Produzione e superfici


Il bilancio del vino della comunita' europea – terza puntata

nessun commento

Completiamo la review dei dati europei relativi al bilancio del vino con qualche considerazione sui consumi e sulle scorte. Forse la cosa piu’ interessante e’ la suddivisione dei consumi pro-capite nell’unione, che e’ stimata nel 2006 a 16.4 litri di vino da tavola, 15.1 di VQPRD. A differenza di quanto constatiamo a livello italiano e francese, qui i consumi sono in leggera crescita e si pongono su un livello di circa 31-32 litri, cioe’ circa il 30-35% in meno rispetto ai valori italiani.

 We complete the review of the European wine "balance sheet" by giving a look to the consumption and inventories trend. One of the most interesting ones is the pro-capital consumption in EU, which is for around 16 liters of table wine and 15 liters of quality wine. The gap with France and Italy is clear (30-35% lower, being at around 31-32 liters), while the trend is flat or slightly growing.

 

bilancio ue procapite.bmp Technorati Profile
Continua a leggere »

Dove sono i vigneti "non utilizzati"?

3 commenti

Dalle statistiche sulla viticoltura si ricavano sempre due diverse versioni della superficie adibita a vigna: quella totale e quella vitata. La differenza dovrebbe essere (correggetemi se sbaglio) data dalla differenza tra la vigna in produzione e quella autorizzata ma non in produzione. Per quanto riguarda l’Italia si tratta di circa 29000 ettari, pari a circa il 4% del vitigno totale secondo i dati ISTAT del 2003. I numeri 2004 sono gia’ disponibili ma non ancora completi.
Ma dove si trovano questi 29000 ettari? Quali sono le regioni (o province) dove ci sono le maggiori "sacche" di vite non in produzione?

Statistics about wine always report two different vesion of area planted with vineyards: the area "in production" and the total area. The difference should be attributable to the vineyards (or the rights to plant it) which are not producing grapes. In Italy this area is 29000 hectars, equal to 4% of total area acocrding to 2003 ISTAT figures. Where are these areas?

graph1.bmp

Continua a leggere »

Superific e rese regioni italiane 2005 (stima) – fonte dati ISTAT

1 commento

Questo e’ un post riassuntivo sulle regioni italiane (che continueremo a commentare ad una ad una nei prossimi mesi), dove credo che sia meglio far parlare le figure piuttosto che i testi. Sono due grafici. Il primo qui sotto mette in relazione la superficie vitata con le rese per ettaro: potete ben vedere dove sono le rese alte (Abruzzo, Emilia Romagna e Veneto), dove sono le regioni con le aree vitate piu’ elevate (Puglia e Sicilia soprattutto). This is a summary of the Italian regions (which I will continue to comment in the coming months), where it is good to let pictures talk, rather than texts. There are two graphs. The first correlates yields with extension of vineyard areas, showing where are high yields (Abruzzo, Emilia and Veneto) and where are the large Italian vineyards (Apulia and Sicily).

 

 regioni it 1.bmp

Continua a leggere »

Sicilia – superfici vitate e produzione – aggiornamento 2005, fonte ISTAT

nessun commento

Sicilia= Trapani+Palermo+Agrigento. Non me ne vogliano i viticoltori delle altre provincie ma e’ chiaro che quantitativamente queste tre province, e Trapani in particolare, fanno l’87% delle superfici totali e percentuali simili delle produzioni.

Sicily means Trapani, Palermo and Agrigento. Other provinces are really meaningless, as they represent together roughly 13% of production and surfaces.

sicilia1-1.bmp

 

Inquadriamo la Sicilia nel panorama italiano:
– 110,000 ettari in produzione, circa il 16% della superficie italiana e la prima regione italiana (seconda la Puglia con 104,000 ha);
– tra il 13% e il 15% del vino italiano con 6-7m hl dopo la Puglia e poco davanti al Veneto.
– rese per ettaro tra il 10% e il 30% al di sotto della media italiana.

Sicily has these main features within the Italian wine sector:

  • 110k hectars in production, which is 16% of total Italian vineyard, being the n.1 in Italy (n.2 Apulia);
  • between 13% and 15% of Italian wine production (6-7m hl yearly), after Apulia and before Veneto.
  • yields per hectar 10-30% below the average for Italy.

Continua a leggere »

I dati dei 61 Chateau di Bordeaux: Margaux o Paulliac – terza puntata

nessun commento

Guardando i numeri, viene abbastanza chiaramente evidenziato che le due zone piu’ vocate tra i castelli classificati nel 1855 siano Paulliac e Margaux.

Looking at the numbers of the grand clu classe, it is quite clear that the two main areas are Paulliac and Margaux.

bordeaux3-1.bmp

Cosi’ vi posto i numeri relative alle dimensioni delle proprietà grand cru classe delle 5 zone. Conclusioni:

  • Margaux e’ un po’ piu’ avanti nel complesso (864 ettari GCC, il 31% del totale, rispetto a 839), precedendo St Julien (22% del totale).
  • Paulliac vince nettamente per "qualita’" dominando nella torta dei 1er cru (64% del totale), contro il 24% di Margaux e il 12% di Pessac Leognan.
  • Margaux is the major area with 864 ha, vs. 839 ha for Paulliac and before St Julien (22% of the total)
  • Paulliac is instead the main 1er GC areas with a 64% weight on the total vs. 24% for Margaux.

Continua a leggere »