Risultati per "valore vigneti regione"

Liguria e Valle d’Aosta – produzione di vino 2014 – dati ISTAT

liguria 2014 2

 

Non parliamo spesso di Liguria e Valle d’Aosta nel blog e oggi è l’occasione per ricucirre il buco. Oltretutto, ho un bel ricordo di una visita a Les Cretes, dove ho potuto toccare con mano la bellezza dei vigneti di Aymavilles, dopo che da tempo ne apprezzavo i prodotti. Tornando a noi e al perchè oggi siamo qui, gli andamenti produttivi 2014 sono divergenti per queste due regioni. La Liguria ha registrato un forte recupero nel 2014 dopo due annate terribili, tornando quasi allineata alla media degli ultimi 5 anni (peraltro inficiata appunto dal 2012 e 2013); diversamente, la Valle d’Aosta ha subito pesantemente l’andamento climatico sfavorevole e ha chiusto il 2014 con una produzione del 25-30% inferiore ai livelli medi recenti. Passiamo a leggere i numeri insieme.

Continua a leggere »

Laurent Perrier – risultati 2013

laurent perrier 2013 0

 

I discorsi che ultimamente abbiamo fatto commentando i risultati delle varie aziende (Vranken Pommery, Lanson) della regione dello Champagne possono essere replicati per quanto riguarda Laurent Perrier: le vendite non crescono più, nonostante tutti si sforzino di focalizzarsi sui prodotti a maggiore valore aggiunto, come le riserve, i cru e i millesimati. E’ il caso di Laurent Perrier. Nell’anno terminato a marzo 2014 le vendite non crescono, i margini sono stabili e l’utile netto si muove soltanto grazie al calo degli oneri finanziari e delle tasse. L’unico sobbalzo è la rivalutazione delle vigne per 23 milioni, che fa crescere il patrimonio netto. La strategia è immutata: Laurent Perrier mira a espandersi nella distribuzione, mettendo in piedi la sua distribuzione diretta nei nuovi mercati. Cosa succederà ai risultati? I recenti segnali molto negativi di LVMH non aiutano certo a ben sperare…

Continua a leggere »

Il futuro del vino di qualita’ – intervento al convegno organizzato presso Ca’ del Bosco

Lo scorso martedì ho avuto l’onore di partecipare a un convegno sul futuro della qualità del vino, tenutosi presso la tenuta Cà del Bosco a Erbusco. Quello che Maurizio Zanella definisce il “numero zero” di un dibattito sull’evoluzione della qualità del vino in Italia si è rivelato un incontro molto interessante, dove si sono scontrate le visioni di produttori di vino orgogliosamente artigiani e illuminati con la realtà (ben rappresentata dal luogo dove l’incontro si è svolto) di un’azienda che con oltre 2 milioni di bottiglie vendute si presenta come una vera e propria macchina da guerra oliata alla perfezione per massimizzare la qualità del suo prodotto.

Si è parlato di tradizione, di come comunicare il vino, di tendenze dei consumi con particolare riferimento alle recenti “derive” del biologico.

Per parte mia, e di seguito trovate il mio intervento così come l’avevo preparato (ed espresso nell’incontro), la questione del futuro della qualità del vino è centrale per evitare che questo settore diventi, come altri nel nostro paese, una fonte di minacce invece che di opportunità. Il riferimento che troverete all’industria automobilistica non è casuale. La mia, nell’ambito di una serie di interventi piu’ tesi verso gli aspetti di comunicazione, e’ una voce un po’ fuori dal coro che cerca di porre la questione in termini piu’ “aziendalistici”.

A mio avviso, probabilmente oggi il problema principale del vino italiano è quello della mancanza di marchi forti. Se sulla qualità intrinseca del prodotto si può sempre lavorare,  oggi credo che il lavoro debba focalizzarsi di più sugli aspetti intangibili del prodotto, sul marchio. È necessario lavorare sul valore che i consumatori percepiscono del prodotto, perchè in quello ci sono gli spazi maggiori per fare la differenza. Come su molti altri aspetti in questo settore (ma anche in quello del lusso), la Francia può insegnarci diverse cose su come valorizzare i marchi e “staccare” il valore del prodotto dal suo valore intrinseco.

Segue l’intervento.

 

Buongiorno a tutti, sono onorato di partecipare a questo evento e portare il mio contributo. Come redattore di un blog che si chiama “I numeri del vino” cercherò di fornirvi qualche numero e qualche concetto per portare avanti la discussione sul tema della qualità e di come può essere coniugata con il del tema “biologico”.

Partiamo proprio con i numeri, che sono pubblici e forniti da un organismo chiamato SINAB. Questa sera il blog “I numeri del vino” pubblicherà i dati sulla viticoltura biologica del 2011.

