Regione Marche, superfici e produzione – aggiornamento 2006 – Fonte: ISTAT

nessun commento

Ripartiamo con la review delle regioni con le Marche, sfruttando i nuovi dati ISTAT che riportano le produzioni al 2006 e le superfici al 2005. Le Marche rappresentano circa il 2.4% della produzione nazionale e il 2.7% delle superfici vitate. Diciamo subito che la regione si pone in maniera positiva rispetto al fattore qualita’ sia per quanto riguarda il peso dei vini VQPRD (37% contro il 24% italiano), sia soprattutto, in termini di evoluzione delle rese produttive.

 

 PeriodoMarcheItalia%
Superficie totale200518.960718.8692,6%
Superficie in produzione200518.727683.5072,7%
Variazione superficie annua2000-05-0,2%-0,3% 
Produzione vino (hl/1000)20061.25652.2212,4%
Resa per ettaro (stima)2006100110 
VQPRD/totale produzione200422%24% 

We restart with the regional reviews from Marche region, using the new ISTAT data spanning up to 2006 in terms of production and 2005 in terms of areas. Marche represents 2.4% of Italian production and 2.7% of total areas. Going straight to the conclusions, it is a region where quality production is high (37% of VQPRD wines vs. 24% average in Italy), but most of all, where quality is gradually improving with lower yields.

La viticoltura e’ concentrata soprattutto nelle province di Ascoli e Ancona, che rappresentano insieme i tre quarti dei 19000 ettari vitati. The areas are mainly concentrated in Ascoli and Ancona provinces, as they represent roughly three quarters of the 19000 hectars.

marche1.bmp

 

Continua a leggere »

Esportazioni di spumante – aggiornamento Ottobre 2006 – Fonte: Istat

nessun commento

Riprendiamo il discorso delle esportazioni con i dati ISTAT relativi agli spumanti. Anche in questo caso la fonte e’ Coeweb di ISTAT. Anche in questo caso, mirerei a un aggiornamento mensile. Intanto vediamo come si e’ evoluto il 2006.

Le esportazioni di spumante (che non sono cumulate a quelle degli altri vini) sono state a ottobre 2006 (cumulato) di circa 228m di euro (contro 2362m degli altri vini). Volendo cumulare le due categorie, potremmo dire che rappresentano il 9% del totale. In termini di volumi, abbiamo esportato 138mila hl. Le variazioni percentuali sono molto positive, +13.3% per il totale, +18.9% per i volumi. Cosi’ come abbiamo visto per il resto dei vini, prezzo-mix negativo per 5.6%.

We introduce a new category of posts, regarding ISTAT data about sparkling wines exports. The source is still Coeweb. Cumulated figures to October 2006 show 228m euro of exports and 138k hl. Sparkling wines are therefore 9% of total Italian wine exports. The comparison vs. 2005 is quite positive: +13.3% in value, +18.9% in volumes. Again, as we found for other wines, the price-mix component was negative by 5.6%.

 

PaeseGen-Ott 04Gen-Ott 05Gen-Ott 062006 vs. 042006 vs. 2005
[Mondo]18420122824%13%
Stati Uniti 4039438%11%
Germania 3840404%-2%
Regno Unito 16142131%47%
Giappone 1413155%19%
Svizzera 1414141%2%
Spagna 4612185%91%
Paesi Bassi 6101086%-1%
Francia 11139-13%-29%
Altri41516353%24%

Continua a leggere »

I dati sulla distillazione di crisi 2004-2005

1 commento

La distillazione di crisi e’ una delle misure (insieme agli incentivi per l’espianto delle vigne) per ribilanciare il mercato del vino in Europa. Sono disponibili presso il sito della EU i  dati definitivi relativi alla campagna 2004-05. I dati sono difficili da leggere e non del tutto coerenti con i dati sulla distillazione totale prevista dai regolamenti UE: mentre da una parte si parla di 15.4m di hl in distillazione di crisi "richiesta" e 7.5m di hl effettivamente distillato, dall’altra parte nei dati definitivi del bilancio EU si parla di 19m di hl. Questo dovrebbe significare che la UE, accanto a una distillazione ormai considerata "normale" aggiunge quella di crisi.

We post the date of crisis distillation for the 2004-05 campaign as given by the EU directorate; this is one of the two measures to rebalance the European wine industry together with the incentives to dismiss vineyards. The data is not easily readable: according to the EU, 19m hl of wine were distilled on the back of the regulation; of this 19m, 7.5m hl is the socalled crisis distillation (out of 15m hl of requested crisis distillation.

distill1-1.bmp

Continua a leggere »

Dati regionali produzion DOC- fonte: Federdoc, 2004

3 commenti

Fonte: Federdoc, aggiornamento 2004 sito:www.federdoc.it

Vi posto i primi risultati di un lavoro piuttosto pesante di riorganizzazione dei numeri di Federdoc sulle produzioni DOC nazionali. Cominciamo con i dati regionali, poi vedro’ se si riesce a fare qualcosa a livello di singole denominazioni. I dati sono relativi alle iscrizioni (iscritti e superfici), alle produzioni (idem), alle rese e alle dimensioni medie di produzione. Le tabelle qui di seguito fanno riferimento non alle iscrizioni ma bensi’ alle denunce (cioe’ alle produzioni realizzate).

This is the first post on a database provided by Federdoc, the Italian association of DOC wines. Building this database has been quite a long work, I hope to be able to exploit it also with some data on the single denominatins. The data we show in this post is referred to actual production, areas and producers and the cut is by regions.

Numero di produttori. Il Piemonte e il Trentino con 34mila e 25mila produttori sono di gran lunga al di sopra di ogni altra regione. Rappresentano insieme il 40% dei produttori DOC Italiani. Abbastanza sorprendentemente, a mio parere, in Sicilia ci sono soltanto 432 produttori DOC, mentre ce ne sono 1009 in Valle d’Aosta, per esempio…
Number of producers. Piedmont and Trentino with 34k and 25k producers are the most important on this ranking. THey sum up together 40% of total Italian producers. Quite surprisinglu, al least for me, in Sicily there are only 432 producers owning producing DOC wines, while there are more than double in Aosta Valley, for example…

RegioneProduttori DOC
Piemonte34.361
Trentino AA24.556
Veneto13.846
Emilia Romagna13.047
Friuli VG11.087
Lombardia10.879
Abruzzo9.065
Toscana8.709
Puglia4.065
Lazio4.022
Marche3.080
Sardegna2.557
Campania2.471
Umbria1.864
Liguria1.853
Valle d’Aosta1.009
Calabria597
Sicilia432
Molise341
Basilicata244
Fonte Federdocdati 2004

 

Continua a leggere »

Cantina La Vis – bilancio 2006 – seconda puntata

nessun commento

Prima di passare al capitale investito vale la pena di dare un’occhiata ai margini. LA VIS, come molte altre cooperative nel 2006 ha leggermente migliorato i margini, passando da circa il 6% a poco piu’ del 7%, principalmente in ragione della riduzione del costo delle materie prime (uva). Il peso dei costi delle materie prime sul fatturato e’ sceso dall’89% all’85% nel 2006 rispetto al 2005. A livello di utile netto, La Vis ha mantenuto una posizione di sostanziale pareggio.

We give a look to the margins before talking about invested capital. LA VIS slightly improved margins as other cooperatives did in 2006, moving from 6%  to slightly more than 7%, mainly thanks to the reduction of raw materials costs. The weight of purchases declined from 89% to 85%. Net profit was at breakeven.

 

LAVIS2-x1.bmp

 

Continua a leggere »