Regno Unito


Majestic Wine (risultati 2018/19) vende i negozi e si concentra su Naked Wines

nessun commento

 

I più attenti di voi forse lo sanno già, visto l’annuncio è ormai di qualche mese fa. Majestic Wine, la catena di enoteche inglese che qualche anno fa ha acquisito Naked Wines (un online molto particolare), ha deciso dopo anni di ristrutturazioni, rilanci, cambi di management di vendere la catena fisica dei negozi per concentrare tutti gli investimenti nell’ecommerce, e in Naked Wines in particolare. Difficile tirare conclusioni. Certamente oltre 200 negozi nel Regno Unito possono diventare un fardello e probabilmente la decisione di uscire ha le sue buone ragioni. Dall’altra parte, sta diventando sempre più vero che non si può stare soltanto online, ma qualche bandierina nel mondo fisico bisogna metterla. Ce lo insegna Warby Parker, catena online di ottica che si è messa ad aprire negozi nelle principali città americane, ce lo insegna anche Amazon, e chi sennò, che ha comperato la catena WholeFood e sta sperimentando dei format di negozi. Tornando a Majestic e Naked Wines, i dati che presentiamo oggi relativi al 2018-19 non sono certamente buoni: se le vendite salgono del 6%, gli utili sono di nuovo in calo dopo i segnali di risveglio dell’anno scorso. Una serie di oneri di ristrutturazione e svalutazioni (oltre 100 dei 200 negozi non è ritenuto in grado di generare sufficienti profitti per giustificare il valore a cui è iscritto nel bilancio) hanno portato le perdite a 9 milioni di sterline e a un incremento del debito.

Senza i negozi (sempre che riescano a venderli), Majestic si chiamerà Naked Wines e avrà presumibilmente sufficienti risorse finanziarie per far crescere l’attività. Come potete vedere dai grafici presi dalla loro presentazione all’interno, si tratta di investire nell’acquisizione dei clienti, che poi forniranno un valore negli anni a venire, sempre più basso ma comunque “cumulato” sugli altri anni. Un po’ la stessa logica del blog: io continuo a scrivere, voi continuate a leggere, soprattutto i nuovi articoli ma anche un po’ di quelli vecchi, che anche se sempre meno sono uno zoccolo di lettura che si costruisce. Vedremo che cosa succede, intanto ho un amico che purtroppo per questa decisione purtroppo perderà il lavoro… passiamo ai numeri…

Continua a leggere »

Regno Unito – importazioni di vino 2018

nessun commento

 

La buona notizia di questo post per noi italiani è che i nostri spumanti, già ampiamente più venduti in volume che quelli francesi, nel 2018 sono diventati leader anche in valore seppur di poco (361 milioni contro 359). È grazie a questo exploit (+11% per gli spumanti) che il vino italiano è riuscito a crescere del 5% nel 2018 nel Regno Unito, in un contesto di importazioni praticamente stabile (+1% in euro a 3.7 miliardi di euro e +2% in sterline a 3.26 miliardi). La Francia rimane largamente avanti a tutti con 1.1 miliardi di euro ma è stabile, la Nuova Zelanda subisce una forte contrazione dopo anni di crescita causata dalla riduzione dei prezzi medi, mentre è stato un buon anno per gli americani e i cileni, anche se la crescita può essere letta più come un recupero che come un vero e proprio trend di crescita. Passiamo ai dati.

