USA – importazioni di vino – aggiornamento 2022

nessun commento

La forte svalutazione dell’euro nei confronti del dollaro ha reso il mercato americano particolarmente appetibile. Le importazioni di vino sono cresciute del 4% in dollari americani a 7.7 miliardi di dollari, quindi mantenendo la traiettoria degli ultimi anni. Con il cambio a 1.05 rispetto a 1.18 dello scorso anno, la traduzione in euro genera un dato in crescita del 17% per 7.3 miliardi di euro. Anche nel 2022 i vini francesi hanno registrato un andamento leggermente migliore di quelli italiani, +18% contro +16%. Cumulandolo con quanto successo negli anni recenti, i vini francesi crescono del 9% annuo dal 2017 a questa parte, quelli italiani del 6%. Dopo Italia e Francia, a una distanza comunque abissale, si impongono i vini neozelandesi. Passiamo a un’analisi più dettagliata, sottolineando che i numeri sono disponibili su Solonumeri e che, purtroppo, le rilevazioni sui volumi importati in USA non sono realistici e dunque omettiamo di analizzarli.

 

  • Le importazioni americane di vino di 7.3 miliardi di euro si compongono di circa 4.9 miliardi di vini fermi in bottiglia (+16% nel 2022, +4% annuo in euro all’anno nel quinquennio), circa 0.5 miliardi di euro di vino sfuso (+20% e +8% annuo dal 2017) e poco più di 1.9 miliardi di euro di vini spumanti, categoria questa in forte crescita, +20% nel 2022 e +12% annuo dal 2017 al 2022.
  • La leadership della Francia si “amplia” raggiungendo il 36% dei vini importati, mentre quella italiana cala leggermente al 31.8%. Se escludiamo l’eccezionalità del 2020, i vini italiani stanno mantenendo le loro posizioni, mentre i vini francesi stanno guadagnando quote (erano sotto al 30% fino al 2016) nei confronti dei vini sudamericani e australiani.
  • Anche se le distanze si stanno assottigliando, l’Italia resta leader nella categoria dei vini fermi in bottiglia, con 1.6 miliardi di euro rispetto a 1.45 della Francia. L’Italia di nuovo cresce sui 5 anni come il mercato (+4% annuo), i vini francesi vanno a una velocità molto superiore (+7%).
  • Il mercato dei vini sfusi resta dominato da Cile, Australia e Nuova Zelanda, mentre in questo comparto Italia e Francia non superano di molto il 10% del mercato ciascuno.
  • Venendo alla categoria degli spumanti, qui il passo dei vini italiani è superiore a quello di quelli francesi. Nel 2022 i nostri spumanti sono cresciuti del 25% a 675 milioni di euro, mentre quelli francesi sono a +18% per 1.1 miliardi di euro. Anche nel medio termine, a fronte di un mercato a +12% annuo, l’Italia è a +14% mentre la Francia è a +10%.
  • Bene, vi lascio alle tabelle e ai grafici.

 

 

 

[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>