Vendite al dettaglio di vino nella GDO in Italia – dati IRI, aggiornamento terzo trimestre 2022

nessun commento

Le vendite al dettaglio di vino nella GDO italiana sono cresciute del 3.7% a 683 milioni di euro nel terzo trimestre dell’anno. Tale andamento ha consentito di ridurre il calo registrato nei primi mesi dell’anno, che resta comunque piuttosto significativo (-3.6% per 1998 milioni di euro). Come ben sapete stiamo parlando di abitudini di acquisto passate (2020 e 2021) fortemente influenzate dallo spostamento delle abitudini di consumo dai ristoranti e bar a casa per via del Covid. È quindi utile anche guardare i dati “contro 2019” ed è per questo che tutti i grafici che vedete sono “basati 100” sul dato relativo al 2019. I dati ci dicono due o tre cose interessanti, che affrontiamo nel resto del post.


[wp_bannerize group=”ADSENSE”]

La prima è sicuramente relativa ai vini rosati che hanno avuto un vero e proprio boom nell’estate 2022 dopo essere stati per diversi trimestri meno performanti dei vini bianchi e rossi. Stiamo parlando di numeri completamente diversi, ovviamente. Le vendite di vini rosati sono circa 115 milioni di euro negli ultimi 12 mesi, contro i 923 dei vini bianchi e i 1151 milioni dei vini rossi. Sono diversi anche i prezzi al litro, 3.47 euro al litro per i vini  rossi, 3.17 per i bianchi e 2.91 per i vini rosati. Però come dicvevo sopra le vendite sono circa il 14% sopra il 2019, rispetto al +10% per i vini bianchi e al +8% per i vini rossi.

La seconda è che la forbice prezzo volumi si sta allargando in modo sempre più importante a causa delle tensioni inflazionistiche, anche e non siamo sui livelli di inflazione che ci sta comunicando l’ISTAT (12% l’ultimo dato di ottobre, intorno al 9-10% nei mesi scorsi). Infatti la forbice è attualmente intorno al 6% per il trimestre e intorno al 3% per i primi 9 mesi dell’anno.

La terza si collega alla seconda. Esiste un effetto mix che sta emergendo, perchè IGT e vini comuni crescono del 6% contro il +1% dei vini DOC/DOCG (-1% contro -4% per i volumi), effetto molto ben visibile nel grafico qui sotto. Siccome i prezzi sono ben diversi (5.28 per i DOC/DOCG, 3.54 per gli IGT e 1.7 per i vini comuni), ovviamente il prezzo medio si schiaccia.

Ultima nota per i vini spumanti: volumi stabili, prezzi in crescita del 5% e dunque +5% sul trimestre per un’ulteriore segnale che in questo segmento le cose continuano ad andare meglio che nel resto del mercato.

Dati e tabelle nel resto del post.

 

Se siete arrivati fin qui…
…ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco
Print Friendly, PDF & Email
Fondatore e redattore de I numeri del vino. Analista finanziario.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>