Il fatturato sale, ma i costi di piu'… – indagine Mediobanca, seconda puntata

nessun commento

Bene, dopo aver schizzato il modello della grande azienda vinicola italiana, vediamo come si sono mossi i numeri negli scorsi anni.

Devo premettere che questi dati non sono lusinghieri. Devo pero’ ipotizzare che le vendemmie 2002 e 2003, che sono state pessime in quantita’ abbiano in qualche modo influenzato questi numeri, e in particolari i risultati finanziari 2003 e 2004. Per cui, spacchero’ il 2000-2002 con il 2000-2004, in modo da cercare di isolare un eventuale influenza delle annate avverse.

After a brief introduction of the structure of the large Italian wine firm, we give a look to the key trends. To start with, it is quite evident that figures are not really good, probably due to the bad vintages of 2002 and 2003. For this reason, data will be read both over the 2000-04 period and just in 2002-04, trying to isolate the adverse data.

  • Il fatturato cresce del 5.7% nel quadriennio e dell’8.4% tra il 2000 e il 2002. In questa crescita, e’ abbastanza sorprendente notare come il fatturato italiano cresce piu’ di quello esterio, +6% rispetto a +5%. In realta’ nel 2000-2002 la situazione era invertita (estero +9%, Italia +8%).
  • I margini sono calati nel 2003 e non si sono ripresi nel 2004. il MOL (cioe’ fatturato dopo tutti i costi salvo gli ammortamenti) e’cresciuto solo del 3% annuo, e il margine e’ sceso da circa il 12-13% al 10.5%-11% degli ultimi due anni. Sara’ interessante osservare se si riprendera’ in virtu’ della ricca vendemmia 2004.
  • sales grew by 5.7% in the 4 years and by 8.4% in 2000-02. In this data I was quite surprised to observe that Italian sales were performing better than foreign ones: +6% vs. +5%. Acutally in 2000-02 the trend was exactly the opposite.
  • Margins went down in 2003 and did not recover in 2004. EBITDA margin was growing only by 3% annually and the margin diluted from 12-13% to 10.5-11% in the last 2 years. It will be interesting to see what trend it showed in 2005 following the rich 2004 vintage.

mediobanca2-1.bmp

Continua a leggere »

Constellation Brands – seconda puntata

nessun commento

Dopo aver esaminato le caratteristiche di questo gruppo, che rappresenta il piu’ grande produttore di vino del mondo e’ ora di guardare i numeri. Stavo guardando la dimensione relativa di Constellation (CB) rispetto a quella del mercato italiano del vino cosi’ come censito da Mediobanca nel suo rapporto. Ebbene, secondo i dati del 2004 (ultimi disponibili per il mercato italiano), Constellation ha fatturato USD4088m, mentre secondo il campione Mediobanca, al cambio medio di quell’anno di 1.25, il mercato italiano ha fatturato USD13300m. Volendo essere proprio del tutto onesti ed escludendo la birra e i superalcolici, CB arriva a USD2851m rappresentando da sola circa il 21% del mercato italiano del vino.

Ma approfondiamo un pochino i risultati di Constellation degli ultimi anni. Beh, CB e’ cresciuta in modo rilevante negli ultimi anni, con un ritmo mediamente del 15% annuo. Il settore vino ha addirittura fatto meglio, anche grazie alle acquisizioni, in particolare quella di Robert Mondavi nel 2004, che ha portato i fatturato totale a +16% circa negli ultimi due anni.

After having pictured out the key features of Constellation Brands, it is curious to compare it with the size of the Italian market: Constellation brand sales of 4.1bn USD in 2004 compare with a value of USD13.3bn of the Italian market. Restricting the comparison to the wine segment, CB is at USD2.9bn, roughly 21% of the entire Italian wine market.
CB grew significantly over the last few years, by an annual 15%. The wine segment was the key growth driver, also thanks to acquisitions.

constellation2-1.bmp

Continua a leggere »

I numeri degli Chateau di Bordeaux – prima puntata

3 commenti

Premessa: una delle grandi curiosità che ho sui numeri del vino è quella di capire quanto sono accessibili i grandi vini. Sfogliando la guida AIS 2000 vini, mi sono accorto che i vini premiati con i 5 grappoli (e mi perdonerete se li confondo con i grandi vini italiani ma un punto fermo lo dobbiamo pur avere) sono per la maggior parte prodotti in volumi piuttosto piccoli. Mi sono quindi smazzato la guida AIS per segnarmi queste bottiglie, oggetto di un post futuro. Dall’altro lato, ho cominciato a guardare fuori dall’Italia e ho cominciato con Bordeaux.

Allora, per prima cosa bisogna dire che gli Chateau di Bordeaux sono "grandi". La dimensione media dei castelli dal premier al troisieme grand cru (33 in tutto) è di 49 ettari. Il piu’ grande tra questi e’ Chateau Lascombes (94 ettari, deuxieme GC), il più piccolo è Chateau Ferriere (5 ettari). Allargando a tutti i 61 Chateaux Classe’ restiamo intorno ai 46 ettari di media. In tutto i 61 castelli arrivano a 2850 ettari, che corrispondono si e no al 2.5% della superficie vitata della regione.