Continua a leggere »

Vini rosati: produzione e consumo – aggiornamento 2017

nessun commento

 

L’aggiornamento 2017 prodotto da France Agrimer sul segmento dei vini rosati vede una produzione in deciso calo (-9%) e un consumo in leggera riduzione (-3%) rispetto al 2016. Ciò deriva sia dalla cattiva vendemmia 2017, che ha determinato cali molto pesanti della produzione francese e spagnola, sia dal calo apparente dei consumi in mercati come il Regno Unito e la Spagna. I vini rosati restano una categoria particolare che rappresenta l’8% della produzione/consumo mondiale, con alcuni mercati di riferimento, dove ricoprono una quota importante dei consumi di vino traquillo (il 33% in Francia, il 18% in Belgio, l’11% in Germania e fino a quasi la metà dei consumi in Uruguay). I principali vitigni da cui vengono prodotti i vini rosati sono la Grenache (28%), il Syrah (15%) e il Cinsault (13%). Passiamo a commentare qualche dato aggiornato al 2017 dunque.

Continua a leggere »

La tassazione del vino nell’Unione Europea – dati 2018

nessun commento

 

L’argomento delle tasse sul vino è sempre delicato e, come per la maggior parte delle materie fiscali, non esiste una coerenza a livello europeo. I dati che pubblico oggi rappresentano la situazione a luglio 2018, tratta dal sito della comunità europea e segnalata da Gavin Quenney. Le tasse si esprimono in due forme: le accise applicate “per ettolitro”, che nel post sono rielaborate in equivalente per bottiglia da 0.75, e come per la maggior parte dei prodotti, l’IVA. Come potrete vedere dalle tabelle non tutti i paesi applicano le accise, diciamo che non lo fanno i paesi produttori di vino come Francia, Spagna e Italia, mentre ovviamente il vino è quasi unanimemente considerato un prodotto di consumo e dunque gli si applica l’aliquota IVA ordinaria, che viaggia in media intorno al 20-21% (22% come sapete in Italia). Per definire “quanto sono le tasse nella bottiglia di vino”, abbiamo definito tre fasce di prezzo, 5, 10 e 30 euro, espresse come prezzo della bottiglia prima delle tasse e su quello abbiamo calcolato l’impatto delle tasse. In media la tassazione sul vino fermo “aumenta” il prezzo di una bottiglia di vino fermo del 36% se costa 5 euro e del 23% se costa 30 euro. Nel caso dei vini spumanti, come potete apprezzare dal grafico sopra, si sale al 44% e 25% rispettivamente. Come anticipavo sopra, i paesi nordici che non producono vino e forse hanno anche problemi più rilevanti dei nostri di alcolismo tassano il vino per oltre il 50% del suo prezzo “ex tasse” con pesanti accise, mentre noi produttori siamo decisamente più orientati a considerare il vino come un normale prodotto di consumo. Vediamo qualche dettaglio.

Continua a leggere »

Esportazioni di vino italiano – aggiornamento ottobre 2018

nessun commento

 

Nel contesto di una forte decelerazione dell’export italiano in generale, il settore del vino a ottobre segna un forte segnale di segno opposto, +14% (tale da farmi ricontrollare un paio di volte i numeri!). Come mostra bene il grafico qui sopra, si tratta di una decisa accelerazione rispetto ai mesi precedenti che viene in uno dei mesi più importanti dell’anno. I volumi esportati nel mese sono cresciuti del 5%, mettendo fine a un calo che continuava da ormai un anno a questa parte. Possiamo quindi cominciare a delineare un quadro di come potrebbe andare il 2018: la crescita sta accelerando gradualmente verso la soglia del 5%, che ci farebbe chiudere il 2018 intorno a 6.3 miliardi di euro di esportazioni, con un incremento del 15% circa delle esportazioni di spumante, un +2% circa per il vino imbottigliato e un incremento del 5% circa per i vini sfusi. Dal punto di vista geografico, il 2018 dovrebbe segnare un incremento del 5-6% in USA, del 3-4% in Germania e del 3% circa nel Regno Unito. Francia e Svezia dovrebbero confermarsi i mercati più dinamici tra quelli grandi, mentre ancora una volta sembra non si riuscirà a mettere nella top 10 dei mercati la Cina, che ha subito flessioni significative nell’ultimo periodo. Passiamo a una breve analisi dei dati.

Continua a leggere »