Treasury Wine Estates


Treasury Wine Estates – risultati primo semestre 2011-12

1 commento

Treasury Wine Estates ha rilasciato i risultati a fine dicembre, corrispondenti ai primi 6 mesi. L’azienda ha continuato sul sentiero del miglioramento dei margini a discapito delle vendite (sotto pressione anche per via del cambio). Il margine prima dei costi centrali e’ leggermente migliorato ma in valore assoluto sono ormai 3 anni che l’azienda tra dismissioni, focalizzazione sui prodotti chiave e cambio sfavorevole ha utili che non crescono. La crescita c’e’ soltanto in Cina: peccato che si tratti soltanto di 0.5 milioni di casse su un totale di circa 17 milioni vendute in totale nel semestre.

Continua a leggere »

Foster’s – risultati primo semestre 2010-11

nessun commento


Foster’s ha pubblicato i risultati per il semestre terminato a dicembre 2010 e ha annunciato che la separazione tra la divisione birra e quella vino (Treasury Wine estates) sara’ operativa da Giugno 2010. Questi risultati (oggi parliamo soltanto della divisione vino, che chiamiamo per brevita’ TWE) sono caratterizzati dalla debolezza della divisione birra e dal miglioramento (prima dell’impatto dei cambi) della divisione vino. Se leggiamo quello che scrivevamo un annetto fa (cioe’ che Foster’s voleva separarsi dalla divisione vino perche’ offuscava i buoni risultati della birra), viene da sorridere. Resta il grande motivo di fondo: due entita’ separate consentono agli investitori di scegliere dove investire.



Continua a leggere »

Treasury Wine Estates – lo spin-off di Foster's sul vino si presenta

nessun commento


La divisione vino di Foster’s, la Treasury Wine Estates, si e’ appena presentata agli investitori in previsione del processo di “spin-off” dalla Foster’s (che di fatto scomparira’ dato che la divisione birra cambia nome). Cerchiamo di vedere di che animale si tratta. Di fatto si tratta della risultante di 4 grandi operazioni che hanno combinato Mildara Blass (1996), Rothbury Wines (1996), Beringer (2001) e la famigerata acquisizione Southcorp (2005). I marchi sono Penfolds, Beringer, Wolf Blass, Rosemount, Lindemans e via dicendo. Si sviluppa su 12mila ettari di vigna di proprieta’ su 19 cantine, con vendite di 35 milioni di casse di vino e circa 2 milioni di dollari australiani di fatturato (circa 1.4 miliardi di euro). Di queste 35 milioni di casse, 7.3m sono vendute in Australia, 16m in USA e 8.9m in Europa. Come vedete dal grafico, quindi, le vendite sono per il 49% in America, il 29% in Australia NZ, il 18% in Europa e il 4% in Asia. Gli utili sono invece piu’ concentrati nel mercato locale (34% in Australia/NZ) e in Asia (10%), con l’Europa che rappresenta soltanto il 7% degli utili (e l’America in linea con le vendite al 49% del totale).



Continua a leggere »