2017


Esportazioni di spumante Italia – aggiornamento 2017

nessun commento

 

804 milioni e 2.06 milioni di ettolitri di Prosecco. Sono questi i due numeri che aspettavamo e che definiscono il “fenomeno Prosecco” nell’ambito delle esportazioni italiane. Facciamo un semplice ragionamento: nel 2010 anni fa le esportazioni di spumante erano 444 milioni di euro. Di questi, la quota degli spumanti DOP (tutti) era pari a 170 milioni di euro. Se questi 170 milioni fossero divisi come i dati del 2017, 80/20 per sempllicità, avremmo 133 milioni di export di Prosecco. Quindi: sestplicato (6x) in 7 anni, e la matematica dice +30% annuo composto. Giriamo la frittata: senza Prosecco i 1359 milioni di euro esportati nel 2017 sarebbero stati 555 milioni. Nel 2010 si potrebbe stimare circa 310 milioni. Sempre +10% annuo ma tutta un’altra storia.

Il 2017 è stato dunque un altro ottimo anno per gli spumanti italiani. Oltre al Prosecco, l’Asti ha ripreso a crescere verso metà anno e ha chiuso a +6% (spinto da Russia, Lettonia e Regno Unito), ma anche gli “altri spumanti” sono cresciuti del 10%. I prodotti DOP sono a +16%, ancora non possiamo dire quanto deriva dal Prosecco e quanto dal resto. Se escludiamo la Svizzera, la Germania e il Giappone, gli spumanti italiani crescono a doppia-cifra o giù di lì in tutti i principali mercati. Passiamo ad analizzare i dati. Passiamo ai dati.

Continua a leggere »

Esportazioni di vino italiano – aggiornamento 2017

nessun commento

Le esportazioni di vino chiudono il 2017 a un soffio da 6 miliardi di euro, quindi +6.5% rispetto al 2016, con un volume stimato da ISTAT di 21.6 milioni di ettolitri in crescita del 4%. Dicembre è stato in rallentamento, +1%, a causa di un calo dei volumi del 5%. Nonostante si potesse fare meglio, bisogna sottolineare alcuni aspetti importanti: primo, l’Italia a differenza della Francia e della Spagna è cresciuta negli ultimi 5-6 anni senza sosta. Merito degli spumanti, certo. Ma se allargate lo sguardo, anche se il 2017 è cresciuto meno dei nostri principiali concorrenti, sui 5 anni l’Italia ha una crescita media del 5%, gli altri salvo qualche eccezione non superano il 3% a causa di qualche passo falso. Secondo, l’export italiano è più legato al mondo anglosassone che non quello francese e spagnolo e la svalutazione del dollaro e della sterlina hanno colpito in modo più significativo. Per guardare avanti, il 2018 è probabilmente l’anno della Cina. Nella classifica dei vini imbottigliati oggi è il paese numero 8, in quella globale ancora non compare, sta al numero 11. Ma chiaramente oggi le esportazioni sono intorno a 140 milioni di euro e fare +20% nel 2018 significa cominciare a mettere un bel mattoncino su quello che dovrebbe essere il nostro obiettivo: un altro +5% per stare in media. Speriamo. Per ora concentriamoci sui dati.
Continua a leggere »

Spagna – esportazioni di vino, aggiornamento 2017

nessun commento


Con una crescita dell’8% sull’anno la Spagna accelera il ritmo delle sue esportazioni, raggiungendo quota 2.9 miliardi di euro e confermandosi leader assoluto in termini di volume esportato con 23.7 milioni di ettolitri. Come abbiamo visto per la Francia (+9%) anche la Spagna nel 2017 ha “battuto” l’Italia che salvo colpi di scena dell’ultimo minuto dovrebbe crescere del 7% circa. E’ però importante sottolineare i numeri in prospettiva pluriennale: le esportazioni spagnole dal 2012 a questa parte sono cresciute del 3.3% annuo, mentre per l’Italia il dato è un ben più rotondo e soddisfacente 5% annuo. Tornando ai dati iberici, sono soprattutto i vini sfusi e il recupero dei vini spumanti a spingere i dati del 2017, mentre persiste una forte volatilità nei dati per mercato: nel 2017 gli spagnoli hanno fatto bene in Francia, Cina e Germania e male nel Regno Unito, USA e Svizzera. Ma andiamo a leggere qualche dato insieme.

Continua a leggere »

Norvegia – importazioni di vino 2017

nessun commento


Come già visto nel mercato americano, anche in Norvegia il vino francese riguadagna posizioni (+10%), pur restando leggermente sotto rispetto alle nostre esportazioni (+1%), che pure non sono andate così male. Non è necessario che vi spieghi quanto sia interessante e in salute il mercato norvegese, dove un mix di redditi elevati e cultura “europea” determinano un buon consumo di vino (quasi 850mila ettolitri), soprattutto con un mix particolarmente ricco (oltre 4 euro al litro all’importazione). Il 2017 è stato poi un anno di crescita (4% in euro e 5% in valuta locale), nonostante i volumi importati siano leggermente calati (-3%). Naturalmente, non essendo presente una produzione locale, vino importato = vino consumato, quindi potremmo anche chiamare questo post “consumo apparente di vino in Norvegia”. Ma passiamo ai dati.

Continua a leggere »

Francia – esportazioni di vino, aggiornamento 2017

nessun commento


 

La Francia va un po’ “un anno si e un anno no” con le esportazioni, alternando anni stabili o leggermente calanti ad annate molto buone come è stato il 2017, con un bel +9% a 9 miliardi di euro, tre miliardi davanti all’Italia e 6 miliardi davanti alla Spagna. Non vale la pena richiamare sorpassi sull’Italia e via dicendo. Penso sia più importante considerare che, comunque, negli ultimi 5 anni la Francia è cresciuta mediamente del 3% e l’Italia del 5%. Dunque, resta vero che quest’anno i dati sono positivi, finalmente supportati da tutte e tre le “locomotive” francesi (Champagne, Bordeaux e Borgogna, in ordine di importanza). Forse la seconda cosa più interessante dei dati che presento oggi è la crescita dei volumi da 14.1 a 14.8 milioni di ettolitri, dopo 5 anni consecutivi di cali. Passiamo a guardare i dati insieme.

Continua a leggere »