primo semestre 2009


Esportazioni australiane di vino – aggiornamento Giugno 2009

2 commenti


australia h109 1

Dopo un 2008 da dimenticare, le esportazioni australiane stanno cominciando a dare qualche segnale di stabilizzazione. E’ un cambio di direzione che per ora riguarda solamente i volumi, ma che sta portando il saldo annuale delle esportazioni australiane da un calo ormai vicino al 20% dentro il limite del 10%. Ci sono ancora cose che non vanno, certamente: la svalutazione del dollaro australiano occorsa soprattutto nei primi mesi del 2009 ha fortemente impattato il prezzo mix: le cose dovrebbero cominciare ad andare meglio a partire dalla seconda meta’ del 2009. Invece, una considerazione interessante e’ il fatto che questo AU$2.4 miliardi di vino australiano che escono dall’isola stiano sempre piu’ approdando in nuovi mercati: il trio USA/UK/Canada e’ passato dal 2004 ad oggi dal 77% al 69%.


australia h109 2
Continua a leggere »

Constellation Brands – risultati primo semestre 2009

nessun commento


cbrands q2 09 1

Constellation Brands ha riportato qualche giorno fa dei risultati piuttosto incoraggianti per il secondo semestre dell’anno fiscale e ha lasciato invariate le attese di utili per fine anno (che invece lo scorso anno aveva costantemente abbassato). Il commento dell’azienda e’ che per quanto lo scenario resti difficile, si intravedono dei segni di stabilizzazione: i principali obiettivi sono di ristabilire una crescita organica positiva e di abbassare il debito (cosa che negli ultimi 2 trimestri non e’ peraltro successa, se non per motivi stagionali). Alcuni dati che si riferivano al segmento vino a livello di margini non saranno da ora in avanti piu’ commentabili, perche’ l’azienda ha deciso di fondere la divisione vino con quella di superalcolici: restano i dettagli dell’andamento a livello di fatturato.


cbrands q2 09 2
Continua a leggere »

Cile – esportazioni di vino dal 2005 a giugno2009

nessun commento


chile export h1 09 1

Nella crisi mondiale che ha colpito il mondo del vino, anche il Cile sta pagando qualche conseguenza. Dopo anni di crescita esponenziale, le esportazioni nei primi 6 mesi del 2009 hanno subito una battuta d’arresto in termini di valore (-2%), nonostante l’incremento del 10% dei volumi che ha riportato il livello delle esportazioni allo stesso volume del 2007. Come vedremo piu’ avanti, nel segmento chiave del vino imbottigliato, le vendite in nord America continuano a crescere, mentre sono in forte calo le vendite in Europa, che sono il principale mercato del vino cileno e anche l’America Latina e’ in diminuzione.


chile export h1 09 2

Passiamo ai numeri. Le esportazioni hanno toccato nel primo semestre i 3 milioni di hl, ponendo le basi per superare i 6 milioni annui (contro i 5.9 milioni del 2008). Di questi 1.75 milioni sono vino imbottigliato e sono proprio questi sui quali ci concentriamo nelle prossime elaborazioni. In termini di valore invece le cose non sono andate bene, con un calo del prezzo mix dell’11% (da 2.3 a 2 dollari al litro). Le esportazioni sono cosi’ scese del 2% a 614 milioni di dollari, contro 630 milioni dei sei mesi 2008 e 1.4 miliardi dell’anno scorso.
Continua a leggere »

Prezzi, costi e margini del vino – aggiornamento giugno 2008

nessun commento


indicatori Q2 09 1

I dati congiunturali del settore del vino prodotti da ISMEA ci mettono ancora in luce una situazione che ricorre in molti settori economici: le vendite vanno male (affronteremo questo argomento tra qualche giorno, ma il mercato del vino potrebbe calare del 5-6% nel 2009), ma i costi scendono piu’ velocemente. Ne risulta un quadro dove tutto sommato le aziende si stanno “salvando” essenzialmente grazie al crollo dei prezzi delle materie prime (uva), e a partire da un paio di trimestri anche del costo dei mezzi di produzione (in seguito al calo del prezzo del petrolio e dell’inflazione). E’ chiaro che i migliori margini sono dovuti a un effetto presumibilmente temporaneo e che se il mercato non si stabilizza presumibilmente i margini a un certo punto scenderanno. Per questo, il clima della fiducia del settore (come rilevato da ISMEA) resta negativo. Su questo punto, se guardiamo al grafico ci accorgiamo che forse (dico forse) il peggio potrebbe essere alle nostre spalle.


indicatori Q2 09 2
Continua a leggere »