La maggior parte dei dati sono tratti da un libro intitolato "Bordeaux", di David Peppercom. Un’altra porzione proviene da "An encyclopedia of the wines and domaines of France" di Clive Coates.

As a preliminary comment, I have to say that one of the major curiosities that I have on the "numbers of wine" is how accessible are great wines. By reviewing one of the Italian guides of wine, I noticed that the top Italian wines are normally produced in rather small volumes. So I have decided to look for similar figures outside Italy and, well, I started with Bordeaux.
Bordeaux producers are generally “large”. The medium size of the castles from the 1er to the 3eme grand cru (33 ) is of 49 hectares. The largest one is  Chateau Lascombes (94 hectares, 2eme GC), the smallest is Chateau Ferriere (5 hectares). The average for all the 61 Chateaux ranked in 1855 points to 46 hectars, for a total area of 2850 hectars, corresponding to 2.5% of the surface of Bordeaux vineyards.
For the sake of transparency, the greatest part of this data is drawn from “Bordeaux”, a book by David Peppercom. Another (smaller) portion comes from “An encyclopedia of the wines and domaines of France”, written by Clive Coates

bordeaux1-1.bmp

In questa prima puntata vi posto i dati dei premier GC, con quale elaborazione in merito relativamente a dimensioni, produzione e uvaggi dei diversi vini. Dunque, i 5 premier grand cru coprono 348 ha, aggiungendo Yquem (il piu’ grande, 113 ettari vitati), arriviamo a 461 ettari, circa lo 0.4% della superficie vitata di Bordeaux che si attesta intorno ai 113000 ettari. Di qui in avanti parliamo solo dei 5 cru rossi, lasciando Yquem da parte (forse qualche numero in piu’ su questo lo becchiamo, essendo di proprietà di LVMH, società quotata in borsa – quella delle borsette Louis Vuitton se a qualcuno fosse venuto un dubbio).

 I start by posting the data of premier GC: the 5 premier grand cru they cover 348 hectars excluding Yquem (the largest one with 113 hectares). With Yquem, we reach 461 hectares, approximately 0,4% of the area of Bordeaux (113000 hectares).  

 

Continua a leggere »

Tendenze di lungo termine della viticoltura piemontese – dati 1984-2005

nessun commento

Grazie ai dati derivati dal sito statistico della regione piemonte, ho analizzato le tendenze di lungo termine della viticoltura piemontese. Cosa ci indicano questi dati. Per prima cosa evidenziano che la superficie vitata in Piemonte e’ scesa costantemente negli ultimi 20 anni, con una attenuazione della tendenza soltanto negli ultimi 2-3 anni. Ci sono stati due salti rilevanti all’ingiu’ nel 1990-91 e nel 1999-2000. Il trend "secolare mostra un calo del 27% in 21 anni, quindi con un calo "composto" annuo nell’intorno del 1.5%.

Thanks to the data derived from  Piemonte regional site, we analyzed the long term trend of the piemontese wine industry. First of all, data shows that the area devoted to vineyards declined constantly in last the 20 years, with an attenuation of the trend only in last the 2-3 years. We identified two important declines: the first occured in 1990-91, the second in 1999-2000. The long term trend shows a decrease of 27% in 21 years, therefore with annual a decrease of around of 1,5%.

storicopiemonte1.bmp

Continua a leggere »

I dati di Mediobanca sulle principali societa' del settore – aggiornamento 2004 – prima puntata

nessun commento

VIsto che il rapporto Mediobanca ha un pochino ispirato il blog, penso che sia giusto esaminare i numeri che sono stati elaborati. Allora, vediamo cosa fa Mediobanca: pesca 82 societa’ nel settore del vino, cioe’ tutti quelli sopra 40 milioni di fatturato e circa il 70% di quelli che stanno tra 25 e 40 milioni. Poi fa le somme dei bilanci. Ne risultano dei dati anonimi ma estremamente interessanti come punto di riferimento per i ritorni sul capitale, i margini e le tendenze del fatturato, che credo possano essere di una qualche rilevanza per un produttore che voglia confrontare i suoi risultati.

Nella loro premessa indicano che nel 2004, questo campione ha generato 3.3 miliardi di fatturato, cioe’ il 31% del mercato italiano. Le prime 5 societa’ italiane nel 2004 erano: CAVIRO 264 milioni, GIV 258 milioni, CAVIT 161 milioni (nota: 3 cooperative ai primi 3 posti), Antinori 116 milioni, Giordano 115. Avremo tempo e modo per mettere in discussione questa classifica…

Mediobanca data on Italian wine industry – part 1

Since Mediobanca report has been the starting point of this blog, I will devote a couple of posts to show their main findings. Mediobanca selected the largest 82 wine producers in Italy: all the cellars generating over 40m EUR sales, 70% of ones between 25m and 40m revenues. Then, they take their company reports and they sum the key firgures.

In their foreword, they stated that in 2004 this sample generated 3.3bn sales, representing 31% of the Italian market. The first 5 companies were: CAVIRO (264m sales), GIV( (258m), CAVIT (161m), Antinori (116m), Giordano (115m).

mediobanca1.bmp

Continua a leggere »