Italia


La superficie vitata europea suddivisa per vitigno – dati EU 2009-10

nessun commento
vitigni europa 2010 0

 

Una delle curiosità che ho sempre avuto era quella di sapere gli ettari vitati in Europa dei principali vitigni. L’Unione Europea ha reso nota una tabella, relativa al 2009/10 con una suddivisione della base ampelografica europea per vitigno. La pubblico oggi, con un po’ di rielaborazioni per mettere insieme vitigni uguali con nomi diversi. Restano diversi dubbi sulla completezza dei dati, che andrebbero oltretutto valutati alla luce delle recenti azioni per ridurre la dimensione della base vitata. Gli stessi numeri dell’Italia lasciano fuori dai 652mila ettari circa 98mila ettari che sono censiti come “altri”. Fatta questa premessa è interessante notare come i due principali vitigni in Europa siano spagnoli e non internazionali e che gli unici vitigni che secondo l’unione europea sono “multinazionali” sono quelli francesi, mentre praticamente nessun vitigno italiano salvo il Trebbiano è adottato al di fuori dei nostri confini. Guardiamo qualche numero in dettaglio.

Continua a leggere »

Vendite al dettaglio di vino in Italia – aggiornamento 2012

nessun commento
vendite dettaglio 12 0

Fonte: ISMEA su dati Symphony-IRI

L’andamento delle vendite al dettaglio del 2012 in Italia si potrebbe riassumere con due frasi: aumento dei prezzi e meno vini spumanti (soprattutto Champagne e metodo classico). Di queste due tendenze, la prima la conoscevamo e poche cose sono cambiate nell’ultimo trimestre, mentre la seconda era soltanto un’avvisaglia che invece è diventata chiara ora che i dati sono stati resi pubblici.  Gli spumanti hanno perso il 2.4% in valore nelle vendite al dettaglio nella GDO nel 2012, contro un incremento riportato per il vini e spumanti dell’1.3%. Qui si potrebbero aprire innumerevoli dibattiti, compreso quello relativo allo spostamento di alcune fette di mercato dall’ingrosso al dettaglio. Restiamo sui dati e andiamo a vedere in dettaglio che cosa è successo nell’anno e nell’ultimo trimestre.

Continua a leggere »

Cantina di Castelnuovo del Garda – risultati 2011/12

nessun commento

castelnuovo 2012 1

La Cantina di Castelnuovo del Garda (CCG da ora in avanti) è riuscita a crescere in fatturato anche nel 2012, nonostante un sostanziale calo della produzione, che si è peraltro concentrata nel segmento dei vini di qualità. Da notare, le vendite in Italia non sono andate così male come per altri operatori del settore, mentre hanno sofferto le vendite nell’unione europea per via delle minori spedizioni di vino sfuso (compensate da quelle nel resto del mondo). L’aumento delle quotazioni dei vini si è riflettuto in un incremento della remunerazione delle uve apportate dai soci, che però sono state in volume molto inferiori a quelle dello scorso anno. La stessa cosa succederà nel 2013, dato che i conferimenti sono stati soltanto il 2% superiori a quelli del 2011. Dopo la fine dell’esercizio la cooperativa ha aperto un nuovo punto vendita a Verona, che si aggiunge a quello aziendale. Andiamo nel dettaglio dei risultati. Continua a leggere »

Esportazioni di vino italiano – aggiornamento ottobre 2012

1 commento
export ottobre 2012 3

 

Incominciamo la settimana con qualche buona notizia dalle esportazioni, che in Ottobre non hanno ancora mostrato segni di rallentamento. Qualche preoccupazione c’è, nel senso che i dati generali di Novembre di Istat cominciano a essere influenzati dal rallentamento della Germania. Come voi sapete benissimo il mercato tedesco è critico per il vino italiano. Vedremo tra un mese. Per ora possiamo dire che Ottobre, un mese stagionalmente molto robusto, è stato eccellente, con un incremento del 14% a valore e volumi molto elevati, quasi stabili rispetto allo scorso anno. Fattori trainanti: gli USA/Regno Unito, i vini spumanti e sfusi. Aree di preoccupazione: BRICs, cioè essenzialmente Russia e Cina (e in minor misura Brasile), dove non si cresce più.

Continua a leggere »

Costi e margini del settore vinicolo – aggiornamento primi 9 mesi 2012

nessun commento

Fonte: ISMEA

Il terzo trimestre è normalmente quello del “cambio campagna” per i vini, come ISMEA sottolinea nel suo commento. Si apre la nuova stagione e quindi la lettura dei dati diventa forse più interessante. Ancora più interessante è che i dati ci introducono a un possibile cambio di tendenza. Il principale commento di questo post degli ultimi trimestri è stato incentrato sull’incremento dei costi delle materie prime e sulla impossibilità per i trasformatori di trasferirlo interamente nei prezzi di vendita, soprattutto nel mercato italiano. Questo trimestre è il primo dove la situazione “non si deteriora più” in termini sequenziali, pur restando pesante se confrontata con l’anno precedente. Forse anche per questo motivo, e qui mi riferisco al primo grafico, l’indicatore di di fiducia nel settore ha segnato un valore positivo per la prima volta da diversi trimestri a questa parte, passando da un indice di -6 a un indice di +11. Entriamo nei dati.

Continua a leggere »