  • I numeri dicono che le superfici bio in Italia sono l’8% della superficie vitata, considerando sia quelle convertite che quelle in fase di accreditamento.
  • Si tratta di 53mila ettari, di cui 19mila circa in conversione. Quello che leggerete stasera è che gli ettari “già” biologici nel 2010 erano 43mila mentre nel 2011 sono scesi a 34mila: stanno calando insieme alla superficie vitata generale. Nel 2011 si può stimare che a fronte di 12mila ettari “entrati” a far parte della categoria, circa 20mila ne sono usciti.
  • La localizzazione geografica ci fornisce ulteriori indicazioni e ci fa comprendere che la viticoltura biologica è un fenomeno regionale e non nazionale.
    • Primo, la viticoltura biologica è soprattutto concentrata nel centro sud dell’Italia. Il 30% è in Sicilia, il 15% in Puglia, il 10% in Toscana, il 7% in Abruzzo e così via.
    • Secondo, la penetrazione per regione ci dice, di nuovo, che l’8% nazionale è una media del pollo. Ci sono regioni dove si scommette pesantemente sul biologico come l’Umbria (24% del vigneto), Calabria (24%), Marche (21%), Sicilia (14%), Basilicata (12%), Abruzzo (12%), Lazio (11%). Ci sono regioni dove invece questa pratica non viene adottata, e queste regioni sono soprattutto nel centro nord del paese: la conversione al biologico riguarda il 5% o meno dei vigneti in quasi tutto il Nord Italia, quindi Piemonte e Liguria, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto.

 Quindi i numeri del SINAB ci dicono che il fenomeno non è più in crescita tumultuosa come è stato negli ultimi anni e che è una pratica che non è abbracciata in modo uniforme nel paese. Ci sono probabilmente ragioni climatiche (è più difficile coltivare un vigneto biologico che uno “trattabile”) ma certamente il fatto che nel Nord, dove una buona parte del vino di qualità e concentrato, non abbia abbracciato la pratica dovrebbe fare pensare.

 Inquadrare il discorso a partire dal consumatore e dalle sue preferenze e corredarlo di numeri è più difficile. Il consumo di vino si sta trasformando, da quantità a qualità, da volume a valore, da consumo abituale a consumo sporadico, da alimento a bene voluttuario.

Tutti questi concetti continueranno a trasformare il modo di produrre e di vendere il vino.

Attualmente, pochi studi sono disponibili sul concetto di vino di qualità e sulla “deriva” biologica. Quello che mi sembra di poter dire è di non aver visto nessuno studio dove i consumatori associano il concetto di qualità al concetto di “biologico” nel vino come sembra essere vero in altri alimenti.

Qualcuno comincia a pagare un premio per avere vini senza solfiti o con contenuto ridotto, ma di nuovo la qualità oggi è legata ad altri aspetti. Alcuni studi in USA hanno evidenziato che il prezzo dei vini ha una correlazione con i giudizi delle guide, mentro meno evidente è la connessione con i temi “biologico”.

 Tutto ciò per concludere che in questo momento il tema del vino di qualità è centrale, perchè il consumo si muove in quella direzione. Mutuando l’esperienza di altri settori dove il tema della qualità è importante, mi sembra che:

  • Il concetto di qualità va comunicato con un marchio. Il valore del marchio va coltivato ed è importante per identificare il prodotto di qualità e consente di “staccare” il valore del prodotto dal suo valore intrinseco.
  • Quindi, c’è una chiara correlazione tra la qualità del prodotto, il valore del marchio e il ritorno economico di chi lo produce. Il prodotto FIAT oggi perde soldi, il prodotto BMW guadagna il 5-6% del fatturato,  il prodotto Porsche il 10%, il prodotto Ferrari oltre il 15%. Il “lusso” paga e questo deve certamente essere vero anche nel mondo del vino.
  • Il tema del “biologico” può essere un complemento a costruire la qualità di un prodotto ma certamente un vino di qualità deve prima “essere considerato buono” dai consumatori e avere un marchio che ne esprima un concetto, così come il marchio BMW esprime performance superiori e il marchio Mercedes solidità.

Puglia – produzione di vino e superfici vitate – aggiornamento 2011

La Puglia ha prodotto nel 2011 5.7 milioni di ettolitri di vino e mosti, il livello piu’ basso degli ultimi anni, in linea con il 2007 e del 25% in ribasso rispetto al 2010. Frutto presumibilmente del forte calo delle superfici vitate, che sono scese a 97mila ettari nel 2010 (censimento) da 111mila nel 2000 e potrebbero essersi ulteriormente ridotti a 85mila nel 2011. Molti indicatori qui commentati puntano nella direzione giusta: la produzione in valore non scende (-1%), quindi il valore del prodotto aumenta. Infatti, la produzione di vini DOC e soprattutto IGT continua a crescere (quest’ultima anche in valore assoluto), portando il sistema vinicolo pugliese su livelli piu’ sostenibili nel futuro. Analizziamo i dati in dettaglio.

Continua a leggere »

Sicilia – produzione di vino e superfici vitate – aggiornamento 2011

La produzione di vino in Sicilia e’ crollata nel 2011 del 29% a 4 milioni di ettolitri, con un andamento sostanzialmente allineato nelle varie province, anche se il confronto e’ reso molto difficile dalla presenza fino al 2010 dei mosti che invece nel 2011 non erano piu’ inclusi. Il vigneto sta calando (il censimento parla di una riduzione del 10% circa tra il 2000 e il 2010, ma altri vigneti sono presumibilmente stati espiantati nel corso del 2011, ma a questo non corrisponde una vera e propria “riqualificazione del prodotto”: in altre parole, la produzione di mosto non e’ scomparsa (per quanto visibilmente copiata dal dato 2010), e anche la produzione di vini DOC scende del 12%. Sembra, come abbiamo visto lo scorso anno che i produttori siciliani siano molto affezionati alle IGT, che invece sono stabili a 2.3 milioni di ettolitri e rappresentano ormai quasi il 60% della produzione regionale (mosti esclusi).

Continua a leggere »