le opinioni del vino


Aiutiamo il progetto universitario di Federica, Roberta e Alice partecipando a questo sondaggio!

1 commento

Pubblico volentieri questo invito a partecipare a un breve sondaggio sul tema delle visite alle cantine. Federica, Roberta e Alice stanno lavorando a un progetto del quale sarebbe anche poi interessante condividere le loro considerazioni. Avendo frequentato qualche cantina all’estero mi sono fatto un’idea che noi italiani tanta strada da fare in tema di ricettivita’ delle cantine e, perche’ no, sfruttamento di questo potenziale canale di vendita e di promozione. Vi lascio alla breve presentazione del progetto e, spero, alla compilazione del sondaggio!

Buongiorno,

stiamo svolgendo un’indagine per un progetto universitario di marketing che riguarda il vino e le visite alle cantine. Per poter portare a termine la nostra indagine avremmo bisogno di dati, commenti e pareri . Ti chiediamo perciò di dedicare solo pochi minuti alla compilazione del nostro questionario online. Non preoccuparti, non chiediamo dati personali e sarà completamente anonimo. Basta fare un click su questo link: https://goo.gl/forms/96EpK6oYiWYdqQYJ2

Abbiamo bisogno di un numero più alto possibile di questionari compilati: se vuoi, inoltra questo messaggio ad amici e parenti che pensi potrebbero esserci d’aiuto. Più risposte avremo, meglio riusciremo a portare a termine il progetto.

Grazie per la vostraa disponibilità e collaborazione

Federica, Roberta, Alice

L’ira delle uve – il commento del Financial Times su TWE/KKR

nessun commento

fonte: Lex Column del FT

Vi propongo oggi un interessante commento pubblicato sulla mitica pagina di commento del Financial Times, la “Lex column”, che tratta il tentativo di acquisizione di TWE da parte di un fondo di private equity (KKR). Il settore ha visto recentemente alcune operazioni da parte dei grandi players, di dimensioni limitate, ma che lasciano intendere un ritorno di interesse sul vino. Le recenti vicissitudini di alcuni prodotti nei mercati asiatici (leggi Cognac in Cina) stanno forse convincendo alcuni grandi players che il vino forse cresce un po’ meno ma garantisce una grande stabilità nei flussi di cassa e nei ritorni. Nel caso specifico di KKR su TWE si tratta di un classico caso di azienda con una gestione un po’ contraddittoria dove il private equity ritiene che ci siano opportunità di acquistare, ristrutturare e ottimizzare il business, magari aggiungerci un po’ di debito per ripagarsi lo sforzo dell’acquisto, e poi, tra qualche anno quando è di nuovo in forma e bella dimagrita (in tutti i sensi) rimetterla sul mercato di borsa. TWE ha naturalmente detto che l’offerta è troppo bassa, e immediatamente le azioni sono salite sopra il livello di AUS4.7 offerto da KKR. Come vi ricorderete TWE è il risultato della separazione di Foster’s che fa birra da TWE, che fa vino, per facilitare le fusioni con altri players. Foster’s è stata acquistata da SAB Miller, guardacaso dopo un’offerta simile, inizialmente rifiutata, a poi accolta in seguito a un rilancio a un prezzo più elevato. Succederà la stessa cosa con TWE. Secondo il FT succederà, e se non sarà KKR sarà qualcun altro! Buona lettura… Continua a leggere »

Una chiacchierata con… Michele Zonin

1 commento

Oggi faccio parlare un protagonista del mondo del vino italiano, Michele Zonin, Vice Presidente di Casa Vinicola Zonin con delega alla supervisione finanziaria e legale, con cui ho avuto i piacere di fare una chiacchierata telefonica qualche giorno fa. Abbiamo recentemente pubblicato l’analisi dei risultati 2011 del gruppo e questa è stata l’occasione giusta per fare il punto della situazione.

Come è strutturata l’azienda…

Casa Vinicola Zonin (Gambellara – Vi) rappresenta una delle più importanti realta’ vinicole private italiane e tra le prime anche in ambito internazionale. E’ l’azienda che distribuisce e commercializza i vini e spumanti a marchio Zonin e delle dieci Tenute di famiglia. Attraverso le 10 tenute viticole (che fanno capo alla nostra famiglia ma non incluse nel bilancio commentato sul blog) distribuite nelle sette regioni a più alta vocazione vinicola, controlliamo l’intera filiera produttiva: dalla selezione del terreno e dei cloni, all’imbottigliamento nella zona di origine. La superficie vitata supera oggi i 1800 ettari di proprietà: siamo, per estensione, la prima azienda privata in Italia. Oggi le varie tenute sono diventate delle aziende di riferimento nei rispettivi territori, e ci aspettiamo ancora molto nei prossimi anni, soprattutto dal canale Ho.Re.Ca.

