Italia


Lombardia – principali vitigni – aggiornamento ISTAT 2010

nessun commento
lombardia censimento 2010 g1

 

La Lombardia del vino  non sembra avere un approccio molto deciso e specializzato. I dati del censimento 2010 di ISTAT relativamente alla superficie per vitigno ci mettono di fronte a una situazione molto chiara, per quanto riguarda la vocazione ampelografica alcune province minori. Tutto funziona bene a Sondrio, e in parte a Brescia fino a quando si arriva in provincia di Pavia, che peraltro è la vera anima vinicola della regione, dove la situazione è molto meno definita, con 4-5 vitigni che sono coltivati su superfici importanti. Detto questo, la superficie è fortemente incentrata sulla qualità, dato che oltre quattro quinti della superficie è registrata come DOC. Passiamo velocemente ai numeri.

Continua a leggere »

Indebitamento e leva delle principali aziende vinicole – dati 2012, MBRes

3 commenti
debito 2012 0

 

Eccoci alla terza e ultima puntata delle classifiche di Mediobanca relative alle principali aziende italiane, dalla quale noi estrapoliamo e integriamo i dati delle aziende vinicole. Ci occupiamo oggi di mettere in fila il settore in base alla salute finanziaria, cioè al livello di debito e alla sua relativa sostenibilità. Chi legge queste pagine forse si annoierà ma il grafico qui sopra, che sembra così complicato posiziona i principali operatori in base a due parametri: quello verticale, rapporta il debito al patrimonio dei soci, “quanto ci hanno messo i creditori rispetto a quanto ci hanno messo i soci”; quello orizzontale rapporta il debito al valore aggiunto, cioè a una misura di generazione di profitti, per dire “quanto è il debito rispetto alla capacità dell’azienda di ripagarlo attraverso la sua attività”. Cosa vedete dal grafico che poi vedrete nei tabelloni interni? Beh, che le due misure sono sostanzialmente correlate, il debito è debito, in fondo. Che come ci si aspetterebbe, le cooperative sono “sopra la linea”, perchè hanno patrimonio a supportare il debito ma non utili; leggerete che ci sono in Italia aziende molto indebitate come Gancia (ricordate un post nel 2008 su queste pagine che parlava della sua ristrutturazione) e di aziende come Antinori che hanno promosso importanti investimenti senza mettere a repentaglio la solidità finanziaria dell’azienda. Insomma, se vi interessa, “voltate pagina” e proseguite la lettura!

Continua a leggere »

Campania – principali vitigni – aggiornamento ISTAT 2010

nessun commento
campania censimento 2010  1

 

Proseguiamo il viaggio tra gli innumerevoli vitigni italiani con la situazione della Campania, fotografata dal censimento ISTAT 2010. Come potete vedere subito dalla torta sopra, è una regione con una grande varietà di vitigni, ed è una regione famosa per i vini bianchi, nonostante l’Aglianico sia di gran lunga il vitigno più coltivato. Per quanto la DOC sia soltanto il 41% delle superfici regionali, come vedremo è piuttosto interessante notare come questo 41% sia in realtà concentrato su alcuni vitigni autoctoni bianchi e sull’Aglianico, che caratterizzano la produzione di qualità della regione.

Continua a leggere »

Vendite al dettaglio di vino in Italia – aggiornamento a settembre 2013

nessun commento
vendite dettagli q313 1

 

Nel contesto di un commercio al dettaglio in fase di graduale stabilizzazione, il terzo trimestre sembrerebbe essere stato positivo per il settore del vino. Le vendite al dettaglio sono cresciute del 4% sui 9 mesi dell’anno, leggermente meglio del dato rilevato alla fine del semestre. L’andamento migliore è ancora appannaggio di due categorie di prodotto: i vini comuni, quindi il basso di gamma e gli spumanti che dopo l’altalena dei primi due trimestri dell’anno (legata anche alla Pasqua) crescono del 7% nel trimestre e del 9% circa sui primi 9 mesi. Ma per loro, come ben sapete, il periodo critico è quello che comincia proprio in questi giorni. Andiamo a vedere i numeri.

Continua a leggere »