still less than the -45% for the semillon (which together with Sauvignon is the base for white bordeaux wines).

hafr5.jpg

Come al solito, ecco la base di dati completa, cosi’ come pubblicata sul sito di Vinifhlor.
As usual, you can find here the complete data as published by Vinifhlor.

hafrtab.jpg
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>