mercato del vino


Importazioni di vino in Germania – aggiornamento ottobre 2010

nessun commento


OEMV (Spagna) ha pubblicato l’aggiornamento delle importazioni di vino in Germania. Riportiamo due serie di dati, il Gennaio-Ottobre 2010, dove si evince un calo delle importazioni del 2%, e il Novembre-Ottobre 2010 (cioe’ 12 mesi mobili) dove invece il calo e’ ancora al 2.7%, siccome il numero include una piccola parte di 2009 che ancora era afflitto dalla crisi. Ribadisco di nuovo che i dati pubblicati dagli spagnoli sulla base delle serie tedesche sono diversi da quelli di ISTAT. Quando dico diversi significa che per esempio, sul dato Gennaio Ottobre 2010 pubblicato da Coeweb per i vini imbottigliati esportati dall’Italia, noi pubblichiamo un dato di 500 milioni di euro rispetto a 484 milioni (quindi +3%), mentre gli spagnoli danno un numero molto diverso, di 432 milioni di euro, con un calo del 5%. La differenza e’ sostanziale e richiederebbe un approfondimento. Restiamo pero’ su questi dati e commentiamo questi numeri a compartimento stagno.



Continua a leggere »

Germania – mercato e consumi di vino – aggiornamento 2009

1 commento


Il mercato del vino tedesco ha nel 2009 mostrato alcune interessanti tendenze. I tedeschi continuano ad aumentare la quota dei loro consumi domestici nel vino ma per la prima volta si comincia a vedere un indebolimento della tendenza dei consumi pro capite a volume. Poca roba, certo: il German Wine Institute stima un consumo di vini fermi di 20.1 litri pro capite rispetto ai 20.7 del 2008, che era stato il massimo storico.



Continua a leggere »

Mercato del vino USA: dimensione e quote di mercato per singolo stato

2 commenti

Fonte: OEMV su dati Vinitrac e Impact Databank
Qualche giorno fa abbiamo analizzato le quote di mercato del vino italiano in USA in base alle fasce di prezzo. Oggi guardiamo alla geografia degli USA per capire un po’ quanto vino italiano si beve e dove (tutti i dati sono basati sui volumi). Quali sono le principali conclusioni? (1) in proporzione, il vino importato in USA si beve soprattutto sulla costa est e nel centro del paese; (2) le posizioni forti del vino italiano sono in 2-3 stati, ovvero New Jersey, New York e Michigan; (3) quando si incrociano i dati sulle importazioni con quelle sulle quote di mercato, i grandi mercati del vino italiano in USA sono senza dubbio New York, California e New Jersey; (4) in linea generale, gli americani che bevono vino in modo frequente, scelgono il vino italiano nel 10% dei casi (il 36% del vino importato moltiplicato per il 27% di penetrazione delle importazioni nel mercato); (5) l’Italia e’ il numero 1 tra i prodotti importati in tutti i maggiori stati salvo che nel Maryland, dove e’ sopravanzata dal vino australiano.




Continua a leggere »

Mercato del vino in Inghilterra – andamento ad agosto 2010

nessun commento


Fonte: the wine and spirits trade association

Cominciamo oggi a tracciare un po’ meglio i consumi di vino in UK, dato che la suddetta associazione si premura di raccogliere i dati della dogana inglese e li mette a disposizione del pubblico. I numeri che guardiamo oggi partono dal 2006 e arrivano fino (all’anno mobile terminante) ad agosto 2010. Si tratta di numeri che fanno riferimento unicamente ai volumi (ettolitri/1000), ma danno una buona idea di cosa stia succedendo sul mercato, e cioe’ quanto segue: (1) Il mercato ha preso a scendere ben prima che in altri posti e oggi resta un bel 10-11% sotto il picco del 2006; (2) Il segmento degli spumanti e’ piccolo ma in crescita molto forte. Ha gia’ recuperato quasi tutto il terreno perso (-6% dal picco), mentre per i vini con oltre 15% di alcol (una piccola nicchia) il calo continua; (3) il segmento dei vini fermi sta ora viaggiando al ritmo del +2%, dopo 3 anni consecutivi in negativo, il che significa che la “forma” del recupero e’ poco piu’ che a “L”, quindi con tempi molto lunghi.



Continua a leggere »

Paesi BRIC e il vino: Hong Kong – panoramica e tendenze

nessun commento


Chiudiamo la rassegna dei paesi BRIC con il non-BRIC, cioe’ Hong Kong. Come mai lo hanno incluso nello studio IWSR? Perche’ e’ una porta per entrare in Cina e perche’ il consumo di vino a Hong Kong e’ in forte crescita, sia passata che futura. Diciamo pure che con il +10% annuo atteso di qui al 2015 e con la penetrazione del vino in crescita dal 3% del 1995 al 13% del 2009, questo e’ il piu’ interessante dei mercati emergenti del vino. Posto piccolo, consumo di livello molto elevato, possibilita’ di importare vino che poi viene spedito in Cina. Proprio cosi’: se a Hong Kong si fermano 2.8 milioni di casse di vino, altre 4.5 milioni (principalmente di vino rosso) viaggiano verso la grande nazione orientale. E noi italiani? Beh, praticamente non ci siamo: nei vini spumanti veniamo dopo i francesi, gli australiani, gli americani e gli spagnoli. Ma questo non sarebbe nemmeno un problema, dato che proprio il mercato degli spumanti e’ piccolo e atteso avere una crescita asfittica. Invece siamo colpevolmente fuori dal mercato del vino fermo, che quello invece sale del 10% annuo e sara’ di 4.4 milioni di casse nel 2005: oltre a tutti quelli che abbiamo detto prima siamo anche preceduti dai cileni.



Continua a leggere »