Esportazioni di spumante italiano – sommario 2007

1 commento

[English translation at the end of the post]
Le esportazioni di spumante nel 2007 sono state il principale fattore trainante del commercio estero italiano di vino. Sono cresciute da 300m a 387m, +29%, con un progresso sia in termini di volume (+14%) che di prezzo mix (+15%). Nel post troverete anche il dettaglio dei primi 10 mercati dello spumante italiano (dove si distinguono Spagna e Russia per l’evoluzione nel 2007) e un’analisi del peso di alcuni mercati per lo spumante contro il relativo peso per i vini imbottigliati. Il primo grafico vi indica l’evoluzione del fatturato: le barre blu sono tutte verso l’alto e questo vuol dire che le esportazioni sono cresciute in ciascun mese dell’anno rispetto all’anno precedente; la riga nera si ferma appunto a 387m: come vedete visivamente, la crescita e’ accerelata proprio nei mesi finali dell’anno, che sono quelli dove si concentrano le esportazioni (il 40% negli ultimi 3 mesi).

spumdic07-1.jpg

I volumi di esportazione sono in dicembre calati leggermente (-16% a 110k/hl), portando il totale annuo a 1.207m/hl, contro un livello di 1.059m/hl del 2006 e un massimo storico toccato nei 12 mesi a novembre 2007 di 1228k/hl. Dal punto di vista dei volumi. Il mercato critico per il volumi di spumante e’ la Germania, che ha subito un calo nel mese di dicembre del 34% dei volumi dopo due mesi molto in crescita del 10%. Se visti su tutto l’anno i volumi sono in crescita del circa il 10%, anche se si era raggiunto un incremento nell’ordine del 15% durante l’anno. I mercati che tengono i volumi in crescita sono sostanzialmente tre: il Regno Unito, la Spagna e la Russia, che tutti insieme fanno circa 200k/hl annui, mentre invece gli Stati Uniti stanno gradualmente perdendo forza (+4% nell’anno), e potrebbero andare in negativo durante il 2008.

spumdic07-2.jpg

Il mix e’ migliorato in modo molto significativo. Se guardassimo il grafico piu’ sul lungo periodo comprenderemmo che si tratta di un recupero di un livello passato, perche’ i 3.38EUR non sono un livello elevato. C’e’ da dire che questi numeri sono un po’ strani. Il mix e’ migliorato in modo deciso nell’ultimo trimestre sostanzialmente grazie alla Spagna e al Regno Unito, che hanno avuto dei livelli molto elevati (tali da far pensare a una anomalia dei numeri).

spumdic07-31.jpg

[TABLE=55]

Infine vi includo i numeri dettagliati per nazione sull’anno. Come vedete i mercati che tirano sono il Regno Unito con raddoppio in corso d’anno, la Spagna con +132% e la Russia con un +67%. Vanno molto bene gli USA, considerando la difficolta’ del cambio, e va male il Giappone con un -4%.
Chiudiamo con un grafico interessante: i mercati dello spumante contro i mercati del vino imbottigliato. La percentuale e’ il peso di quel mercato nelle esportazioni di quel tipo di vino. Gli USA sono molto piu’ importanti per i vini imbottigliati che per gli spumanti, e viceversa la Russia. Il Regno Unito appare il mercato piu’ bilanciato da questo punto di vista. Come vedete, in USA vanno il 27% dei vini fermi italiani ma soltanto il 15% degli spumanti.

spumdic07-4.jpg

Exports of sparkling wine in 2007 were the main factor driving foreign trade of Italian wines. They grew from 300m to 387m, +29%, with an improvement in terms of both volume (+14%) and price mix (+15%). The post will also provide you details of the first 10 markets of Italian sparkling wines (where we immediately highlight the performance of Spain and Russia) and an analysis of the weight of some markets for the sparkling wine against the weight for bottled wines. The first graph shows the evolution of the value: the blue bars are all up and this means that exports grew in each month compared to the previous year, and the black line stops just a 387m: as you can see visually, growth accelerated in the final months of the year, which are those where exports are concentrated (40% in the last 3 months).
The export volumes decreased slightly in December (-16% 110k/hl), bringing the total annual 1.207m/hl, against a level of 1.059m/hl of 2006 and touched a high in the 12 months to November 2007 1228k/hl. The critica market for volumes of sparkling wines is Germany, which suffered a decline in the month of December by 34% after two months with an increase of 10%. If viewed over the year volumes are up about 10% in Germany, even though during the year this growth was reaching 15%. The markets that keep growing volumes are three: the United Kingdom, Spain and Russia, which together cover about 200k/hl year, while the United States are gradually losing strength (+4%) and could go negative during 2008.
The mix improved significantly. Enlargin the graph to the long term, we would understand that this is a recovery of a past, because 3.38EUR is not a high level. We have to warn you because these numbers are somewhat’ strange. The mix improved significantly in the last quarter thanks to Spain and the United Kingdom, which showed very high levels (such as to think of an anomaly in numbers).
Finally we include detailed numbers for breakdown by nation. As you can see markets that are driving exports are the United Kingdom (doubling in the year), Spain at +132% and Russia at +67%. The United States are still performing well, given the tough exchange rate, while Japan is not performing well, with a 4% decline.
The last chart provides you a comparison between sparkling and bottled wines. The % is the weight of the export market for that type of wine. The USA are much more important for still wines than for sparkling wines while Russia works out in the opposite way. The UK market seems more balanced from this point of view. As you can see, in the USA we export 27% of total Italian still wines exports but only 15% of sparkling wine exports.

Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

1 Commento su “Esportazioni di spumante italiano – sommario 2007”

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>