Il Corriere Vinicolo


Approfondimento sul mercato inglese del vino – PDF dal Corriere Vinicolo

nessun commento

Il Corriere Vinicolo pubblicato in occasione del Vinitaly e’ ricchissimo e include diversi approfondimenti.
Quello che vi propongo oggi e’ un’analisi approfondita del mercato inglese del vino, disponibile integralmente e con un complemento di Carlo Flamini sui dati 2010 di importazione di vino. Come mai e’ tanto interessante? Gli inglesi bevono abbastanza, hanno la mente aperta a ogni prodotto, non hanno (per ora) un prodotto locale competitivo. Tutti ingredienti che funzionano bene con il prodotto italiano, che pero’ ha da affrontare nuove sfide…

(Erano) i quattro dell’Ave Maria. Pubblicato da “Il Corriere Vinicolo”

nessun commento


Continuiamo a pubblicare gli interventi sul Corriere Vinicolo. Questa volta si parla di esportazioni dei 4 paesi a sud del mondo (a proposito, grazie a Carlo Flamini per i titoli sempre azzeccati e fantasiosi). Nel file PDF allegato trovate una dettagliata analisi dell’andamento 2010 delle esportazioni di Cile, Argentina, Australia e SudAfrica. Se l’Australia continua ad avere problemi (ma ha forse anche trovato qualche via d’uscita…), i Cileni e soprattutto gli Argentini continuano ad andare bene… dati e commenti sono nell’articolo qui allegato.

Link a “Il Corriere Vinicolo”

(Erano) i quattro dell’Ave Maria

Il vino alla prova dei cambi. Pubblicato da "Il Corriere Vinicolo"

nessun commento

Da ormai qualche mese ho cominciato una fruttuosa collaborazione con “Il Corriere Vinicolo”. Il settimanale, recentemente rinnovato e’ oggi disponibile anche online attraverso questo link.

D’accordo con il direttore Carlo Flamini, abbiamo deciso di pubblicare qualche articolo anche sul blog. Da un lato gli argomenti sono direttamente collegati a quello di cui si discute qui, dall’altro un lettore de I numeri del vino e’ anche un naturale lettore de Il Corriere Vinicolo. La contaminazione e’ senz’altro positiva.

Il pezzo pubblicato il 31 gennaio affronta un tema piuttosto scottante e talvolta difficile da inquadrare: quello dei cambi. Negli ultimi anni lo scenario economico mondiale ha subito turbolenze mai viste prima, che si sono ribattute sull’andamento dei tassi di cambio. A loro volta, questi stanno influenzando in modo prorompente i rapporti di scambio tra le diverse economie. Cosi’, il vino cileno non e’ piu’ a buon mercato come era stato per diversi anni, il vino australiano e’ diventato carissimo a causa dell’eccezionale andamento dell’economia locale e, in qualche modo, i prodotti vinicoli del vecchio mondo stanno ottenendo qualche vantaggio sui mercati mondiali grazie alla debolezza dell’euro. Questo e molto altro lo potete leggere nell’articolo, il cui PDF completo e’ qui allegato.

Buona lettura.

Link a “Il Corriere Vinicolo”
Link all’articolo “Il vino alla prova dei cambi”