Continua a leggere »

Le aspettative 2013 e le esigenze finanziarie delle aziende vinicole – fonte Osservatorio Banca MPS

nessun commento

Il Monte dei Paschi di Siena conduce ogni anno una indagine sui propri clienti relativamente alle prospettive per il nuovo anno e i mercati con le maggiori prospettive di sviluppo (trovate qui tutti i documenti). Essendo poi una banca, chiede anche ai clienti a chi e per quale motivo hanno bisogno di denaro. Oggi vi pubblico qualche tabella con i principali risultati dei questionari, oltre 100, che sono stati restituiti. L’osservatorio è senz’altro un punto di vista parziale, ma di certo contiene delle verità e qualche sorpresa. Resta la fiducia nei mercati esteri, anche se le punte di crescita viste nel 2012 non saranno facilmente ripetibili. Reta la fiducia in alcuni mercati come la Cina e la Germania, che invece a parere di chi scrive hanno nel breve termine un potenziale ben minore che quello del recente passato. Sembra, a vedere i dati sulle esigenze finanziarie delle aziende, che ci sia più bisogno di soldi, ma non per investire o per ristrutturare quanto per finanziare la liquidità aziendale. Infine, a quanto pare la propensione dei viticoltori di mettere mezzi propri nelle aziende sembra meno prioritaria di quanto lo sia andare a cercare i soldi fuori dalle aziende… ma vediamo insieme i numeri pubblicati lo scorso novembre.

 

Continua a leggere »

Vinum nostrum. Di Angelo Gaja

3 commenti

C’è penuria di vino nelle cantine italiane dopo anni di bassa produzione d’uva a causa del ripetersi di condizioni climatiche sfavorevoli, per eccesso di calore e di siccità nei mesi estivi.

COSA POTREBBE ACCADERE NEL 2013 PER IL VINO ITALIANO?

Che a giugno non ci sia più vino, che le cantine che vendono a meno di due euro al litro (soglia di prezzo che vale per più dell’ottanta per cento del vino italiano) non ne abbiano più da offrire. Un contributo in tal senso lo daranno anche gli imbottigliatori previdenti che ne avranno fatto scorta per non rimanere a secco nei mesi successivi. Tutto ciò avverrà all’insegna del “mai successo prima”.  Sarà panico per i prezzi delle uve della vendemmia 2013 che si temeranno in forte rialzo.

Che a qualcuno venga la curiosità di confrontare le denunce di produzione delle uve e del vino della vendemmia 2012 di produttori singoli ed associati ed evidenzi come, sotto lo stesso cielo, per identiche aree geografiche, ci sia chi abbia denunciato cali di produzione anche del trenta per cento e chi cali eguali a zero.

Che nel 2013 l’Italia perda il primato in milioni di ettolitri esportati, a causa della Spagna. Ancora all’insegna del “mai successo prima”. Non mancherà chi, dalla mera analisi dei numeri, addebiterà al mondo del vino italiano perdite di produttività e di competitività, ignorando che il vino sia un prodotto naturale ed il cielo sia il tetto del vigneto. Se a causa del clima si produce meno uva resta poi impossibile vendere più vino.

Che le cantine sociali italiane (controllano oltre il cinquanta per cento della produzione nazionale d’uva) ed associazioni di riferimento ammorbidiscano il loro rifiuto alla liberalizzazione degli impianti voluta da Bruxelles e si giunga a definire una strategia comune volta ad introdurre dal 2015 un sistema misto: di mantenimento dei diritti di reimpianto per le DOC e DOCG e di liberalizzazione per IGT e vini da tavola.

Che dalla primaverile lettura dei bilanci delle cantine italiane di grande dimensione emerga come il giro d’affari relativo al 2012 sia stato spesso penalizzato dal calo del fatturato sul mercato italiano e sia stato invece salvifico il recupero realizzato grazie al fatturato conseguito sui mercati esteri. Di qui un maggiore impulso ad investire su quei mercati, sacrificando anche parte delle risorse che si pensava di destinare alla promozione sul mercato domestico. Tempi grami per le pubblicazioni del vino che in Italia, come altrove, vivono di pubblicità, così come per gli oltre duecento premi giornalistici istituiti da cantine ed enti di promozione, un fenomeno tipico di casa nostra sconosciuto all’estero, che diventeranno avari di riconoscimenti ai giornalisti italiani e più generosi nei confronti di quelli dei paesi esteri. Una spinta a rincorrere l’estero l’hanno fornita anche i contributi concessi da Bruxelles per finanziare progetti di promozione del vino sui mercati extra-europei. Il campanilismo italiano ne ha tratto nuova linfa, si consolida il desiderio nei produttori piccoli e grandi, in gruppo o per proprio conto, di andare in ordine sparso a conquistare l’Asia. E intanto si impara ad esplorare il mondo che verrà.

Angelo Gaja
gennaio 2013