2018


Esportazioni di vino italiano – aggiornamento settembre 2018

nessun commento

Marzo, maggio e dunque settembre sono i 3 mesi del 2018 in cui le esportazioni di vino non sono cresciute. Eppure le premesse per un buon mese c’erano, visto che anche lo scorso anno questo mese fu poco propizio. Invece, i nostri vini fermi in bottiglia hanno continuato a traccheggiare (-3.6%) nel mese, mentre i vini spumanti sono cresciuti “solo” del 5%, a fronte di un Prosecco sempre in grande spolvero ma anche di una continua debolezza dei nostri altri spumanti DOP (escluso Asti). Ma di questo parleremo tra un paio di giorni. I prossimi 3 mesi sono tutt’altro che facili, come mostra anche il grafico con le variazioni percentuali dell’export a valore: ottobre 2017 +8.4%, novembre 2017 +7.4%, solo Dicembre +1.4% sarebbe facile ma conta poco in valore assoluto. Vedremo che cosa succede, ma bisogna necessariamente mettersi in testa che la crescita del nostro export di vino non può più fare riferimento a un unico prodotto (Prosecco). I primi segnali li stiamo vedendo: quest’anno probabilmente la crescita comincerà per 3 (%) e non per 4 (%). Passiamo ai numeri.

  • Intanto partiamo con i numeri: con i 506 milioni di settembre, le esportazioni toccano quota 4.4 miliardi nei 9 mesi e 6.15 miliardi in ragione d’anno. La crescita scende al 3.7% sui 9 mesi ma resta al 4.3% se consideriamo gli ultimi 12 mesi, che però incamerano il forte contributo dell’ultimo trimestre 2017.
  • I volumi sono in calo dell’11% anche a settembre, quindi sui 9 mesi siamo a 14.3 milioni di ettolitri, mentre sui 12 mesi ultimi ormai abbiamo toccato quota 20.0 milioni di ettolitri e presumibilmente scendiamo sotto questa soglia di qui a fine anno.
  • Tra i principali mercati spicca la debolezza in settembre del mercato americano, +0.8%, e del mercato svizzero, -4%. Sono questi i due principali motori di crescita tra i 5 grandi mercati per i nostro vino. Paradossalmente settembre è un mese “al contrario”, visto che le esportazioni nel Regno Unito sono cresciute dell’8% mentre si potrebbe immaginare il contrario. Gli altri grandi mercati che hanno portato al dato negativo sono certamente la Svezia, il Giappone e la Danimarca (negli ultimi due l’export cala anche sui 9 mesi).
  • A proposito, la Cina. Le esportazioni di vino in bottiglia sono cresciute del 5% a settembre e sono a +6% sui 9 mesi dell’anno. Il quarto trimestre del 2017 fu un boom. Vedremo cosa succede!
  • Che sia un mese strano lo si nota anche indagando come mai gli USA sono stati deboli: colpa degli spumanti, calati del 12% all’interno di un trend che metterebbe a quel numero un segno più invece che un segno meno. In tutti i casi gli spumanti sono rimasti positivi per circa il 5%, grazie alla crescita vicina al 10% del Prosecco, mentre gli spumanti DOP continuano a mostrare debolezza. Ma di questo parleremo dopodomani.
  • Vi lascio alle tabelle.
Se siete arrivati fin qui… …ho un piccolo favore da chiedervi. Sempre più persone leggono “I Numeri del Vino”, che pubblica da oltre dieci anni tre analisi ogni settimana sul mondo del vino senza limitazioni o abbonamenti. La pubblicità e le sponsorizzazioni servono per aiutare una missione laica in Perù. Per fare in modo che questo lavoro continui e resti integralmente accessibile, ti chiedo un piccolo aiuto, semplicemente prestando da dovuta attenzione con una visita alle inserzioni e alle sponsorizzazioni presenti nella testata e nella sezione laterale del blog. Grazie. Marco

Argentina – produzione di vino 2018

nessun commento



 

Come per il Cile, anche in Argentina la vendemmia 2018 ha segnato un ritorno a livelli produttivi del passato: i 14.5 milioni di ettolitri prodotti sono circa il 7% sopra la media storica decennale e salgono del 23% rispetto al passato. Lo stesso, anzi forse ancora di più accade per i mosti, che si riportano sui livelli di 5 anni fa. Lo sforzo di specializzazione degli argentini continua imperterrito: abbiamo analizzato nel post le tendenze degli ultimi anni e la produzione di Malbec e Torrontes è ulteriormente cresciuta, passando dal 17% del 2011 al 23% della produzione totale nel 2018, percentuale questa che include anche i vitigni (principalmente rosati) destinati ai mosti. Il tutto a discapito dei vitigni internazionali, ma anche della nostra Bonarda, che comunque resta la seconda produzione più importante nel paese. Passiamo a commentare brevemente i dati.

