Italia


Indebitamento delle aziende vinicole italiane – aggiornamento 2008

6 commenti


debito aziende italiane vino 2008 1

L’indebitamento finanziario delle principali aziende vinicole e’ continuato a crescere nel 2008. Il totale delle prime aziende italiane e’ salito da 962 milioni a 1069 milioni di euro. Se mettiamo questo numero contro il fatturato cumulato*, che invece e’ calato, possiamo facilmente intravedere un forte deterioramento dei rapporto: il debito e’ salito dal 44% al 50% del fatturato, il massimo da quando guardiamo a queste statistiche. In realta’, pero’, quando si guarda alla solidita’ patrimoniale il quadro non e’ cambiato. Come mai? Semplicemente perche’ molte di queste aziende hanno approfittato dell’opportunita’ di rivalutare gli attivi per ottenere degli sgravi fiscali nel futuro. Quindi, il rapporto debito/patrimonio e’ rimasto 1:1 come e’ stato per tutti gli anni in cui abbiamo guardato a questa statistica. Chi sono le aziende piu’ virtuose e meno virtuose? Beh, se guardiamo al rapporto tra debito e utili generati il deterioramento maggiore e’ quello del GIV, di Ruffino e di CAVIT. Invece, ci sono alcune aziende per cui il debito era a livello preoccupante come Gancia, Giordano e Zonin che hanno sensibilmente migliorato.
* usiamo il fatturato e non il MOL perche’ le cooperative non hanno risultati economici cumulabili con quelle della altre aziende.


debito aziende italiane vino 2008 2tab
Continua a leggere »

Esportazioni di vino italiano – aggiornamento agosto 2009

4 commenti


export vino italia agosto 2009 1

Agosto e’ insieme a gennaio il mese meno significativo per il commercio estero di vino. Certo e’ che i dati di Agosto 2009 restano bruttini e certamente peggiori di quanto si era visto nei 2-3 mesi precedenti. Non dobbiamo essere sorpresi: il mercato del vino italiano sta ritornando piu’ difficile con la svalutazione del dollaro americano e della sterlina inglese. Non dobbiamo nemmeno essere delusi, nel senso che i nostri cugini francesi stanno andando peggio di noi. Resta chiaro che il -9% delle esportazioni di agosto (EUR201m contro EUR220m dello scorso anno) non e’ un buon numero, soprattutto perche’ all’interno di questo numero si cela un -6% dei vini imbottigliati, che avevano registrato un +3% e un +5% in giugno e luglio. Per le altre due categorie invece non ci sono significativi cambi di direzione: il vino sfuso scende del 12% e gli spumanti del 26%, entrambi con un calo molto simile a quello dei due mesi precedenti. I volumi invece continuano ad andare bene: abbiamo esportato quasi 1.3m/hl, cioe’ il 9% in piu’ dello scorso anno.


export vino italia agosto 2009 2
Continua a leggere »

Vendite di vino al dettaglio in Italia – dati a Settembre 2009

nessun commento


mercato vino italia 2009 q3 1

Fonte: ISMEA
ISMEA ha pubblicato il documento sulla congiuntura relativo al terzo trimestre, cui dedichiamo questo post relativo alle vendite di vino al dettaglio e il prossimo, relativo agli indicatori del settore vino. Il mercato del vino (inteso come vendite al dettaglio realizzate in Italia) e’ secondo ISMEA in forte rallentamento rispetto ai dati del primo semestre. Un rallentamento che si concretizza in un calo molto pesante dei prezzi (e diremmo noi, del mix di vendite), piuttosto che in un calo dei volumi (che anzi sono visti sempre negativi ma in leggero miglioramento rispetto ai 6 mesi). La fotografia ci consente quindi di entrare nelle categorie con piu’ precisione: (1) va male il prezzo mix di tutte le categorie; (2) peggiora in modo molto evidente il mercato dei vini DOC/DOCG che fino a giugno sembrava tenere meglio dei vini da tavola; (3) una nota fuori dal coro, i vini spumanti sono visti da ISMEA a un +4% rispetto ai 9 mesi del 2008 (in cui pero’ segnavano un altrettanto stupefacente -12%). ISMEA pero’ non si ferma ai dati dei 9 mesi, ma pubblica una stima per il mercato 2009: calo previsto 8.5%, in leggero peggioramento rispetto al 7.4% registrato nei primi 9 mesi, con tutte le categorie in peggioramento salvo gli spumanti, che sono visti accelerare dal +4% al +6%. Speriamo che abbiano ragione, almeno per questi ultimi.


mercato vino italia 2009 q3 2
Continua a leggere »

Produzione di vino in Italia nel 2009 – prima stima ISTAT

1 commento


ISTAT PROD VINO ITALIA 2009 STIMA NOV 1

ISTAT ha partorito la prima stima sulla produzione di vino in Italia per il 2009 a 46.8m/hl che non si discosta molto dalle stime precedenti fatte Assoenologi (46.3m/hl, vedi nostro post di fine agosto) da ISMEA/UIV (46.5m/hl, che invece non abbiamo commentato). Mantengo la promessa: prossimo appuntamento con i dati il piu’ finali possibili verso marzo aprile del prossimo anno. Ma quali sono le differenze rispetto alle stime iniziali? Diciamo che la vendemmia al Nord non e’ cosi’ positiva come si immaginava inizialmente, mentre al Sud ISTAT prevede un incremento del 4-5% rispetto alle prime stime di un calo del 3-4%.
Nota a margine: i dati del Trentino soffrono della mancanza di Bolzano e quelli del Friuli di Gorizia (quelli della Sicilia sono orfani di Siracusa, anche se poco rilevante).


ISTAT PROD VINO ITALIA 2009 STIMA NOV 2
Continua a leggere »

Antinori – risultati e analisi di bilancio 2008

nessun commento


antinori bilancio 2008 1

Antinori ci ha appena inviato il bilancio 2008, che mette in luce un leggero calo delle vendite e dei margini conseguenza delle difficili condizioni di mercato, soprattutto nella seconda parte dell’anno. Un punto va sottolineato al di la’ della bonta’ o meno dei numeri: Antinori, che si e’ caratterizzato per una propensione ad investire superiore a tutti gli altri big del vino italiano, non ha cambiato politica nel 2008, quando ha messo sul campo EUR37m di investimenti, cioe’ il 27% del fatturato. E’ un livello molto elevato, ma che Antinori si puo’ permettere di investire data l’entita’ dei suoi margini (comunque sopra il 35% a livello di MOL) e grazie a qualche piccola dismissione di attivita’ che ha fruttato circa EUR11m di introiti: Antinori ha venduto l’8% di Argentiera (dal 50% al 42%, ed e’ stata deconsolidata dal bilancio) e la sua controllata rumena ha venduto il 9% delle due cantine che possedeva al 60%. La struttura finanziaria resta molto solida anche se il ritorno sul capitale sta scendendo causa minori utili investimenti e incremento del magazzino. E bisogna immaginare che il 2009 possa essere un anno difficile, anche a causa della perdita dell’accordo di distribuzione di Krug.


antinori bilancio 2008 tab
Continua a leggere »