Continua a leggere »

Cile – produzione di vino 2018

nessun commento



 

La produzione di vino cileno riprende quota nel 2018 dopo due anni decisamente sotto tono. I dati del ministero dell’agricoltura indicano una produzione di vino prossima a 13 milioni di ettolitri, cioè il massimo storico raggiunto dal paese sudamericano, con una quota sempre molto importante di vini di qualità. Un aspetto interessante e differente da quello che succede negli altri paesi è la crescente diversificazione dei vitigni e lo spostamento dai rossi ai bianchi. Fino al 2014 Cabernet Sauvignon tra i rossi e Sauvignon Blanc tra i bianchi cresciuti fino a raggiungere il 50% della produzione totale, mentre da quell’anno la tendenza si è invertita e nel 2018 i due rappresentavano soltanto il 43%, soprattutto per la riduzione del peso del Cabernet Sauvignon. A guadagnare terreno, oltre allo Chardonnay, non sono però i vitigni internazionali classici quanto alcuni meno ovvii come il Pais Mission e il Pedro Jimenez. Vedremo se nascera qualcosa di interessante nei prossimi anni. Per ora concentriamoci sui dati 2018.

Continua a leggere »

Delegat Group – risultati 2018

nessun commento



 

Investimenti e crescita sono continuati anche nel 2018 per Delegat’s anche supportati dalla debolezza del dollaro neozelandese. Cambio o non cambio, però i numeri sono buoni, con vendite che crescono dell’8% e utili a +15%, nonostante l’anno non sia andato esattamente come previsto, con una crescita dei volumi del 3% contro il 5% atteso. Le azioni sono cresciute del 30% circa nel corso dell’anno (20% annuo per 5% anni!) e la capitalizzazione di mercato è oggi di 1 miliardo di dollari neozelandesi, per un valore di impresa di 1.2 miliardi. Se confrontati con i dati a giugno 2018 stiamo parlando di un rapporto sull’EBITDA di 14 volte, dell’EBIT di 17 volte e  un prezzo utili di oltre 20 volte. Sono multipli da aziende “di crescita”, e nel vino non ce ne sono tante visti i tempi lunghi richiesti per lo sviluppo e il forte impiego di capitale. Capitale che continuerà a crescere anche nel 2019, dato che l’azienda ha pianificato oltre 30 milioni di dollari di investimenti dopo i 46 del 2018, con un’incidenza sul fatturato superiore al 15%. Passiamo ai dati del 2018.

Continua a leggere »

Cavit – risultati 2017/18

nessun commento



 

I dati di maggio 2018 di Cavit mostrano una ulteriore crescita del fatturato del 4% circa a 190 milioni, determinata soprattutto dall’ottimo andamento della divisione italiana (+14%), mentre le vendite all’estero crescono di un magro 2%, ma non si capisce dove dato che in tutti i mercati citati le vendite crescono tra il 6% e il 20%… I commenti degli amministratori sono improntati all’ottimismo sia sul fronte domestico (e ne hanno i riscontri), sia su quello internazionale, dove Cavit è anche impegnata a gestire l’azienda tedesca Kessler Sekt i cui risultati stanno gradualmente migliorando con una crescita delle vendite del 7% e un margine operativo lordo superiore al 10%. La struttura finanziaria è quasi una fotocopia dello scorso anno: 54 milioni di debiti verso i soci per le merci acquistate, cui fanno da contraltare 27 milioni di euro di cassa netta. Per quanto riguarda il 2018-19 non sono previsti particolari scossoni: secondo gli amministratori la crescita delle vendite è continuata, nonostante alcuni segnali di incertezza, questa volta non solo provenienti dall’estero (frase di “rito” che si trova in numerosi commenti), ma anche dalla situazione politica ed economica italiana. Passiamo ai dati.

Continua a leggere »